Red Bull: le nuove regole non ci rallenteranno
By:
2752

La Red Bull è fiduciosa che il giro di vite della FIA sulle ali flessibili non scalfirà le ambizioni di vincere il titolo nella stagione 2021.

La FIA sta per introdurre nuovi test di carico sulle ali posteriori delle monoposto di F1, a partire dal Gran Premio di Francia, nel tentativo di identificare le squadre che giocano con l'elasticità aerodinamica.

A quanto pare alcune squadre hanno escogitato dei design intelligenti che sono in grado di superare gli attuali test di carico statici eseguiti sulle ali con le vetture fermie ai box, ma capaci di farle flettere quando sono in pista alle alte velocità, fornendo un vantaggio aerodinamico.

Se l'attenzione fino ad ora si è concentrata sulla Red Bull dopo che Lewis Hamilton, inseguendo Verstappen nel Gp di Spagna, ha notato che la RB16B aveva un'ala "flessibile", il team di Milton Keynes non crede che sarà l'unico a dover apportare modifiche.


Il consulente motorsport della Red Bull Helmut Marko ha subito chiarito che nulla è stato fatto al di fuori del regolamento fino ad ora.

"L'ala ha superato il test di carico. Questo è fondamentale. Ora, ci sono nuovi criteri che hanno linee guida diverse per quanto riguarda il carico. Succede spesso quando arrivano nuove regole e le squadre scoprono zone grigie. Ma non è solo la Red Bull ad essere presa di mira, riguarda anche altre squadre".

Marko ha suggerito che anche Alpine ed Alfa Romeo utilizzani ali posteriori che si flettono ad alta velocità, quindi anche a loro potrebbe essere richiesto di rinforzare le loro ali quando i nuovi test entreranno in vigore.

Ha anche commentato la dichiarazione di Hamilton secondo cui l'ala flessibile ha dato alla Red Bull un vantaggio di 0,3 secondi al giro sul Circuit de Catalunya-Barcelona, suggerendo che abbia fatto un calcolo sbagliato confrontando i tempi sul giro con una configurazione di ala ad alta deportanza che la Red Bull ha testato venerdì in Spagna.

"La ragione per l'ala posteriore più piccola era che eravamo troppo lenti sui rettilinei", ha spiegato Marko discutendo sulla versione di ala ad alta deportanza che la Red Bull ha scelto di non utilizzare per il resto del weekend.

"Hamilton ha poi visto, mentre guidava dietro di noi, che eravamo relativamente veloci sui rettilinei e l'ha attribuito all'ala. È lì che due cose si sono sovrapposte".

Ma anche se la Red Bull non fosse più in grado di utilizzare un ala che si flette così tanto, Marko non crede che sarà un grosso problema nella lotta con la Mercedes.

"Non è certamente uno svantaggio che è decisivo per il campionato del mondo."

Ha aggiunto che quanto sta succedendo non sia molto differente da quello che la Red Bull ha già affrontato in F1 durante il suo periodo di dominio tra il 2010 e il 2013.

"È abbastanza normale. Abbiamo dovuto riadattare le ali anteriori due, tre volte a stagione durante il nostro periodo di successo nel campionato del mondo".

Articolo originale su autosport.com

Tag
ala flessibile red bull | nuovi test fia |


Commenti
- Formula1.it
Da Milton Keynes arrivano dichiarazioni importanti in merito ad un vantaggio non così importante derivante ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it