Ferrari, perché guardare al 2022 con ottimismo
La Rossa ha quasi centrato l'obiettivo stagionale del terzo posto. Nel 2022 farà ancora meglio? Tutti i motivi per rispondere "sì"

3935

Dopo un 2020 da dimenticare, condito da soli 131 punti e un quinto posto nella classifica costruttori, il 2021 è stato un anno di ripresa per la Ferrari. Quando mancano tre gare dalla fine del campionato, infatti, la Rossa ha già conquistato 297.5 punti ed è attualmente al terzo posto della graduatoria mondiale con 39.5 lunghezze di vantaggio sulla McLaren. L'obiettivo di inizio stagione, cioè tornare tra le prime tre della classe, è stato quasi raggiunto.

Tuttavia, in quel di Maranello, non è possibile essere completamente soddisfatti. Basti pensare alla gloriosa storia della scuderia italiana, che con 16 titoli mondiali è il team più vincente di sempre. Potrebbe aggiungerne un altro già nel 2022? Non è da escludere. Proviamo a spiegare perché.

Ferrari, grandi speranze nel 2022. Perchè guardare con ottimismo alla prossima stagione


Il 2022 potrebbe regalare belle soddisfazioni in casa Ferrari. In primis, perché in questi mesi a Maranello è stato fatto un lavoro enorme sulla Power Unit, accelerando in particolare lo sviluppo della parte ibrida: un salto di qualità che sicuramente porterà consistenti vantaggi in termini di competitività in pista. Soprattutto visti i nuovi regolamenti che entreranno in vigore nella prossima stagione.

Poi, c'è anche da considerare che molto a breve sarà operativo il nuovo simulatore, il cosiddetto DMG (Dynisma Motion Generator), sul quale Mattia Binotto ha apertamente rivelato di fare gran affidamento. Il neonato sistema offrirà la massima larghezza di banda con una latenza minima integrando il software all’hardware, e rimuovendo ogni possibile ostacolo tra il pilota e l’acquisizione dei dati. Inoltre, anche la nuova galleria del vento potrebbe contribuire a dare al Cavallino quella marcia in più mancata finora. C'è sempre da ricordare che la Ferrari, come previsto dal regolamento FIA, avrà a disposizione maggior tempo di sviluppo rispetto a Mercedes e Red Bull in virtù del suo peggior posizionamento nel mondiale.

Dunque, veniamo ai volanti: la Ferrari potrà contare ancora su Charles Leclerc e su Carlos Sainz, una coppia di piloti invidiabile, forse la migliore in griglia. Il monegasco proverà a mettere in scena il suo definitivo exploit. Lo spagnolo, invece, dopo un primo anno di ambientamento (pienamente sufficienti le prestazioni), vorrà sicuramente dare quel qualcosa in più per dimostrare di meritarsi in futuro tale prestigioso sedile.

Infine, c'è da annoverare un'altra variabile: chi ci dice che Mercedes e Red Bull riusciranno a gestire il cambiamento senza intoppi? Certo, ad oggi, è molto difficile immaginare che topperanno il passaggio alla nuova era. Ma non è impossibile. 

E voi, cosa ne pensate?

 


Tag
ferrari | formula 1 | 2022 |


Commenti
-
Formula1.it

La Rossa ha quasi centrato l'obiettivo stagionale del terzo posto. Nel 2022 farà ancora meglio? Tutti ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it