Gp Giappone: il pensiero dei lettori di Vito Quaranta

By:
550

Se il mondiale 2017 di F1 potesse essere paragonato ad una montagna russa questa sarebbe composta sicuramente da tantissimi saliscendi e loop mozza fiati, ma sicuramente anche da una discesa lunghissima e velocissima....che poi è quella che Ferrari (reparto tecnico e piloti) ha fatto trovare alla corazzata tedesca!
Non si vedeva una monoposto cosi competitiva a Maranello da 10 anni, dove per competitiva non mi riferisco al fatto che vince e fa pole; ma soprattutto al fatto che la GeS sforna (specie dopo l'estate) evoluzioni che funzionano!
Funzionano, dal punto di vista di correlazione di dati, perchè poi sulla pista succede quello che nessuno vorrebbe vedere...il ritiro.

Ma questo accade (giustamente) perchè abbiamo a che fare con parti elettro meccaniche, e quindi soggette a rottura; e perche quando si spinge sullo sviluppo bisogna aspettarsela una cosa del genere.
Questo però, non deve essere considerato come un demerito, ma se mai un segnale molto positivo da parte di Ferrari che sta preparando (si spera!) il terreno per gli anni a venire a partire da quella buona base che si chiama SF70H.
A Maranello hanno fatto un mezzo miracolo recuperando tra il 2015 (2014 1° anno, e non conta, come non conta per gli altri motoristi) e il 2016 quel gap motoristico che c'era contro gli anglo tedeschi di AMG prima, e a livello di telaio con il cambio regolamentare dopo.
L'unico appunto che mi sento di fare a quel di Maranello è quello di far valere di più il loro peso politico e di lottare (veramente?) nelle stanze dei bottoni e non subire passivamente tutto ciò che accade (leggi modifica fondo flessibile e omologazione PU con minor consumo di olio nel combustibile).
Ad ogni modo un grande plauso alla GeS che finalmente ha osato, ha creato e perchè no, ci ha fatto illudere!
Questo mio pensiero, però mi porta alle responsabilità che ho citato all'inizio di questo scritto (definirlo articolo sarebbe un insulto per i professionisti, sono un semplice appassionato) e cioè a quelle dei piloti i quali non sono esenti da errori.


Da Raikkoniano (inizio dal male minore, anche se per molti potrebbe essere il peggiore) non posso essere contento dell'andamento di Kimi, troppo incostante purtroppo nelle prestazioni per poter pensare di impensierire AMG nel titolo costruttori; ma è anche vero che Kimi spesso e volentieri è stato sacrificato alla causa (quando Seb aveva la pu EVO 3 Kimi aveva la 2!) al fine di poter dare la possibilità al tedesco di portarsi avanti in classifica (GP di Montecarlo su tutti!).
L'anno prossimo sarà l'ultimo per il nostro santo bevitore e sebbene ci sia una clausola di uscita prematura nel suo contratto non credo che la scuderia gli faccia questo sgarbo; considerando la sua indiscussa fedeltà alla bandiera!

Ed ora passiamo alla vera nota dolente...Sebastian Vettel.
Questo argomento che ho già toccato sul social twitter (e che mi è costato insulti e accuse di antiferrarismo) lo voglio riprendere in maniera più esaustiva.
Signore e Signori, considerando la bontà della SF70H di cui ho discusso prima, se Ferrari e quindi Seb non conquisteranno il titolo piloti è solo ed esclusivamente colpa del tedesco!
Conti alla mano il gioco è presto svelato:

  • A Baku dopo quella scellerata ruotata di Seb ai danni di Lewis; a fine gara, la classifica recitava rispettivamente 4° e 5°. Sappiamo quello che è successo a Lewis con il poggia testa, ebbene se Seb non avesse fatto quello che ha fatto avrebbe vinto e con Lewis 5° avrebbe incassato un +15.
     
  • A Singapore se non avesse stretto come se non ci fosse nessuno (ma purtroppo per lui qualcuno ce l'aveva eccome: Max "boia chi molla" Verstappen) sarebbe passato indenne alla prima curva e ammesso e non concesso che si fossero fatti fuori solo Max e Kimi con Lewis 2° avrebbe incassato un altro +7 che con i 15 di Baku fanno 22.
     
  • Sottraeteli al +59 attuale di Lewis (37 punti) e capirete come a 4 GP dalla fine il mondiale sarebbe apertissimo!!

Sono perfettamente consapevole che la mia considerazione si presta anche a tante altre interpretazioni ma il succo del discorso è che quando la carrozza non spinge è il cavallo (di razza!) che hai che deve fare la differenza. Purtroppo Seb a differenza di Lewis (addirittura si è messo a fare il ragioniere quest'anno..vedi la blanda resistenza a Max in Malesia) ha mancato in questo ed ora si raccolgono i cocci.
Mi auguro che in questi ultimi GP la Ferrari non solo abbia ritrovato il bandolo della matassa dell'affidabilità, ma che ci regalino 4 perentorie vittorie e per il morale, e per l'orgoglio e per gettare delle solide fondamenta in chiave 2018.
Abbiamo bisogno di un Seb sereno e lucido, troppo nervoso a mio giudizio quest'anno; ha accusato eccome la pressione...rossa!
Non ci resta che guardare in positivo per il futuro...e goderci questo ultimo scorcio di mondiale.

Articolo originale su Suzuka-il-pensiero-dei-lettori-di.html" rel="nofollow" target="_blank">f1analisitecnica.com


Tag
gp giappone | vettel |


Commenti
- Formula1.it
Se il mondiale 2017 di F1 potesse essere paragonato ad una montagna russa questa sarebbe composta sicuramente ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it