Vettel, la macchina è fortissima, peccato aver toccato il muro

Vettel, la macchina è fortissima, peccato aver toccato il muro

By:
3319

Per fortuna è solo venerdì, per Sebastian Vettel, perché altrimenti sarebbe stata una giornata da dimenticare per il Ferrarista, che dopo aver incartato non pochi inconvenienti, ha chiuso la FP2 al nono posto e non ha potuto portare a termine la simulazione di passo gara.

Una sessione senza intoppi fino a circa 50 minuti dalla fine, quando Seb ha toccato il muro mentre stava attuando la simulazione di qualifica ed è stato costretto a terminare la sessione.

Proprio da questo episodio, il pilota di Heppenheim è partito nella sua analisi di giornata davati ai microfoni dei media:

Ovviamente è stato un po’ più di un bacio al muro, e in via precauzionale abbiamo deciso di non girare più. Abbiamo perso del tempo, il che non è ideale, ma ho avuto delle buone sensazioni in macchina. Per fortuna sono già stato qui in passato, conosco la pista, domani la chiave sarà trovare il giusto bilanciamento e sentire la macchina un po’ meglio rispetto a stasera e dovrebbe andare bene“.

Contatto contro le barriere, all'uscita della curva 21, quello di Seb, che è stato prontamente richiamato ai box, dai quali non è più uscito, visto che i meccanici dell Rossa hanno dovuto e controllare la vettura, e trovare la causa di una perdita di liquido di raffreddamento verificatasi dopo il "bacio" alla barriera, sulla SF71-H numero 5.

Problema che, ha compromesso solo in parte il programma di lavoro di Seb Vettel, privandolo solamente della simulazione di gara, ma non di quella di qualifica, che ha dato una certa quantità di fiducia al tedesco.

Proprio in merito ai long run, il team di Maranello non andrà completamente alla cieca, ma potrà contare sui dati ricavati dalla simulazione di Kimi Raikkonen:

“I dati di Kimi sul long run saranno ovviamente molto importanti, è positivo che lui abbia avuto una sessione in cui tutto è filato liscio. Siamo così avanti nella stagione che non è così un problema saltare una sessione in pista, perché sappiamo dove guardare. Ovviamente non è quello che volevo, ma è andata così”.

Long run del finlandese, effettuati con gomme Ultrasoft e Hypersoft, nei quali la Ferrari ha dato l'idea di giocare a nascondino, per non mostrare il suo reale valore alla concorrenza, ma sul finale di sessione, Kimi di è fatto scappare un gran bel tempo che ha dato non poca fiducia ai tifosi Rossi in ottica gara.

Per finire, il quattro volte Campione del Mondo ha tirato le somme sul feeling che ha avuto dalla sua monoposto dei pochi giri da lui percorsi nelle due sessioni di prove libere, dimostrandosi sereno e fiducioso, malgrado gli inconvenienti di giornata:

Credo che la macchina sia molto buona, stamattina ci sono state alcune fasi molto positive, stasera alcune cose non hanno funzionato, magari torneremo indietro, ma è normale. I giri fatti fino al bacio al muro sono stati buoni, però non ero totalmente contento della macchina, per cui credo ci sia ancora del potenziale“.



Tag
f1 | ferrari | scuderia | 2018 | pu | vettel | raikkonen | arrivabene |


Commenti
- Formula1.it
Sebastian Vettel, al termine di una non facile giornata di prove libere, analizza la grande velocità ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it