Prost: La mia vita è legata a Senna, quando decisi di ritirarmi mi disse una cosa

Il Mondiale 2021 è stato uno dei più accesi e combattuti nella storia della Formula 1, con Max Verstappen e Lewis Hamilton protagonisti di una battaglia incredibile fino all'ultimo giro dell'ultimo GP. Un duello aspro e senza esclusione di colpi, che molto ha ricordato quello tra Ayrton Senna e Alain Prost.

A proposito di Prost, proprio il francese quattro volte Campione iridato, in un'intervista rilasciata a Nico Rosberg, ha ricordato la rivalità e il rapporto con la leggenda brasiliana. Di seguito le sue dichiarazioni.

Le parole di Alain Prost su Ayrton Senna

Innanzitutto, il francese ha ricordato la loro rivalità, soffermandosi anche sul momento in cui decise di ritirarsi dalle corse:

"Ayrton si è concentrato sulla nostra sfida mettendoci il 110%. La sua più grande motivazione era quasi esclusivamente quella di battermi, anche se non ero così concentrato su di lui. Per questo motivo, dopo che mi sono ritirato nel ’93, Senna non è più stato più lo stesso. La sua armatura che aveva costruito nella nostra rivalità, era sparita e sembrava fragile. Per il 1994 avevo ricevuto un’offerta dalla McLaren, che era passata a Peugeot come fornitore di motori. Due giorni dopo l’ultimo GP della stagione 1993, Senna mi chiamò pregandomi di accettare: ‘Alain, devi rimanere in F1. Nessuno mi motiva tra gli altri piloti come te’. È stato davvero sensazionale".


Prost e Senna furono compagni di squadra alla McLaren nelle stagioni 1988 e 1989. Il team ottenne il titolo costruttori in entrambe le annate, con il brasiliano Campione tra i piloti nel 1988 e il francese nel 1989. Nonostante la parità di rendimento, Alain ha ammesso che “tutti” preferivano Senna:

"Non mi pento di averlo scelto come compagno di squadra, ho pensato al bene della squadra, ma già nella prima stagione ho percepito una preferenza per Ayrton da parte di tutti. Il pubblico era diviso tra me e Senna e io ero visto come il cattivo. Inoltre, lui era il ragazzo giovane che stava avanzando, mentre io ero il pilota più anziano. Un po’ come è successo in Ferrari con Leclerc e Vettel".

Infine, Prost ha concluso così:

"La mia vita è legata ad Ayrton. Oggi il Brasile è come la mia seconda casa, ho molti followers da quel paese sui social media. Sono ancora in contatto con la sorella di Senna, Viviane. È come se la divisione che esisteva durante la nostra rivalità fosse scomparsa e il lato umano avesse preso il sopravvento. Forse l’eredità più bella di una storia emozionante".


Tag
prost | senna | formula 1 |


Commenti
-
Formula1.it

"È come se la divisione che esisteva durante la nostra rivalità fosse scomparsa e il lato umano avesse ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it