Andretti risponde a Wolff: «Senza un team nessun pilota americano arriverà mai in F1»

Nelle ultime settimane si sta parlando molto del possibile ingresso del team Andretti, gestito da Michael, il figlio del campione del mondo 1978 di F1, Mario Andretti. Il manager avrebbe intenzione di prendere parte al campionato della massima categoria del motorsport come 11° squadra dello schieramento e, lo scorso weekend di gara a Miami, aveva deciso di essere tra gli ospiti del paddock per parlare della sua idea con i vertici, la FIA e le altre squadre.

Wolff: "Meglio avere dei piloti che squadre americane in F1"

Alcuni team principal però, tra cui quello della Mercedes, Toto Wolff (leggi qui il suo pensiero) avevano manifestato alcune preoccupazioni ritenendo anche che per la F1, sarebbe stato meglio aprire le porte a dei piloti americani piuttosto che a delle squadre che andrebbero inevitabilmente ad indebolire i dividendi da spartire tra i partecipanti.


La risposta di Andretti

Michael Andretti è passato al contrattacco dichiarando che esiste solo un modo per garantire ai piloti americani un futuro in F1, avere una squadra statunitense disposta a supportarli: "La nostra intenzione è semplice, vogliamo prendere sotto la nostra ala dei piloti americani, farli crescere e garantirgli un futuro all’interno della categoria”, riporta ‘Autospot.com’.

Colton Herta, Indycar, stagione 2022

Colton Herta, 22 anni, pilota IndyCar con il team Andretti

Colton Herta l'esempio perfetto

Nessuna delle altre squadre lo sta facendo. Non c’è altro modo per vedere piloti statunitensi in F1 e noi vogliamo dare loro questa opportunità”. Colton Herta, 22 anni, una delle attuali stelle della categoria IndyCar (proprio con il team Andretti) e vincitore dell’ultima Indianapolis, viene associato spesso alla McLaren ultimamente. Avrà un test a breve con il team di F1, ma da qui ad essere impiegato come pilota ufficiale ce ne passa.


Ed è proprio Herta, l’esempio di cui vuole avvalersi Michael Andretti per sostenere la sua tesi: “Colton dovrebbe essere in F1 in questo momento. Ha talento, ma non avendo un portafoglio così grande è dovuto tornare negli USA. Vogliamo far crescere i bambini fin dai tempi dei go-kart per potergli permettere di arrivare in F1 se lo meriteranno. Grazie al nostro team avremo la possibilità di farlo”, ha concluso Andretti.

Foto: Twitter, Motor.es, Tofu

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Spagna 2022


Tag
andretti | spanishgp | mercedes | wolff | f1 | formula1 | stagione 2022 | indycar | herta |


Commenti
-
Formula1.it

Nelle ultime settimane si sta parlando molto del possibile ingresso del team Andretti, gestito da Michael, ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it