Gp Italia - Gara

Gp Italia - Gara

By:
3239

E’ proprio vero, a Monza esiste una sorta di legge invisibile, nascosta nella leggenda e applicata con impeccabile puntualità, una specie di norma messa su fantomatica carta con inchiostro esclusivamente rosso… E’ la legge del dominio Ferrari nel cuore della marea rossa, un cuore enorme su cui è tatuato il simbolo eterno del Cavallino, carico di storia recente e antica. Fernando Alonso coglie la sua prima vittoria in rosso sul circuito italiano per eccellenza, tra i più antichi del mondo avendo quasi un secolo di vita. Michael Schumacher, al suo anno d’esordio in rosso, riuscì nell’impresa di vincere già alla prima stagione il gran premio di casa per la Ferrari. Era il lontano 1996. Altra epoca, in cui il tedesco era ancora lontano dal vincere titoli a ripetizione. Quest’impresa non riuscì a Kimi Raikkonen, che al suo primo anno in Ferrari, nel 2007, vinse invece la gara d’apertura e non quella di Monza. Alonso, invece, ha riunito queste due piccole grandi imprese, vincendo sia la gara d’apertura di stagione che il gran premio d’Italia nel suo anno d’esordio a Maranello…


Lo spagnolo si porta a quota tre vittorie, riaprendo un mondiale che dopo il Belgio sembrava per lui prossimo alla chiusura. Gara esaltante, quella corsa oggi a Monza: per circa due terzi gara non c’è stato altro che un vero corpo a corpo tra Jenson Button e Fernando Alonso, che partiva in pole ed è stato sopravanzato dall’inglese, nonostante la McLaren partisse dal lato sporco. La Ferrari è stata nettamente più veloce rispetto alla McLaren, comunque in grado di difendersi grazie a una buona dose di carico aerodinamico, utile nel secondo settore. Tutto si è giocato sul filo delle frazioni di secondo: pit stop un giro prima per Button e un giro dopo per Alonso, con un gran lavoro dei meccanici Ferrari, che hanno consentito a Fernando di prendere la testa della corsa con un vantaggio minimo su Jenson, poi incapace di riprendere un’ottima Ferrari nel finale di gara.
Grande delusione per Lewis Hamilton, uscito subito di scena per un contatto con Felipe Massa (che di contatti ne ha avuti anche con il compagno di squadra; conseguenze zero grazie alla solidità della F10) e con la sospensione anteriore destra ko. Uno zero in casella pesantissimo per l’inglese, che perde così la testa della classifica e vede i rivali di colpo più vicini. A trarre vantaggio, infatti, è stata anche la Red Bull, fortemente in difesa su un tracciato a lei non adeguato. Mark Webber ha conquistato punti preziosi grazie al sesto posto finale, così come Vettel, che ha chiuso quarto. Una domenica davvero speciale, coronata dall’hat trick di Alonso (pole, vittoria e giro veloce), simbolo di dominio quasi totale. Adesso si guarda già alla prossima gara, quella di Singapore, fascinosa e assolutamente unica per lo scenario notturno e il suo straordinario sistema di illuminazione. Questa sarà la terza edizione; la prima la vinse proprio Fernando Alonso nel 2008, anche se con lo spettro di quel (falso) incidente provocato da Piquet Jr… Altri tempi, altre storie. La Ferrari deve sperare che l’evoluzione della F10 funzioni bene anche lì, perché le Red Bull molto probabilmente saranno di nuovo le vetture da battere…

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio d'Italia 2010



Commenti
- Formula1.it
Fernando Alonso porta la Ferrari al trionfo sul circuito di Monza! Grande festa rossa nell'appuntamento ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it