Vettel: vittoria importante per me e per il team

Vettel: vittoria importante per me e per il team

By:
1022

Diciamo la verità, fino alla bandiera a scacchi, nessun tifoso Ferrarista, ma neanche nessun appassionato di Formula 1, credeva al 100% nel successo di Sebastian Vettel a San Paolo.

All'inzio la minaccia più concreta sembrava Valtteri Bottas, in quanto Seb non riusciva ad allungare sul Finlandrse, non riuscendo ad aprire il gap oltre i due secondi.

Verso metà gara, Bottas sembrava sotto controllo, ma da dietro arrivava sempre più minaccioso Lewis Hamilton, che partito dalla pit lane, si era insidiato alle spalle di Max Verstappen, e per l'ultimo stint di gara, disponeva di un set di Supersoft nuove, mentre gli altri avevano le Soft.

Alla fine però, dopo 71 giri e grazie anche a Kimi Raikkonen, che è stato in grado di non farsi sopravanzare dal pilota Inglese nei giri finali, Vettel ha centrato la quinta vittoria stagionale.


Dopo la gara, il quattro volte Campione del Mondo, ha dichiarato:

"Non è stata una gionnata perfetta ma abbastanza buona per vincere e battere Valtteri, che era la cosa più importante. E' stata una delle gare più difficili dell'anno perché faceva un gran caldo. Non c'era spazio per il minimo errore. Dopo la partenza, volevo andare in fuga e lasciarmi alle spalle Bottas ma è stato difficilissimo. Sono poi riuscito a prendere un po' di margine e l'ho gestito sino alla fine. Se sei davanti puoi perdere in rettilineo ma eravamo performanti nel settore centrale, nelle curve".

Giornata difficile, perché appunto non è riuscito facilmente ad aprire il gap con Bottas oltre ai due secondi.

Difficile anche per gestire le temperature con il gran caldo, mantenendo basse le temperature ma mantenendo al contempo un ritmo elelvato.

Giorno difficile infine anche per gestire i possibili tentativi di sorpasso della W08 numero 77, la quale era velocissima sul dritto (settore 1 e 3), ma la SF70-H era più veloce nel guidato, riuscendo a non far scendere mai il gap dagli inseguitori sotto il secondo, consentendo l'attivazione del DRS.

Il Tedesco ha proseguito:

"Ho avuto una bella partenza e pensavo di aver già superato Bottas. Forse ho esagerato un po' con la velocità in entrata di curva e forse Valtteri era vicino. Ma poi ho visto che sono riuscito a guadagnare nella seconda parte della partenza. Quello mi ha aiutato a entrare per primo in Curva 1 e sapevo che dovevo provarci. E' stata la decisione corretta. E' stato difficile controllare Bottas soprattutto nel primo e nel terzo settore, perché riusciva ad avvicinarsi molto. Dovevo davvero fare molto bene nel settore centrale. Ho anche gestito bene le gomme, ma non potevo fare altro che spingere a fondo".

Partenza fondamentale per la vittora, con Vettel che ha avuto un po di pattinamento nei primi metri, ma una migliore progressione mentre scaricava a terra la potenza, ma il capolavoro Seb lo ha fatto in entrata di curva 1, entrando velocissimo, forzando Bottas alla correzione e all'esterno alla Curva do Sol, agguantando cosi la leadership, mantenuta per tutti i 71 giri.

Il pilota di Heppenheim ha continuato:

"E' stata una gara molto intensa nella sua interezza, perché gli avversari sono stati vicini per tutta la gara. Nel primo giro ho spinto a fondo perché sapevo sarebbe stato difficile difendersi sulla salita del rettilieo d'arrivo, poi però è arrivata la Safety Car. Poi alla ripartenza penso di aver gestito tutto nella maniera migliore. Ha funzionato tutto. Anche al pit stop io e Valtteri ci siamo trovati molto vicini. Il pit stop è andato bene, ma siamo stati vicinissimi. Sono stati i momenti più complessi, ma poi tutti abbiamo girato sullo stesso passo ed è stato difficile fare davvero la differenza. Sono felice di aver vinto io".

Oltre allo start, un altro momento cruciale è stato il pit stop, dove la Mercedes ha provato l'undercut con Valtteri Bottas, ma i meccanici della Rossa sono stai impeccabili nel loro lavoro, rimettendo Seb in pista con il gap necessario per tenere la posizione sul pilota numero 77.

Gara, complessivamente tiratissima, con quattro piloti in cinque secondi sotto la bandiera a scacchi, tutti in lotta per la vittoria.

Un Vettel visibilmente felice per il successo brasiliano del team di Maranello ha concluso:

"Penso che questa vittoria sia importante per la Ferrari e per me. E' stato importante tornare a vincere dopo tanto tempo. Il team ha passato settimane difficili. Al sabato i ragazzi hanno lavorato duro, abbiamo avuto un grande sostegno dalla fabbrica. Dedico a loro la vittoria, al team qui e a tutti quelli che lavorano a Maranello. Sono stati veramente bravi e non era giusto quello che stava capitando nelle settimane passate".

Vittoria importante per Vettel, per riprendersi e digerire la sconfitta di Città del Messico, e per tutto il team, per vedere espresso il potenziale della vettura, per molto tempo inespresso anche a causa dei problemi di affidabilità.

La Ferrari centra dunque uno dei suoi obiettivi per il finale di stagione, ossia tornare alla vittoria, ora basta finire nel migliore dei modi ad Abu Dhabi, magari vincendo, per affrontare la pausa invernale, consci di aver finito bene, con meno pressione sulle spalle per il team, e con la volontà di iniziare la stagione 2018 nello stesso modo con cui si è chiuso il 2017.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio del Brasile 2017


Tag
gp brasile | vettel | ferrari |


Commenti
- Formula1.it
Diciamo la verità, fino alla bandiera a scacchi, nessun tifoso Ferrarista, ma neanche nessun appassionato ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it