Ferrari in stato confusionale, Vettel salva la baracca con un terzo posto

Ferrari in stato confusionale, Vettel salva la baracca con un terzo posto

By:
859

Giunti al quarto appuntamento del mondiale di Formula Uno 2019 in casa Ferrari le cose non sembrano cambiare, con la scuderia italiana incapace di azzeccare una strategia. Durante la Q2 il team del Cavallino manda in pista le due SF90 con il compound Medium, convinto che per la gara di domani le gomme gialle fossero la scelta migliore. Peccato però che i tecnici di Maranello non hanno minimamente tenuto in conto le condizioni della pista, che in quel momento non permetteva un utilizzo nella finestra ideale di quella tipologia di pneumatici.

Inoltre il precedente incidente durante la Q1 di Robert Kubica ha contribuito a “raffreddare” una pista che già di suo, visto il particolare layout cittadino che la caratterizza, tende a far perdere temperatura ai compound quando le monoposto affrontano i lunghi rettilinei che compongono il tracciato azero. L’ovvia e scontata conseguenza di quesat solitaria e sciagurata scelta si è vista immediatamente, quando le vetture scese in pista erano da subito molto instabili in differenti punti del tracciato, provocando l’incidente di Charles e un paio di errori di Vettel che per un pelo non ha copiato il suo compagno di squadra finendo a muro proprio nello stesso punto.


Il team principal Mattia Binotto sembra avere un’altro punto di vista non menzionando la tattica erronea utilizzata nella seconda parte della sessione. Inoltre, nonostante si sia premunito di “consolare” il giovane monegasco, che domani partirà dalla decima posizione grazie alla doppia retrocessione in griglia di Giovinazzi e Gasly, è convinto che le cause dell’errore affondino le radici nell’estrema irruenza in pista di Leclerc dimostrata durante la Q2.
È davvero un peccato che la sua qualifica sia finita alla curva otto, ma purtroppo è quello che spesso succede quando si spinge troppo al limite”, dichiara il boss Ferrari ai microfoni delle emittenti televisive.

Dall’altra parte Charles esclude che l’incidente sia stato influenzato da una scelta troppo aggressiva sugli pneumatici, anche se ammette che con quelle gomme la vettura scivolava molto più del dovuto.
"Sono stato stupido... non ho fatto un buon lavoro oggi. Sono molto deluso di me stesso, me lo merito completamente perché ho commesso un grave errore... guardando la televisione è molto chiaro. Durante il primo giro sono andato bene e nel secondo mi stavo migliorando, poi ho bloccato e sono arrivato lungo sbattendo contro le barriere. Si scivolava molto con le medie e credo che anche Vettel abbia avuto gli stessi problemi, ma non c’è nessuna scusa... l’errore è mio. Farò tutto quello che posso per rimediare al mio sbaglio e tornare più forte di prima. Domani sicuramente è un altro giorno e spingerò per farlo diventare positivo, anche se sarò ancora arrabbiato con me stesso

 

L’atteggiamento di Leclerc è quello del campione, pronto ad assumersi tutte le responsabilità del caso senza cercare alibi che possano alleggerire il grave fardello posto sulle sue spalle. Detto ciò se la scuderia italiana non si dà una svegliata difficilmente potrà contrastare la corazzata Mercedes, soprattutto perché i tedeschi non sbagliano praticamente mai...

Autore: Alessandro Arcari - @BerrageizF1

Foto: Ferrari - Mercedes

 

 

Articolo originale su f1analisitecnica.com

 

 

 

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Azerbaijan 2019


Tag
gp baku | qualifiche | leclerc | vettel | ferrrari |


Commenti
- Formula1.it
Giunti al quarto appuntamento del mondiale di Formula Uno 2019 in casa Ferrari le cose non sembrano ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it