Bottas, voglio vincere la prima gara 2018, qui difficile sorpassare

Bottas, voglio vincere la prima gara 2018, qui difficile sorpassare

By:
891

La stagione di F1, gara dopo gara, si sta avviando al suo epilogo, e come è normale che sia, la tensione è sempre più grande e sempre più grande è la pressione sulle spalle dei due contendenti alla vittoria finale.

Pressione, non poca, è anche quella sulle spalle di Valtteri Bottas che sta vivendo in Mercedes un'annata esternamente più complicata delle prima, visto che a sei gare dalla fine non ha ancora vinto una gara, da tempo è relegato al ruolo di scudiero del team mate Hamilton, e dall'inglese sta accusando un enorme gap in graduatoria.

Per uscire da questa situazione, all'ex pilota della Williams servirebbe un successo, magari in questa gara, proprio su una pista sulla quale ha sempre ben figurato.

Proprio su questo tema è stato stuzzicato il pilota Finlandese nel corso della classifica conferenza stampa del Giovedì all'interno del motorhome della Stella:

Non ti puoi dimenticare mai la prima volta sul gradino più alto del podio, ed è molto bello essere di nuovo qui. Abbiamo fatto parecchie gare piuttosto buone, ma per adesso ancora non ci sono stati successi per me. Speriamo di poterne ottenere un altro qui”.

Successo che in questa stagione, a differenza della scorsa, è mancato a Valtteri Bottas, quando ne ottenne due, e che pone Valtteri sotto un'ulteriore pressione, visto che questa mancanza di trionfi lo relega ancora di più a ruolo di secondo.

Successo che in questo 2018 non è ancora arrivato, ma che sarebbe potuto arrivare in almeno due occasioni, come Bahrain e Baku, dove il Finnico era senza dubbio nelle condizione di potercela fare, ma che o per errori strategici o per sfortuna.

Il pilota numero 77 della Mercedes ha poi spostato il suo focus sulla prossima gara a Sochi:

Sorpassare è complicato a Sochi. L’anno scorso ho mancato la pole per meno di un decimo di secondo, ma ovviamente serve anche una buona partenza. È chiaro che mi piacerebbe scattare davanti a tutti, da lì è più facile avere un buono spunto. E poi, basta guardare le edizioni del 2015 e del 2016 che hanno dimostrato che essere in pole può dare un grosso vantaggio qui”.

Pole che, come sempre nella F1 odierna, ha un enorme valore, ma che in Russia non è così importante perché dallo start alla curva due (la uno è un rettilineo) ci sono moltissimi metri che permettono a chi scatta dietro di prendere la scia al poleman e magari passare in testa alla prima piega.

Per finire, Valtteri ha parlato del problema delle bandiere blu, che dopo la scorsa gara a Singapore, e i guai avuti nei doppiaggi da Lewis Hamilton, è tornato prepotentemente di moda:

Sono stato in entrambi i lati della bandiera blu e penso che dipenda molto dal circuito. A volte questa regola degli 1.2 secondi è perfetta, in altri casi invece può essere difficile compiere il doppiaggio senza perdere del tempo, come abbiamo visto a Marina Bay. Ma non direi che ci sono realmente dei motivi per lamentarsi…”.


Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Russia 2018


Tag
f1 | mercedes | pu | 2018 | tecnica | hamilton | bottas |


Commenti
- Formula1.it
Valtteri Bottas, a sei gare dal termine del campionato si dice volenteroso a vincere la sua prima gara ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it