Bargeboard vietati nel 2022
I bargeboard davanti ai sidepod si sono evoluti fino a diventare quasi delle opere d'arte negli ultimi quasi tre decenni, dimostrando quanto sia complicata l'aerodinamica di una monoposto di Formula 1. Il nuovo regolamento dal 2022 li abolirà ...

I bargeboard davanti ai sidepod si sono evoluti fino a diventare quasi delle opere d'arte negli ultimi quasi tre decenni, dimostrando quanto sia complicata l'aerodinamica di una monoposto di Formula 1. Il nuovo regolamento dal 2022 li abolirà. Vediamo come si erano evoluti ed a cosa servivano.

I Bargeboard sono stati uno dei più importanti terreni su cui gli ingegneri hanno giocato le loro carte per tirare fuori prestazioni al limite del regolamento. Sono una rete estremamente complicata di ali, generatori, pinne, fessure e denti, ma presto saranno una cosa del passato. Dalla prossima stagione, i bargeboard saranno gradualmente eliminati in Formula 1, nella speranza di semplificare il flusso in modo tale che stare in scia ad una vettura ed effettuare il sorpasso diventino più facili.

Il direttore tecnico della McLaren James Key spiega: "Con l'auto 2022, strumenti come il vortice Y250 sull'ala anteriore, i deflettori e i bargeboard sono spariti. Questo rende più difficile condizionare il flusso d'aria nella parte anteriore dell'auto. Diventa più difficile dirigere l'aria nei percorsi desiderati"


Il vortice Y250 si crea nella zona tra la parte soggetta a standard dell'ala anteriore (25 centimetri intorno alla linea centrale) e la zona liberamente progettabile. In realtà è un flusso dannoso, ma le squadre ne hanno approfittato per migliorare il flusso d'aria intorno alla macchina e guadagnare più deportanza. Mel weekend di gara in Turchia l'aria umida consentiva di vedere questo flusso che solitamente è totalmente nascosto, flusso dall'interno dell'ala anteriore crea un vortice e viene intercettato e diretto dai deflettori. Le nuove auto con le ali anteriori eliminano il vortice Y250.

L'evoluzione dei bargeboard

Anche le bargeboard quindi entreranno a far parte della storia. Il loro arrivo in Formula 1 risale al 1993 con la McLaren MP4/8. Non ci volle molto perché la concorrenza copiasse questa soluzione che aiutava a intercettare l'aria proveniente dalla parte anteriore dell'ala e dei pneumatici e a dirigerla nella direzione desiderata verso il posteriore.

Fino al 2009 la complessità di questa zona aumentò costantemente poi le regole del 2009 hanno semplificato le auto e hanno eliminato la maggior parte delle parti aggiuntive sul telaio. Così i bargeboard si ridussero prima di tornare protagonisti otto anni dopo. Nel 2017, le macchine sono diventate più larghe e le possibilità di sviluppo dei bargeboard più libere.

Le squadre hanno continuato a sviluppare nuove forme. Modelli CFD sempre più accurati permettono di ottenere sempre più dettagli. Nel frattempo, i bargeboard sono diventate molto complesse con diversi livelli ed elementi. Influenzano l'intera struttura del flusso d'aria sulla parte superiore e inferiore dell'auto. I numerosi generatori e le alette giocano con l'aria, accelerandola e dirigendola specificamente verso l'esterno. Se fai casino in questa area, lo paghi con una perdita di deportanza.

Articolo originale su auto-motor-und-sport.de


Tag
bargeboard | regole 2022 |


Commenti
-
Formula1.it

I bargeboard davanti ai sidepod si sono evoluti fino a diventare quasi delle opere d'arte negli ultimi ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it