GP Turchia: Hamilton nella storia, settimo titolo mondiale

GP Turchia: Hamilton nella storia, settimo titolo mondiale

By:
2677

Nella gara più pazza del mondiale 2020, Lewis Hamilton entra nella storia. Il pilota britannico vince una gara complicata sul circuito di Turchia ed eguaglia Michael Schumacher a quota sette titoli vinti. Un trionfo straordinario per uno dei piloti più forti della storia che conduce una gara i grande attenzione ed esperienza rischiando pochissimo. Con una sola sosta ai box, Hamilton conclude il gran premio tra le lacrime di gioia ed euforia. L’epilogo perfetto di un’altra stagione straordinaria del britannico.

Dietro di lui bisogna dare merito a Sergio Perez che chiude al secondo posto difendendosi con le unghie e con i denti agli assalti delle Ferrari. Contro ogni pronostico, infatti, Vettel e Leclerc mettono in scena una gara stupenda come non si vedeva da tantissimo tempo. Un bel segnale per la casa del cavallino rampante dopo tanti bocconi amari ed una qualifica disastrosa nella giornata di ieri. A tre gare dalla conclusione di questo mondiale 2020, la Ferrari vuole chiudere con ottimismo.


La Gara

Sulla pista di “ghiaccio” e con condizioni metereologiche difficili, la partenza dà il via ad un gran premio aperto ad ogni finale.

Subito testa coda di Verstappen, Ocon e Bottas, mentre vola Vettel super protagonista di una partenza come ai vecchi tempi. Il tedesco si piazza in terza posizione con Stroll che mantiene il primo posto dopo la pole position di ieri. Lewis Hamilton, in modalità conservativa, sta attento a non forzare mentre il tedesco in Ferrari si gode le otto posizioni guadagnate all’avvio.

Continuano, invece, i problemi di Bottas sul fondo del gruppo. Il finlandese finisce coinvolto in un incidente con Ocon al quinto giro.

Davanti prosegue il grande avvio delle Racing Point con Stroll e Perez che si sfidano a colpi di giri veloci sotto l’1’55.

La Ferrari decide di rischiare e prima del decimo giro richiama Leclerc per il primo pit stop e cambio gomme: il monegasco riparte con grande grinta per provare una rimonta clamorosa dal fondo. Sulla stessa lunghezza d’onda, Hamilton chiede gomme intermedia durante il team radio.

Dopo una partenza shock, momento decisivo già a cavallo del decimo giro con le scelte di strategia gomme per le scuderie. Max Verstappen decide di non fermarsi e si lancia all’inseguimento dei battistrada Stroll e Perez. Nel frattempo si accende un duello “vintage” tra Hamilton e Vettel. Il britannico attacca ma il tedesco resiste e si difende. Il tutto viene interrotto al giro numero 14 per l’intervento della virtual safety car dopo i problemi ad Antonio Giovinazzi costretto al ritiro.

Si riparte con un super Albon che supera, in sequenza, sia Hamilton che Vettel. Il pilota Red Bull è il più in palla e si lancia all’inseguimento del podio con giri veloci. Sugli stessi tempi gira anche Leclerc che, al nono posto, prosegue nella sua scalata dal penultimo posto. All’alba del ventesimo giro, la pista inizia a migliorare asciugandosi e ne beneficiano i tempi con Leclerc che gira sul 1’42.

Davanti Verstappen è indemoniato ed attacca Perez spingendo troppo. L’olandese termina fuori pista ed è costretto a rientrare ai box perdendo diverse posizioni. Tutta l’attenzione, però, è concentrata sulla battaglia per il quarto posto tra Hamilton e Vettel. E’ una gara super combattuta che ha soverchiato tutte le gerarchie viste le condizioni di una pista davvero difficile da affrontare.

Giunti al 25esimo giro, le Racing Point iniziano a perdere colpi lì davanti con tempi molto alti. Una situazione che favorisce gli inseguitori Albon e Vettel desiderosi di approfittare di una giornata ideale per centrare una clamorosa vittoria contro ogni pronostico. Nel frattempo la FIA comunica ufficialmente che, al termine della gara, darà un responso sull’investigazione riguardante Verstappen e la sua uscita dalla pit lane. Il compagno di squadra Albon, al 30esimo giro, va in crisi con le gomme e Vettel si lancia all’attacco per entrare in zona podio. La Ferrari è consapevole dell’opportunità di chiudere una grande gara e, nonostante la pista bagnata, sceglie la gomma intermedia per Leclerc. Si intrecciano strategie e scelte di mescole azzardate: ogni pilota studia una pista che non dà certezze né risposte definitive.

Al 34esimo giro anche Vettel rientra ai box per giocarsi il jolly gomma intermedia. Mentre il tedesco percorre la pit lane, va in testacoda Albon e lascia campo aperto ad Hamilton al terzo posto. Il campione britannico, autore di una gara difensiva e conservativa, si ritrova in zona podio. Sul filo della tensione, rientra il leader della gara Stroll ai box e viene sopravanzato da Perez, Hamilton e Verstappen. Il campione britannico alza il ritmo e supera il pilota Racing Point mettendosi al comando del gran premio a venti giri dalla conclusione. Dietro di lui, Stroll va in crisi per problemi di graining sulle gomme. Il pilota della Racing Point viene passato dalle due Ferrari che puntano a chiudere una grande gara.

Si entra nella fase cruciale del gran premio per un esito incerto ed un Hamilton che vuole festeggiare il settimo titolo con una vittoria. Al 44esimo giro, rientra Verstappen per il suo terzo pit stop di giornata. Lì davanti resiste Perez, al secondo posto, contro due indiavolate Ferrari ed una gomma intermedia da oltre trentacinque giri.

Dato significativo della giornata in Turchia, il doppiaggio di Hamilton ai danni del compagno di squadra Bottas relegato al tredicesimo posto. Il campione britannico, con una sola sosta all’attivo, prosegue in testa con la volontà di non fermarsi ai box. Nelle retrovie Verstappen, dopo l’errore decisivo a metà gara, supera il compagno di squadra Albon e si mette al sesto posto.

Finale thriller di gran premio con il ritorno della pioggia sul circuito: tanta apprensione in casa Mercedes ma Hamilton è perfetto. Il pilota britannico vince la gara di Turchia e si laurea campione del mondo per la settima volta raggiungendo Michael Schumacher. Dietro di lui, uno stupendo Perez difende il secondo posto mentre la Ferrari chiude il weekend con il terzo posto di Vettel ed il quarto di Leclerc. Un bel segnale dopo le disastrose qualifiche di ieri.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Turchia 2020


Tag
gp turchia | hamilton campione | istanbul gara |


Commenti
- Formula1.it
Nella gara più pazza del mondiale 2020, Lewis Hamilton entra nella storia. Il pilota britannico vince ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it