Giovinazzi

Dopo aver concluso la sua esperienza triennale all'Alfa Romeo (che gli ha preferito Zhou per il 2022), Antonio Giovinazzi è pronto per la sua nuova avventura in Formula E (alla guida del team Dragon) che inizia oggi con la prima gara ad Ad-Diriyah, in Arabia Saudita.

In vista dell'evento, il pilota italiano ha rilasciato un'interessante intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, in cui si è soffermato, ovviamente, anche sulla Formula 1. Di seguito le sue dichiarazioni.

Le parole di Antonio Giovinazzi


Sul suo obiettivo di tornare in Formula 1

"È l’obiettivo principale per il 2023. Ho lasciato una parentesi aperta. Non mi sento di avere dato tutto in quel campionato. In passato abbiamo visto che parecchi sono riusciti a tornare, come Albon, come Ocon, come io stesso dopo le due gare del 2017. Tutto è possibile. Nel 2022 ci sono tanti contratti in scadenza, quindi le speranze ci sono. Se poi non ci sarà la possibilità vedremo: intanto come andrà in Formula E. E poi c’è il programma hypercar con la Ferrari che mi interessa molto".

Sui suoi rimpianti legati alla F1

"Sfortunato? Senza dubbio. La cosa più brutta è stata andarmene dalla Formula 1 nel mio miglior anno. Se guardiamo i punti e i risultati magari no, non si direbbe. Ma sono successe tante cose, anche tanta sfortuna. È che io sono contentissimo di come sono migliorato: se guardo l’Antonio del 2019 e quello del 2021 c’è una grande differenza, nel 2021 ero molto meglio, in pista e fuori. È soprattutto per questo che mi è dispiaciuto aver perso il sedile. Voglio tornare per ottenere quel che non ho ottenuto negli scorsi tre anni".

Sulle 'strane' strategie dell'Alfa nel 2021 (che lo hanno spesso danneggiato)

"Ci sono state tante gare difficili, in cui ci sono rimasto male. Ma è andata, non si può cambiare il passato. Preferisco ricordare le gare belle, come quella dell’Arabia Saudita, perché venivo dalla notizia che non avrei continuato all’Alfa, eppure mi sono costruito un bel weekend. È stata una bellissima soddisfazione. Meglio ricordare quella. Qualcosa da recriminare riguardo la gestione dell'Alfa? No, niente. Alla fine doveva andare così. Voltiamo pagina e affrontiamo la sfida in Formula E. E se tornerò in Formula 1 darò il 120%".


Sulla Ferrari in F1 nel 2022

"Vedremo. Col nuovo regolamento c’è tanto da scoprire. Non ho ancora avuto modo di provare la nuova macchina al simulatore, lo farò dopo la gara di Formula E in Messico (11 febbraio, ndr). Io spero solo il meglio per loro, perché per me è come una seconda famiglia. Devo tanto alla Ferrari e sono contentissimo di essere il pilota di riserva. Le auguro il meglio, quello che merita. Ma prima della prima qualifica in Bahrain non sapremo a che punto saremo veramente perché speriamo e contiamo di essere migliorati ma non possiamo sapere i progressi degli altri".


Tag
giovinazzi | formula 1 | ferrari | stagione 2022 |


Commenti
-
Formula1.it

Antonio Giovanazzi tra rimpianti e consapevolezza di avere tutte le carte in regola per tornare in Formula ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it