Camilleri, Ferrari da mondiale, Kimi? non abbiamo deciso, Vettel come CR7

Camilleri, Ferrari da mondiale, Kimi? non abbiamo deciso, Vettel come CR7

By:
1136

Debutto dal basso profilo per il nuovo amministratore delegato della Ferrari, Louis Camilleri, che oggi al termine delle prove libere del Gran Premio d'Italia si è presentato a Monza, dove ha tenuto una conferenza stampa non programmata, nella quale si è ufficialmente prestato ai media e ha rilasciato delle dichiarazioni spaziando tra vari temi riguardati la scuderia.

Le prime domande che sono state rivolte al nuovo CEO di Maranello hanno riguardato il futuro della Formula uno a partire dal 2020:

"Parlando del patto della concordia, sono convinto che la F1 deve essere emozionante per gli spettatori ma senza snaturare il fatto che resti la massima espressione del motorsport".

Patto della Concordia che scadrà appunto nel 2020 e i team già da tempo stanno discutendo su quale sarà il futuro di questo sport, sia dal punto di vista del regolamento tecnico sia dal punto di vista economico.

Regolamento tecnico che Sergio Marchionne aveva via via modellato a suo piacimento, a favore della mancata saturazione dello sport a favore dello spettacolo, ed è proprio da questo punto è ripartito Camilleri, che da CEO Ferrari svolge un ruolo decisivo nelle trattative con Liberty Media, per arrivare alla fine ad un rinnovo del Patto della Concordia, che sia favorevole ai team, alla Ferrari e allo sport stesso.

Futuro dla F1 ma non solo, visto che l'ex AD di Philip Morris è stato anche interrogato su quale sarà il futuro di Kimi Raikkonen, team caldo, caldissimo in questo periodo:

"Non posso dire molto sul futuro. Ho fiducia nel fatto che i team troveranno una scelta condivisa. Sui piloti quando avremmo preso una decisione voi sarete i... secondi a saperlo".

Decisone che, di fatto non è stata ancora presa, e sulla quale si hanno voci, indiscrezioni tra loro contrastanti, visto che all'inizio dell'estate Charles Leclerc era dato come certo a Maranello nel 2019.
Con la morte di Sergio Marchionne, primo sostenitore di Leclerc in Rosso, Kimi sembrava destinato ad un rinnovo certo, mentre negli ultimi due-tre giorni, il Monegasco sembra tornato in pole per affiancare Vettel nel 2019.

Sempre sul tema piloti, il manager Egiziano di origini maltesi ha espresso un suo parere personale su Kimi Raikkonen, e le modalità con cui verrà presa la decisione per la line-up 2019:

 "Kimi é un grande amico. La decisione finale sul suo futuro sarà di Maurizio Arrivabene ma ne discuteremo".

Decisone che, come detto non è stata ancora presa, ma che sarà presa si dallo stesso CEO, che in modo estremamente intelligente si affiderà a Maurizio Arrivabene per porre la parola fine a questa faccenda, utilizzando i feedback del capo della GeS, che senza dubbio ha una visione più completa e dettagliata della realtà della pista.

Il 63enne ex numero uno, tra le tante cariche ricoperte, di Kraft è stato interpellato sul futuro di Alfa in F1,  che più che una vera e propria strategia aziendale, era stato un pallino di Marchionne:

"Io rappresento Ferrari e non Alfa Romeo, quindi non posso rispondere sul futuro del team Sauber".

Si è poi passato al commento delle voci che si sono susseguite il mese scorso in merito ad un possibile meeting tra Fernando Alonso e il nuovo AD di Maranello per un possibile ritorno dello Spagnolo in Italia:

"Non abbiamo mai avuto contatti con Alonso. Vettel è il Ronaldo della Formula 1".

Smentita secca di un fantomatico ritorno di Fernando in Ferrari, con la quale oggettivamente, sia per la presenza di Vettel sia per il modo con cui le parti si erano lasciate, non erano presenti le condizioni per aprire ad una trattativa.

Il giramondo al timone della Rossa ha poi voluto sottolineare la sua presenza e il suo impegno ai massimi livelli nel suo nuovo ruolo nell'azienda italiana:

"La mia vita é a Maranello. A settembre chiariremo i nostri piani strategici".

Maranello dove si è trasferito, per vivere l'azienda nel quotidiano, e per essere semrpe presente per gestire il tutto in prima persona, senza delagre nessuno.
Gestione quotidiana che vedrà la sua applicazione a Settembre, quando il CEO presenterà il piano industriale 2018-2022, nel quale però non è stato direttamente coinvolto, visto che il futuro a breve termine di Maranello era stato già programmato nei dettagli da Sergio Marchionne.

Proprio con un ricordo dell'ex numero uno Ferrari, nonché suo predecessore, Sergio Marchionne, ha concluso la sua conferenza stampa Louis Camilleri:

"Ho conosciuto Sergio da 12 anni fa. Lui é entrato nel CDA che presiedevo e io sono entrato nel CDA Ferrari grazie a lui. Il nostro stile è diverso, ma mi manca. Lui era una persona straordinaria, ambiziosa e molto intelligente".



Tag
f1 | ferrari | scuderia | 2018 | pu | vettel | raikkonen | arrivabene | camilleri |


Commenti
- Formula1.it
Debutto ufficiale per Louis Camilleri come nuovo amministratore delegato della Ferrari a Monza dove, ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it