Gli autodromi italiani più belli - Elenco descrittivo delle strutture-gara più belle d'Italia
By:
1314

Gli italiani amano le corse, amano le macchine, le moto, i kart… se ha un motore e va veloce allora fa per noi. Non stupisce quindi che in Italia ci siano decine di autodromi, più o meno grandi, più o meno famosi, ma tutti in grado di far emozionare piloti e spettatori. Il mondo delle corse ha milioni di appassionati in Italia e nel mondo, persone che amano supportare i loro beniamini e divertirsi con le scommesse (segui questo link per consigli e info per l’uso del codice).

Una delle strutture più note e apprezzate del Bel Paese è sicuramente l’autodromo di Monza. Inaugurato nel 1922, la pista lombarda è il terzo circuito più antico al mondo, il secondo più antico tuttora in uso (dopo Indianapolis). I suoi 5,793km sono e sono stati terreno di battaglia per alcune delle più interessanti sfide agonistiche del passato e continuerà ad essere così per il futuro. Puoi seguire questo link per alcune statistiche riguardanti il circuito. Il “Tempio della Velocità” monzese presenta solo 12 curve ed è l’autodromo non ovale più veloce al mondo, con i record che appartengono a Rubens Barrichello (1’21”046’”) e Tom Sykes (1’42”229’”), rispettivamente su 4 ruote (Ferrari F2004) e 2 ruote (Kawasaki ZX-10R). Negli ultimi anni, totalizzando ben 5 vittorie, a farla da padrone a Monza è stato Lewis Hamilton, che ha recentemente firmato con Mercedes per un’altra stagione (ulteriori info in questo articolo).


A contendersi l’assegnazione delle gare con Monza c’è spesso l’autodromo di Imola, ospite di moltissimi eventi dei campionati italiani e di qualche evento internazionale (Superbike, Super Trofeo Lamborghini). Il tracciato, intitolato ad Enzo e Dino Ferrari, presenta 17 curve e misura 4,909km, fu inaugurato nel 1953.Di grande rilevanza c’è poi il Mugello, famoso per la MotoGP ma ospite episodico anche della F1 (2012). Definito da molti il circuito più bello del mondo, misura 5,245km distribuiti tra 15 curve e diversi saliscendi. Fu inaugurato nel 1974 ed è di proprietà della Ferrari. A braccetto col circuito toscano, c’è poi l’autodromo di Misano, intitolato a Marco Simoncelli, che ospita il motomondiale (GP di San Marino) e altre competizioni internazionali. Fu inaugurato nel 1972, presenta 16 curve e misura 4,226km.

Questi quattro sono i circuiti italiani che ospitano abitualmente gare internazionali, ma ci sono molti altri circuiti di rilievo disseminati per il paese. Per esempio, il piccolo circuito umbro di Magione (2,5km) o l’interessante pista di Vallelunga, un tempo ippodromo a tracciato ovale poi rimodellato per le corse automobilistiche. Degne di nota sono poi le strutture di Franciacorta e Adria (entrambe ospiti della NASCAR Whelen Euro Series, Adria è stata ospite anche della tedesca DTM).

Per non dimenticarci degli amanti dello sterrato è opportuno menzionare anche il circuito di Maggiora, il circuito piemontese è infatti una delle principali piste off road d’Europa e presenta tre diversi tracciati: rallycross, autocross e MXGP. Ospita il mondiale MXGP e i campionati europei delle altre due categorie.



Commenti
- Formula1.it
Gli italiani amano le corse, amano le macchine, le moto, i kart… se ha un motore e va veloce allora ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it