Gp Gran Bretagna: cosa dobbiamo aspettarci dal prossimo weekend

Gp Gran Bretagna: cosa dobbiamo aspettarci dal prossimo weekend

Qualcuno si era illuso, qualcun altro aveva avanzato fantasiose ed utopistiche teorie, la maggioranza, invece, sembrava rassegnata all’evidenza. Nonostante le poche certezze che l’emergenza Coronavirus aveva provocato nel mondo della Formula 1 ...

By:
3085

Qualcuno si era illuso, qualcun altro aveva avanzato fantasiose ed utopistiche teorie, la maggioranza, invece, sembrava rassegnata all’evidenza. Nonostante le poche certezze che l’emergenza Coronavirus aveva provocato nel mondo della Formula 1, c’è sempre stato un punto fisso: la forza, in pista e non solo, della Mercedes. Una caratteristica diventata, ormai, una colonna portante dell’intero movimento automobilistico. I fatti, poi, hanno confermato il tutto rafforzandone ancora di più l’idea.

Dopo i due gran premi d’Austria e la tappa in Ungheria, lo strapotere Mercedes sembra qualcosa di sacro ed inattaccabile. Adesso, però, si è arrivati ad un punto già cruciale della stagione. Dopo la settimana di pausa, infatti, il mese di agosto si apre con la doppia tappa inglese. Il fascino di Silverstone ha pochi eguali in tutto il mondo e vincere in Gran Bretagna porta sempre una buona dose di carica ed entusiasmo.


Gli addetti ai lavori, come anche molti tifosi, si attendono una risposta decisa da parte di Red Bull e Ferrari. La sensazione generale, però, è che l’esito del prossimo gran premio nel bene o nel male resti sempre nelle mani della Mercedes. Ad avvalorare questa tesi, ci sono le caratteristiche puramente tecniche del circuito. Silverstone è una pista molto tecnica nella quale vengono esaltate non solo le abilità dei piloti ma, soprattutto, il set aerodinamico delle monoposto. Ci si attende, quindi, un grande lavoro da parte di tutti i team anche nel pianificare le strategie di gara e nell’utilizzo/scelta dei pneumatici. Alla luce di tutto questo è chiaro come la Mercedes resti la favorita, senza dimenticare le sorprendenti, e molto discusse, Racing Point.

In casa Ferrari, la parola d’ordine deve essere “orgoglio” dopo i doppiaggi subiti in Ungheria. Non potendo lavorare sul motore, il team di Maranello dovrà concentrarsi inevitabilmente sull’aspetto aerodinamico. Migliorare l’efficienza significherebbe dare una buona mano a Leclerc e Vettel specialmente in qualifica. In gara, invece, bisognerà evitare gli errori macroscopici commessi in fase di pianificazione e strategia.

Spostandoci sul fronte Red Bull, c’è tanta delusione dopo le prestazioni di Verstappen ed Albon. Non è un segreto, infatti, che le aspettative erano molto alte specialmente per una vettura che non è sembrata all’altezza della competizione. In particolare non sono sfuggiti i vari “team radio” nei quali Verstappen lamentava diverse problematiche tecniche al proprio team. La scuderia ha assicurato gli addetti ai lavori di aver trovato la soluzione ai problemi aerodinamici, adesso toccherà alla pista.

Tra aspetti tecnici e probabili soluzioni, però, il grande ostacolo da superare porta un altro nome: Lewis Hamilton. Il campione del mondo avrà ben due tappe nel suo circuito di casa dove è assoluto protagonista da anni. L’anno scorso, in terra britannica, conquistò la sua 80^ vittoria, un numero indicativo che si aggiunge alle sei vittorie, nove podi, sei pole position e sette prime file. Se il buongiorno si vede dal mattino, la concorrenza è avvertita.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Gran Bretagna 2020


Tag
gp gran bretagna | anteprima silverstone |


Commenti
- Formula1.it
Qualcuno si era illuso, qualcun altro aveva avanzato fantasiose ed utopistiche teorie, la maggioranza, ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it