La Formula 1 guarda oltre i motori a combustione interna

La Formula 1 guarda oltre i motori a combustione interna

By:
2965

A partire dal 2026 avremmo potuto assistere ad una nuova rivoluzione in F1, un nuovo concetto di motore incentrato ancora di più sull'elettrico e l'idrogeno come combustible sostenibile.

La decisione di Honda di abbandonare la F1 dopo il 2021 ha acceso il dibattito sulla necessità che il campionato sposti l'attenzione su una tecnologia dei motori più radicale, ma la situazione economica mondiale e la crisi della pandemia ha rallentato questo processo di innovazion. Una nuova generazione di ibridi sembra quindi la strada giusta da percorrere, spingendo al limite le innovazioni che si possono poi trasferire nel mercato consumer.

"È importante che la parte più in vista del nostro sport sia sostenibile e possa avere benefici reali", si legge in una nota della F1. "Crediamo che con oltre un miliardo di veicoli su 1,1 miliardi di veicoli nel mondo alimentati da motori a combustione interna, abbiamo il potenziale per essere all'avanguardia nelle tecnologie che riducono le emissioni di carbonio nel settore automobilistico a livello globale. Crediamo anche che non ci sia una soluzione unica per le tecnologie motoristiche del futuro, ma che un motore ibrido a carburante sostenibile sarà un momento significativo per lo sport e il settore automobilistico".


Da diversi mesi è stato istituito un gruppo di lavoro composto da personale della F1 e della FIA per studiare la tecnologia dei motori del futuro basata sull'uso di carburanti sostenibili.

"Questo gruppo sarà ampliato per includere specialisti degli OEM e dei fornitori di energia, oltre a cercare le competenze di gruppi di ricerca indipendenti".

La F1 ha anche spiegato dettagliatamente come abbia fatto progressi nel tentativo di ridurre l'impronta di carbonio dello sport ed ha ottenuto il più alto riconoscimento di sostenibilità che la FIA possa assegnare. Sono state implementate anche diverse procedure di lavoro remoto, specialmente per quanto riguarda le riprese televisive gestite a distanza dalla sede centrale di Biggin Hill, riducendo il personale e il trasporto di circa un terzo.

Dal 2021 inoltre, la F1, la FIA e i team mirano a ridurre in modo significativo la quantità di bottiglie di plastica monouso, posate e rifiuti alimentari nei box e nel paddock.

Anche le scuderie hanno avviato iniziative in tal senso e la Red Bull ha recentemente annunciato i propri piani per ridurre drasticamente le proprie emissioni.

Come parte di un nuovo progetto 'No Bull', in collaborazione con Gold Standard, vuole essere neutrale dal punto di vista delle emissioni di carbonio già in questa stagione, e ridurre le sue emissioni di CO2 di 5000 tonnellate per la lunga stagione 2021 con ben 23 gare.


Tag
f1 ambiente | motori idrogeno f1 | motori elettrici f1 |


Commenti
- Formula1.it
I vertici della massima serie confermano l’impegno a favore di motori ibridi per la nuova generazione ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it