Red Bull da pole, parola di Ricciardo

Red Bull da pole, parola di Ricciardo

By:
2199

"Sì, la mia macchina è da pole qui. Sicuramente".
Esordisce così Daniel Ricciardo alla fine delle due sessioni di prove libere del Gran Premio di Singapore.
Dichiarazioni forti, decise, anche molto coraggiose visto il trend stagionale delle pole position (che ha visto protagoniste solamente Mercedes e Ferrari).

Dichiarazioni non così infondate invece visti i risultati delle prove libere di oggi, dove le Red Bull non hanno trovato sul loro percorso veri rivali, in particolare in simulazione qualifica, se non Vettel, che però rimane un punto interrogativo, in quanto non ha espresso il suo vero potenziale a causa di un errore nel giro buono, mentre in simulazione gara le RB13 sembrano essere più in difficoltà.

"Mi aspettavo di essere così forte. Lo dicevo ieri. Qui abbiamo una buona chance. Oggi la RB13 è andata molto bene, mi piace questa pista. Con questo caldo è davvero molto dura ma sono preparato. Oggi è stata una buona giornata, com'è successo a Budapest, ma domani e domenica dovremo finire il lavoro iniziato oggi" prosegue così il pilota australiano nell' analisi della sua giornata.

Ed il numero 3 della Red Bull ha ragione, perché la casa di Milton Keynes punta molto su questa gara, che se non l' ultima, è la gara con le migliori chance tra quelle che restano fino alla fine del campionato per i "bibitari", ed infatti lo staff tecnico guidato da Adrian Newey non si è fatto cogliere impreparato, portando a Marina Bay un sostanzioso pacchetto di aggiornamenti per massimizzare le prestazioni della monoposto su questo tipo di pista (favorevole alle caratteristiche del circuito cittadino asiatico).

Non si aspettava forse di essere così forte, Daniel Ricciardo che è apparso in grande spolvero, e che a parità di macchina è stato in grado di infliggere mezzo secondo al compagno di squadra Max Verstappen, il quale sarà costretto a fare le ore piccole, per limare sia lavorando sul set-up sia sulla guida, il divario dal compagno di squadra.

Il pilota di Pearth risponde poi alle domande sul suo long run, e sulle possibili strategie per Domenica:


"Le mie Supersoft si sono distrutte. C'era anche un taglio e non avevo opportunità di prevedere quanto potessero durare. Ma alla fine con le Ultrasoft ho fatto tanti giri. E' stata una sorpresa, ma forse proveremo a fare uno stop".

L'australiano lascia così tutte le porte aperte sulle possibili strategie per la gara, con la tattica a due soste data come favorita, ma come si è intuito durante le FP2, non è da scartare completamente la possibilità di fare solo un pit-stop andando nel secondo stint di gara su gomme soft.

Infine Ricciardo, visibilmente provato dalla fatica della guida in condizioni al limite, parla delle problematiche fisiche legate al caldo asfissiante e all' elevata umidità che i piloti dovranno affrontare durante la gara, vista anche la quantità di giri da percorrere:

"Quest'anno è davvero dura. Ora il giro è 1'40"8, quasi 2" più rapido dell'anno scorso. E' davvero dura fisicamente, però va bene, tutti sapevano che condizioni avremmo trovato. Mi piace questa sfida".

Prepariamoci dunque a vivere un Gran Premio che potrebbe riservare moltissime sorprese, e con una Reb Bull che potrà svolgere un ruolo fondamentale andando ad avvantaggiare (o svantaggiate) una delle due principali pretendenti al Titolo Mondiale, Ferrari e Mercedes, le quali, più passano le gare, non si possono permettere passi falsi.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Singapore 2017


Tag
gp singapore | fp2 | daniel ricciardo |


Commenti
- Formula1.it
Dichiarazioni non così infondate invece visti i risultati delle prove libere di oggi, dove le Red Bull ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it