Mercedes - Gli aggiornamenti portati a Miami hanno funzionato, ma solo parzialmente
Vediamo in dettaglio tutti gli aggiornamenti del pacchetto che per Mercedes rappresentava un punto di valutazione definitivo sulla bontà del progetto W13. Alcune cose hanno funzionato, altre meno.

Miami sicuramente non è stato il weekend di maggior successo della Mercedes, ma le Frecce d'Argento hanno portato una serie di nuove parti per la problematica W13. Mark Hughes, di formula1.com, ha esaminato queste nuove parti e il loro effetto.

La Mercedes ha introdotto un pacchetto di aggiornamenti aerodinamici che ha coinvolto varie parti della monoposto.

Gli aggiornamenti non sono stati progettati come risposta specifica ai problemi molto evidenti di porpoising, ma piuttosto, due delle modifiche erano parte di un pacchetto low-downforce su misura per il circuito di Miami e il terzo era un aggiornamento generale che dovrebbe rimanere sulla monoposto anche su circuiti ad alto downforce.

Vediamo gli aggiornamenti che hanno coinvolto il pacchetto low downforce:

Nuova ala posteriore e beam wing

La Mercedes ha portato una nuova ala posteriore specificamente progettata per le piste a bassa deportanza piuttosto che una versione semplicemente adattata dell'ala standard, con un elemento superiore molto più piccolo dello standard.
Il profilo superiore presentava un mainplane (la parte inferiore dell'ala) con un'area molto più piccola e un bordo d'attacco dritto. Inoltre anche la beam wing presentava un elemento superiore molto più piccolo.


Confronto ala posteriore Mercedes Imola Miami

La beam wing dirige il flusso d'aria dalla parte inferiore dell'auto alla parte inferiore del mainplane sopra di essa, aiutando a far lavorare meglio l'ala nel generare carico. Più intensamente lavora l'ala nella produzione di deportanza, più resistenza aerodinamica tenderà ad avere la monoposto. Sia nell'area inferiore del mainplane che nell'elemento superiore più piccolo dell'ala beam, la riduzione della resistenza ha avuto la priorità sulla massimizzazione della deportanza.

Andrew Shovlin, direttore dell'ingegneria di pista della Mercedes, ha fornito ulteriori dettagli: "Nelle precedenti piste a bassa resistenza quest'anno abbiamo semplicemente adattato la nostra ala esistente. Ma questa è specificamente progettata per questo livello di deportanza. Inoltre, quando abbiamo rifatto le ali, le abbiamo rese più leggere, aiutandoci a ridurre il peso dalla vettura".

Come la maggior parte delle auto 2022, la W13 è oltre il limite minimo di peso e sono quindi in atto dei lavori per ridurlo idealmente fino a tale soglia.

Nuova ala anteriore

Ma probabilmente la parte più interessante del pacchetto di aggiornamenti è stata la nuova piastra verticale dell'ala anteriore che ha caratterizzato un cambio di design abbastanza radicale delle fessure sul bordo inferiore che incanalano il flusso d'aria dagli elementi dell'ala fino a fuori, lateralmente, in out-washing intorno al pneumatico.

Confronto ala anteriore Mercedes Miami Imola

In basso vedete l'ala anteriore della Mercedes per Miami, con evidenziata la parte inferiore della piastra terminale. In alto l'ala anteriore per Imola, senza il taglio

L'intero angolo inferiore posteriore della piastra terminale è stato tagliato via in diagonale mostrando più elementi dell'ala e permettendo a questi elementi di deviare una maggiore quantità di aria verso l'esterno. Un piccolo taglio nell'estremità esterna dell'elemento superiore dell'ala sembra essere un generatore di vortici, che aiuta a dare al flusso d'aria deviato una maggiore energia.

Più potente è il flusso d'aria verso l'esterno, più pulito dovrebbe essere il flusso d'aria verso il fondo e lungo i fianchi dell'auto. Trovare modi alternativi per aumentare la potenza del flusso d'aria, ora che i bargeboard sono stati eliminati dai regolamenti, è una grande preoccupazione per tutte le squadre e la Mercedes sembra aver trovato un'interpretazione molto originale  dei nuovi regolamenti per quanto riguarda il design dell'ala anteriore.

Gli aggiornamenti hanno comunque permesso alla W13 di confermarsi come terza forza in pista, anche se Hamilton non è apparso affatto contento dei progressi fatti e di una monoposto che continua a soffrire più di tutte le altre del fastidioso saltellamento dovuto al porpoising. Mercedes aveva annunciato che se gli aggiornamenti non avessero presto sbloccato il "potenziale" del progetto W13, si sarebbe presto iniziato a lavorare quasi esclusivamente sulla monoposto 2023, sembra che al momento il gap da Ferrari e specialmente Red Bull si sia tutt'altro che ridotto. Probabilmente il weekend di Barcellona, su un circuito molto differente nel quale dovrebbe anche essere portato un nuovo fondo, fornirà ai tecnici di Brackley le risposte necessarie.

Articolo originale su formula1.com



Tag
aggiornamenti mercedes | miamigp |


Commenti
-
Formula1.it

Vediamo in dettaglio tutti gli aggiornamenti del pacchetto che per Mercedes rappresentava un punto di ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it