Helmut Marko: Toto dovrebbe guardare le sue ali anteriori
By:
2654

Se Mercedes dovesse protestare contro l'ala posteriore flessibile sulla Red Bull RB16B a Baku come annunciato, allora Red Bull protesterà anche per l'ala anteriore flessibile sulla Mercedes F1 W12 E Performance. Helmut Marko lo rivela in un'intervista esclusiva, che sarà trasmessa integralmente per la prima volta sabato alle 16:00 sul canale YouTube di Formel1.de.

Alla domanda del caporedattore Christian Nimmervoll, Marko conferma esplicitamente che protesterebbero in caso di protesta della Mercedes. Alla Red Bull, dice, trovano l'ultima minaccia della Mercedes "un po' strana". La FIA ha deciso che le regole saranno cambiate per quanto riguarda il test e soprattutto per la resistenza alla torsione e questo a partire dal Paul Ricard.

Questa era "una dichiarazione e un regolamento molto chiaro" e "se il signor Wolff pensa che sia troppo tardi per lui", la questione dovrebbe probabilmente essere risolta a livello legale piuttosto che sportivo. In ogni caso, Marko sente di essere nel giusto, perché: "La nostra macchina - come molte altre - è stata accettata dalla FIA e classificata come conforme alle regole".


"Secondo me, è ancora la FIA che determina la procedura", si meraviglia Marko. Se Wolff dovesse mettere in atto la sua minaccia, "è libero di farlo. Ma penso che dovrebbe anche guardare le sue ali anteriori. Perché su ServusTV e anche su Sky c'era una registrazione dove si vedeva come drasticamente questa ala anteriore si avvicina al terreno".

Per inciso, Ross Brawn è anche del parere che una protesta contro le "ali flessibili" al Gran Premio dell'Azerbaigian non ha alcuna possibilità di successo: "Penso che la FIA abbia sempre preso una linea chiara qui. Sarei sorpreso se i commissari decidessero contro il parere della FIA", ha detto il boss sportivo della Formula 1 a 'ESPN'.

Brawn (che, per inciso, non ha alcun potere decisionale in materia) ritiene che la FIA stia facendo la cosa giusta nel decidere di inasprire i test di carico per le ali dal 15 giugno: "Onestamente non vedo altro modo per risolvere questo problema. Non vedo come altro si possa quantificare".

La zona grigia deriva dal fatto che le "ali flessibili" sono in realtà chiaramente vietate dall'articolo 3.8 del regolamento tecnico. Ma ogni ala si muove sotto carico, quindi in termini puramente teorici ogni auto dovrebbe essere illegale. A questo serve l'articolo 3.9, che definisce le prove di carico. In realtà, "una palese contraddizione", dice Marko.

Per Brawn, è chiaro che se una squadra aggira deliberatamente l'articolo 3.8 con l'aiuto di un meccanismo appositamente progettato, "allora sono d'accordo che non sarebbe corretto. Ma all'interno della normale torsione della struttura, non vedo un problema", dice, difendendo l'approccio della FIA con il recente irrigidimento dei test di carico insieme alla scadenza fissata.

E ricorda che la questione delle ali flessibili è sempre esistita in Formula 1: "Ricordo che Patrick Head una volta è salito sulla nostra ala anteriore a parc ferme perché non pensava fosse abbastanza rigida. Voleva dimostrarlo a Charlie (Whiting; ndr). Così ci è salito sopra e ha fatto su e giù per mostrare quanto fosse flessibile. C'è tutta una serie di test FIA, ed è l'unico modo in cui siamo stati in grado di farlo, per definire le regole di ciò che è permesso", sottolinea l'ex capo tecnico della Ferrari. "Se superi i test e le altre squadre non ti convincono, allora sì, la FIA può inasprire i test e introdurre nuovi test in qualsiasi momento".

Articolo originale su motorsport-total.com

Foto Christian Nimmervol Twitter 


Tag
flex wings | dichiarazioni marko | dichiarazioni brawn |


Commenti
- Formula1.it
La guerra dei flexiwings in Formula 1 sta arrivando al suo culmine: dopo che Toto Wolff ha minacciato ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it