Rosso Ferrari - Perché se pensiamo ad una Ferrari la immaginiamo rossa?
By:
3158

Se chiedessimo a chiunque, nel mondo, di immaginare una Ferrari, con ogni probabilità se la immaginerà rossa. Anche il Drake diceva più o meno la stessa cosa, estendendo però il concetto a qualsiasi macchina da corsa e riferendosi alla popolarità del suo marchio. La Ferrari e il colore rosso, un connubio che pare quasi scontato. Peccato che il rosso non sia il colore della Ferrari.

Le Ferrari sono tra le auto sportive più apprezzate ed in particolare è la scuderia più famose al mondo, con milioni di tifosi in tutto il mondo e un infinito entourage di appassionati e scommettitori a guardare le corse. La Formula 1 è infatti una delle competizioni automobilistiche che più attirano gli sgiocatori; per info e consigli guarda questa recensione degli operatori.

Negli occhi di tutte queste persone, il Cavallino Rampante batte bandiera rossa, eppure la storia è più complicata di così. Andiamo a scoprire il perché di questo bizzarro fatto e di come sia strettamente legato al mondo delle corse automobilistiche, che da sempre vede le supercar emiliane come protagoniste.


Come dicevamo, il colore della Ferrari non è il Rosso, infatti il colore che fu scelto per la casa produttrice era il giallo, lo stesso giallo che ritroviamo sullo stemma della Ferrari a sfondo del cavallino rampante. Il giallo è un altro colore che spesso si vede associato alle Ferrari che possiamo vedere circolare in strada ed è il colore della casa emiliana per motivi storici. Il giallo è infatti uno dei colori della città di Modena e lo è dal 1300. Modena prese a quell’epoca i colori giallo e blu e ne fece il suo simbolo nella forma di uno stemma a croce. Inizialmente, nel 1327, lo stemma era una croce gialla su sfondo blu, ma poi i colori furono invertiti. Infine, nel 1336, fu adottato lo scudetto che conosciamo oggi.

Quindi il giallo è sinonimo di Modena, provincia nella quale si trova Maranello. E allora da dove arriva il rosso? Beh, come gran parte della fama delle Ferrari, il rosso arriva dal mondo delle corse. Negli anni ‘30 del secolo scorso, infatti, la FIA decise di identificare le case automobilistiche attribuendo un colore in base alla nazionalità. E fu così che alla Ferrari capitò il rosso, in quanto italiana, rosso che negli anni si è andato a configurare con precisione attorno alla tonalità Pantone 185C. E così nacque un amore, quello tra il rosso e la Ferrari, che perdura da un centinaio d’anni. Per le novità sul mondo Ferrari puoi guardare questo articolo.

Ma la storia dei colori non finisce qui. Infatti, si diceva che il rosso era il colore per l’Italia, non per la Ferrari. A questo punto potreste provare a pensare ad una Lancia come la Delta o ad un Alfa Romeo (156, 4C, 8C, Giulia ecc.). Non vi sorprenderà il fatto che molte ce le ricordiamo rosse. E le altre case automobilistiche? Vi sorprende il fatto che la Germania avesse l’argento? Forse non molto. E le inglesi? Pensiamo ad un Aston Martin o a una Lotus o, specialmente, a una Land Rover. Già, il verde. E la tradizione viene portata avanti perché verde sarà il colore delle Aston in Formula 1 nel 2021. Per approfondire puoi vedere quest’articolo.



Commenti
- Formula1.it
Se chiedessimo a chiunque, nel mondo, di immaginare una Ferrari, con ogni probabilità se la immaginerà ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it