Caso Piastri, Alpine 'derubata': «Precedente pericoloso». Si valuta di chiudere l’academy
Tempo di lettura: 2 minuti

Il caso Piastri ha sollevato dei forti malumori all’interno del team Alpine. Sentimenti di frustrazione, misti a rabbia e delusione hanno creato in squadra un clima di tensione che potrebbero spingere la dirigenza verso una decisione drastica che prima d’ora non si sarebbe mai sognata di prendere: chiudere l’academy.

Ciò a cui abbiamo assistito non è bello per lo sport”, ha esordito il CEO, Laurent Rossi in un’intervista rilasciata a ‘The Race’. “Al di là dell’offesa da noi subita, credo che anche per lo sport si sia trattato un po’ di un insulto. Ciò crea un precedente che rende il mercato un territorio abbastanza pericoloso per tutte le parti che vi investono”.


Alpine 'derubata'

Comprendere il pensiero del manager francese è semplice: Non è giusto che altri possano risparmiare soldi, decidendo di non investire nella crescita di giovani talenti, per poi rubarli agli altri tramite quell’avanzo monetario. Quindi, non siamo più certi che contribuire allo sviluppo dei giovani sia la scelta più giusta per noi. Volendo continuare, sarei costretto a proporre loro dei contratti che potrebbero giudicare non allettanti”, riporta ‘RacingNews365.com’.

Si valuta di chiudere l'academy

Ci stiamo chiedendo se sia davvero il caso di continuare e onorare i nostri obblighi con il lotto di piloti rimasti nelle nostre fila fino al termine dei contratti. Abbiamo stipulato degli accordi pluriennali con loro”, ricorda parlando del neo campione del mondo di Formula 3, Victor Martins e il secondo classificato di Formula 2, Jack Doohan. Con loro anche Caio Collet, pilota F3.

Un team combattuto

Una decisione non facile con parole forse dettate più dal forte sentimento di rabbia presente all’interno del team per la perdita di uno dei più talentuosi piloti presenti all’interno della squadra giovanile. La Renault però ha una storia alle spalle e probabilmente, leggendo anche le ultime parole rilasciate da Rossi, tornerà sui propri passi, magari facendo più attenzione ai contratti e ai rapporti che stringerà in futuro con i suoi partner.


L’academy fa parte della nostra storia. Vogliamo davvero cambiare il nostro approccio con i piloti? Che segnale invieremo? Senza contare che si perderebbero anche alcuni valori interni alla nostra squadra. Crediamo in quello che facciamo, allenare i giovani ci permette di farli crescere con i nostri valori e di renderli perfetti per il team una volta che hanno raggiunto il picco delle loro capacità”, ha concluso.

 

Leggi anche: Brown sul caso Alpine-Piastri: «Szafnauer? Sciocco comportarsi così»

Leggi anche: Caso Piastri, Szafnauer: «Alpine danneggiata? La nostra immagine dipende da altro...»

Foto: Twittter, Rossi


Tag
piastri | alpine | rossi | f1 | formula1 | stagione 2022 |


Commenti
-
Formula1.it

Il caso Piastri ha sollevato dei forti malumori all’interno del team Alpine. Sentimenti di frustrazione, ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it