Gp Ungheria, prove libere: tra pioggia e vento sorpresa Vettel

Gp Ungheria, prove libere: tra pioggia e vento sorpresa Vettel

By:
2965

Ci aspettavamo delle indicazioni diverse dopo i due weekend austriaci. Invece la terza tappa del mondiale 2020 si apre ancora una volta con la pioggia. Le condizioni atmosferiche in Ungheria influiscono pesantemente sulle due sessioni di prove libere. Più indicative, sicuramente, quelle mattutine con uno strapotere del motore Mercedes che piazza nei primi quattro posti: Hamilton, Bottas, Perez e Stroll. Nel pomeriggio, invece, le forti piogge non aiutano i piloti ed i team nello sviluppo delle monoposto in vista delle qualifiche. A sorpresa, la Ferrari si impone con Vettel seguito da Bottas e Sainz.

Prove Libere – Prima sessione

Come settimana scorsa, il weekend d’Ungheria si apre con una leggera pioggia. Le condizioni atmosferiche non preoccupano gli organizzatori e non mettono a rischio la regolarità del gran premio. Il primo tempo lo fa registrare Verstappen in 1’19”539, ma sono le Mercedes subito a dettare il ritmo. Sia Hamilton che Bottas scatenati mettendo a segno due giri da 1’16. Le Ferrari, invece, in netto ritardo: Leclerc fa registrare 1’18”8. Non fa meglio Vettel fuori anche dalla top ten. C’è molto stupore ai box e tra gli addetti ai lavori per questa prima sessione di prove libere. La Mercedes è partita con un piglio davvero notevole mettendo insieme giri veloci ed un passo gara sorprendente. Una dimostrazione di forza che viene sottolineata, ancor di più, negli ultimi tentativi: Hamilton stampa un super tempo da 1’16”003, il compagno di squadra Bottas è secondo (+00"086) mentre al terzo gradino c’è Perez con la Racing Point (+00"527). Il dato significativo, al termine della prima sessione, è lo strapotere del motore Mercedes che occupa le prime quattro posizioni. Ancora velocissima la Racing Point, sotto inchiesta per il reclamo della Renault, ma meno incisiva nel passo gara. Ricciardo chiude al quinto posto davanti a Vettel e Leclerc.


Prove Libere – Seconda sessione

Rispetto alla prima sessione, la pioggia cade in maniera copiosa alternata a forti raffiche di vento. Le condizioni metereologiche avverse, tuttavia, non inducono a ritardi o cancellazioni delle prove libere. Il primo a scendere in pista è Gasly su Alpha Tauri che non aveva partecipato alla sessione mattutina a causa di problemi alla power unit. Ad un’ora dalla conclusione, sono le Racing Point a scendere in pista cercando il tempo. Molte difficoltà nell’aderenza con Perez che finisce “lungo”, mentre Stroll si mette al comando della classifica con un tempo molto alto dovuto alle condizioni della pista (1'42"380). Un primato che viene strappato da Vettel in 1’40”464 a circa trenta minuti dalla bandiera a scacchi. Il compagno di squadra Leclerc, invece, si piazza al quarto posto dietro le due Racing Point. Con un circuito meno bagnato, i piloti tornano in pista alla ricerca di un miglioramento del tempo personale. Bottas e Sainz si prendono subito il podio dietro a Vettel, mentre ad un quarto d’ora dalla fine restano senza tempo: Gasly, Ocon, Ricciardo, Hamilton, Latifi, Russell, Magnussen, Albon, Verstappen. Gli ultimi tentativi fanno registrare il settimo posto di Verstappen ed il decimo di Leclerc. Alla bandiera a scacchi, la classifica finale incorona Vettel come il più veloce, con Bottas al secondo posto e Sainz al terzo. Nessun tempo per Hamilton.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio d'Ungheria 2000


Tag
gp ungheria | prove libere ungheria |


Commenti
- Formula1.it
Ci aspettavamo delle indicazioni diverse dopo i due weekend austriaci. Invece la terza tappa del mondiale ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it