Boullier indica il difetto di Alonso: «Deve trarre beneficio da una relazione, altrimenti...»

Considerato uno dei piloti più forti della Formula1, Fernando Alonso nel corso della sua carriera ha preso anche delle decisioni, che potremmo definire poco felici, che non gli hanno permesso di ottenere tutti i successi che meritava. Dopo i due titoli vinti in Renault nel 2005 e 2006, l’asturiano si è ritrovato sempre nel team sbagliato al momento sbagliato facendo spesso venire fuori un lato caratteriale che in molti suoi colleghi hanno criticato (qui il pensiero di Massa sulla sua decisione di guidare per l'Aston Martin nel 2023).

Qualcuno lo ha persino accusato di essere lui la causa dei mancati successi del team per cui stava gareggiando. Qualcosa di assolutamente non vero secondo il suo ex Racing Director McLaren, Eric Boullier, con cui ha lavorato nel corso della sua permanenza a Woking.


Con Alonso le relazioni possono farsi complicate all'interno del box

L’asturiano è piuttosto egocentrico, ma secondo il manager francese averlo in squadra è senz’altro un valore aggiunto. Ha solo un difetto, spesso i rapporti con il compagno di box non vanno per il verso giusto: Fernando possiede un grande spirito di squadra, ma non sempre nei confronti dell’altro pilota presente nell’altro lato del garage. Ha bisogno di lavorare in un ambiente dove sa di essere il numero uno, con un numero due al fianco disposto ad aiutarlo e a lavorare assieme”.

“Mi ricordo i tempi con Jenson Button, si capivano e si rispettavano a vicenda. Erano abbastanza intelligenti in questo”, ha proseguito l’attuale consulente operativo del GP di Francia. “Con Stoffel (Vandoorne, ndr) è stato in grado di utilizzare i suoi commenti a suo vantaggio ed è per questo che il rapporto ha funzionato. Se non poteva trarre beneficio da una relazione, allora l’altro pilota diventava un nemico, ha chiosato.

Alonso, McLaren

Alonso, un pilota dalle grandi capacità

Nonostante le relazioni con i compagni di squadra possano farsi complicate, Fernando resta sicuramente un valore aggiunto per la squadra. Il motivo è presto detto: “Per quanto mi riguarda, credo sia il miglior team builder di tutti i tempi. È un grande pilota, si concentra tantissimo su se stesso, ma vuole avere un gruppo che lavori attorno a lui per vincere”, ha proseguito Boullier. “Sa leggere ogni dettaglio. Ogni tanto sparisce nello spogliatoio, puoi pensare che si stia rilassando, invece trascorre così il suo tempo a studiare: come gli avversari degradano le gomme, quali sono i team con cui giocarsi la miglior posizione in gara e quelli da cui mantenere le distanze”.


“Durante le gare acquisisce dati importanti anche dai maxi schermi e usa queste informazioni per avere un ulteriore vantaggio. Come stratega è incredibilmente bravo. Conosce e comprende ogni aspetto tecnico della vettura anche se non è un ingegnere. A volte dà dei consigli su come far funzionare al meglio alcuni elementi senza che sia lui a riprogettarli. Un apporto decisamente importante”, ha concluso.

 

UFFICIALE - Alonso in Aston Martin nel 2023, già occupato il posto di Vettel: i dettagli

Ennesimo sbaglio di Alonso? Massa: «L'Aston Martin avrà molto da guadagnare, ma Fernando...»

Foto: McLaren


Tag
alonso | boullier | alpine | mclaren | aston martin | f1 | formula1 | stagione 2022 |


Commenti
-
Formula1.it

Considerato uno dei piloti più forti della Formula1, Fernando Alonso nel corso della sua carriera ha ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it