Formula 2: Una chiacchierata con Theo Pourchaire e Zane Maloney
Tempo di lettura: 9 minuti

Theo Pourchaire e Zane Maloney, entrambi piloti classe 2003, hanno recentemente partecipato al podcast di Feeder Series, dove hanno parlato della loro stagione appena terminata nelle rispettive categorie e del loro futuro. Scopriamo che cosa hanno detto i due ragazzi.

Il 2022 di Pourchaire e Maloney

Formula 2: Una chiacchierata con Theo Pourchaire e Zane Maloney

Foto twitter.com

Theo Pourchaire, alfiere di punta della scuderia Art Gp, ha terminato il suo campionato di Formula 2 in seconda posizione, alle spalle del brasiliano Felipe Drugovich. Il francese però durante gli ultimi quatto weekend di gara non è mai riuscito a concludere a punti e mettere pressione al pilota dell' MP Motorsport. "È davvero pazzesco essere vice campione e non aver fatto punti negli ultimi quattro round. È stato un finale difficile con molta sfortuna ed errori, ma sono felice di aver terminato da vice campione, è comunque un titolo. Ci aspettavamo di più, ma dobbiamo guardare le cose positive e questo risultato non è male", queste le parole del pilota, che poi, parlando del suo weekend di Abu Dhabi ha aggiunto: "A livello di performance il passo era buono, ho fatto secondo in prova libera e terzo in qualifica. Nella sprint race avevo fatto una buona partenza e avevo sorpassato tre macchine a curva 6, ma a causa dell'incidente e della bandiera rossa la classifica è stata riportata indietro a prima che facessi il sorpasso. In pit lane ero l'unica macchina che diceva parolacce, perché tutti avevano guadagnato qualche posizione e io invece ero tornato nono".


Zane Maloney invece proprio durante il weekend di Yas Marina ha avuto la possibilità di provare una F2, dopo una buona stagione da rookie in Formula 3 che lo ha visto vincere le ultime tre gare lunghe della stagione. Parlando del suo primo approccio alla nuova macchina e alle differenze tra le due categorie dichiara: "È fantastico guidare una F2, dopo Monza non mi sarei aspettato di gareggiare ancora quest'anno. Ero tornato negli US per rilassarmi un pò quando Giacomo e la Trident mi hanno chiamato e confermato che avrei corso ad Abu Dhabi. Sono tornato in factory ma non ho avuto molto tempo per prepararmi, almeno non quanto avrei voluto, ma ho imparato molto in questo weekend. La macchina è molto diversa, in termini di feeling non è meglio di una F3. Ovviamente è più veloce nei rettilinei ma non tanto diversa nelle curve. È più pesante e serve tempo per abituarsi".

Il riassunto della stagione 2022: tra vittorie ed errori 

Parlando invece dell'intera stagione e facendo un resoconto finale Pourchaire dichiara: "È iniziata molto bene in Bahrain, secondo in qualifica e vittoria nella gara lunga. Ma li ho avuto già un primo avvertimento sull'affidabilità, perchè in gara 1 ho avuto un problema meccanico, come in quasi tutto l'anno. A Jeddah ho fatto un errore in prova libera, e questo mi è costato molto tempo, e poi in entrambe le gare mi sono dovuto ritirare per problemi tecnici. A Silverstone invece è andata bene e in Austria sarebbe potuta andare meglio, purtroppo è stata una feature race difficile, partiti su gomme da bagnato perchè avevamo preso la scelta sbagliata. Nella mia gara di casa al Paul Ricard ho fatto due podi, anche se poi uno mi è stato tolto a seguito di una penalità, mi sono comunque divertito con i miei fan francesi. Poi è arrivata la vittoria di Budapest in Ungheria, anche se poi i problemi e gli errori di Baku, Spa e Zandvort ci sono costati la possibilita di battere Drugovich e il team MP che non hanno mai fatto errori o avuto un problema".


Il pilota barbadiano invece, al suo primo anno nel campionato di Formula 3 riassume la sua stagione in questo modo: "Molto dura ovviamente, in Bahrain, prima gara e prima volta su questa macchina. È stato un buon weekend, settimi in qualifica e nella sprint race abbiamo imparato tanto. Ero secondo, ma negli ultimi giri ho ucciso le gomme e sono finito in quarta posizione. Nella feature race avevo più confidenza con la vettura ma ho avuto un problema meccanico. A Imola invece ero in pole e avevamo una macchina fantastica. Durante la gara della domenica con condizioni difficili ero davanti a tutti, ma purtroppo alla ripartenza da safety car ho fatto l'errore più stupido della mia carriera girandomi alla Rivazza. A Barcellona però è andata ancora peggio perchè a causa di un mio errore siamo partiti dalla pit lane. Dal Red Bull Ring sono arrivati i risultati. Con il mio ingegnere e il mio coach abbiamo semplificato le procedure e ci siamo concentrati sulla qualifica che è la parte fondamentale in un weekend".

2023: Uno sguardo al futuro 

Formula 2: Una chiacchierata con Theo Pourchaire e Zane Maloney

Parlando invece del loro futuro nel 2023 ancora non si sa molto, entrambi infatti non hanno ancora confermato per quale team guideranno durante la prossima stagione. Soprattutto su Theo Pourchaire ci sono molti rumors che lo vedrebbero partire in Giappone per prendere parte al campionato di Super Formula. Attualmente lui però non ha ufficializzato nulla e ai microfoni del Feeder Series Podcast spiega: "Non posso dire molto. Al momento nulla è sicuro, e onestamente per me è strano perché nel passato sapevo già cosa avrei fatto l'anno successivo, ma attualmente non ho ancora firmato nulla. Stiamo parlando molto con l'academy Sauber per essere certi di prendere la giusta decisione. Mi aiutano molto e mi hanno dato la possibilità di guidare la Formula 1 ad Austin e nei test di Abu Dhabi. Per me è stato bello avere a disposizione l'intera giornata per provare la monoposto con diversi treni di gomme e diverse mescole. Gli ingegneri Ferrari mi hanno spiegato molte cose riguardanti il motore e la parte elettrica della vettura e ho avuto anche la possibilità di lavorare a fianco di Valtteri Bottas. Il mio sogno è di essere un pilota e un campione del mondo di Formula 1 quindi questo per me è un buon passo avanti. L'anno prossimo sarò il pilota di riserva dell' Alfa Romeo, ma non so ancora se farò altro durante la stagione".

Zane Maloney ha invece ufficializzato che l'anno prossimo correrà in Formula 2, anche se ancora non ha reso noto con quale team affronterà la stagione 2023, ha riferito però che l'annuncio arriverà sicuramente prima di Natale.

Leggi anche: Jeddah rivela le modifiche al circuito, priorità alla sicurezza, ma l'evento non convince i piloti

Leggi anche: Verstappen: «I circuiti cittadini sono belli per le foto, ma non per le gare»

Foto twitter.com

Foto twitter.com


Tag
formula2 | pourchaire | maloney |


Commenti
-
Formula1.it

Durante il podcast di Fedeer series i piloti Theo Pourchaire e Zane Maloney hanno parlato della loro ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it