Renault e Red Bull per forza insieme

Renault e Red Bull per forza insieme

By:
2841

La Renault potrebbe essere obbligata a fornire la Power Unit alla Red Bull nel 2022, poiché l'allegato 9 del regolamento sportivo della FIA obbliga il costruttore con il minor numero di squadre partner a fornire una scuderia che non ha alternative.

Dal prossimo anno la Mercedes avrà quattro squadre e la Ferrari tre, mentre attualmente l'unico impegno della Renault è quello con il suo stesso marchio rinominato Alpine.

Renault ha fornito motori alla Red Bull dal 2007 al 2018, una collaborazione che ha portato a quattro doppi campionati mondiali tra il 2010 e il 2014.

Tuttavia, il rapporto tra il capo della Renault Sport Cyril Abiteboul e il direttore del team RBR Christian Horner è finito male. Un rapporto che si è incrinato nelle stagioni 2017 e 2018 quando Horner accusava pubblicamente Renault di fornire motori non in grado di competere con gli altri. Momenti di grande tensione testimoniati anche nella serie TV "Drive to survive" prodotta da Netflix portando le telecamere dentro il paddock e nei retroscena del Circus della F1.


Autosport ha intervistato Abiteboul che, sebbene consapevole degli obblighi imposti dal regolamento, non è sembrato entusiasta di fornire Alphatauri e RB che di fatto sarà una diretta concorrente di Alpine nelle prossime stagioni:

"Posso confermare che non c'è stata assolutamente nessuna conversazione fino a questo punto. Siamo protagonisti in F1 e siamo ben consapevoli del regolamento, e abbiamo tutte le intenzioni di rispettare il regolamento e i nostri obblighi. Ovviamente la cosa è un po' più articolata: dobbiamo ricevere una richiesta ufficiale, e non è ancora successo, e in secondo luogo ci sono circostanze molto specifiche, anche temporali, perché questo accada. E siamo ancora abbastanza lontani da quel momento, che non sarà prima della primavera del prossimo anno. Sappiamo che in F1 molte cose possono accadere in un tempo molto limitato, e la primavera del 2021 è ancora molto lontana. Può succedere ogni cosa. Come ho detto, rispetteremo qualsiasi obbligo che possa derivare da questa circostanza".

Alla domanda se una riunione con la Red Bull sarebbe imbarazzante data la loro storia comune, Abiteboul ha risposto: "Penso di sì, ma ovviamente dobbiamo guardare allo sport. E penso che siamo ancora molto lontani dal dover attraversare quel ponte. Non posso immaginare che la Red Bull non abbia un qualche piano sullo sfondo. Chiaramente dovevano esserne consapevoli, e Helmut e Christian sono pieni di mosse e soluzioni. Non mi aspetto che noi saremo il loro Piano A".

Abiteboul ha aggiunto che la decisione della Honda di ritirarsi dalla F1 alla fine del 2021 non è stata una sorpresa totale.

"Sappiamo che è sempre qualcosa che può succedere. Sapevo che dovevano confermare la loro posizione dopo il 2021, e ora probabilmente era il momento di farlo - e forse la mancanza di conferma era già un'indicazione, perché quando vedo quanto siamo già avanzati noi nella progettazione del motore del 2022 immagino che sia di fatto una qualche forma di orientamento".


Tag
red bull honda | red bull renault |


Commenti
- Formula1.it
Il rapporto tra i due è terminato malamente nel 2018 ma Renault potrebbe essere obbligata a fornire ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it