Vettel, oggi sensazioni strane, ma non diamoci per persi

Vettel, oggi sensazioni strane, ma non diamoci per persi

By:
708

Si sapeva, così è stato.

Si sapeva già alla vigilia della gara francese che la Ferrari, su una pista a medio-alto carico, stile Barcellona, sarebbe tornata a soffrire, rendono solo un vago ricordo la grande competitività messa in mostra in Canada.

E così è stato, visto che a Le Castelet le due Ferrari hanno accusato il colpo dalle Mercedes, chiudendo la qualifica in quarta e settima posizione con un gap minimo di 0.6 secondi.

Sessione difficile per tutta la squadra, ma ancor di più per Sebastian Vettel, che oltre ad essere stato più lento, per tutto il weekend di Charles Leclerc ha anche avuto dei problemi tecnici nel suo ultimo push.

Alla fine della sessione il pilota numero cinque della Rossa ha risposto alle domande dei giornalisti, analizzando la sua giornata:

Abbiamo fatto tantissime sessioni per cui non è che importi più di tanto. È più il fatto che è mancato il feeling con la macchina: a volte c’era, altre no. La fase finale delle qualifiche è stata un po’ strana…”.

Sessione strana, è la sintesi perfetta che il quattro volte campione del Mondo svolge per la qualifica del Paul Ricard, dove la Ferrari ha vissuto un'altalena di prestazioni che non hanno permesso di mettere in chiaro il vero valore della SF90.

Si, perché ieri la Rossa era apparsa in affanno, mentre stamane, nelle FP3, dei buoni giri di Vettel e Leclerc avevano illuso i Ferraristi di poter fare bene nelle qualifiche.
Ma, anche nelle stesse qualifiche, la giornata si è confermata strana, poiché a tratti, e Seb e Charles avevano sfoderato giri tali da impensierire le due Mercedes.

Alla fine però, la Q3, la vera sessione importante, si è conclusa con un verdetto amaro per il team di Maranello, con Charles Leclerc che ha chiuso terzo a 0.6 secondi dalle Mercedes, e Vettel che ha terminato P7 con un gap di più di un secondo dal poleman Hamilton, accusando però delle noie tecniche sulla sua vettura.

Su questo tema però, il pilota di Heppenheim non si è voluto sbilanciare (anche se si pensa a problemi al motore endotermico oppure alla trasmissione), ma ha voltato pagina pensando già alla gara di domani:

C’è sempre un motivo per guardare avanti verso la gara. Chiaramente le qualifiche non sono state al pari delle nostre aspettative, ma domani penso che potremo fare un buon GP e divertirci…”.

Ottimismo, di fatto, quello che regna in Seb e in tutto il team Ferrari, malgrado la deludente qualifica, che spinge Vettel e tutti gli uomini in Rosso a guardare positivamente a domani, a una gara in rimonta per il Tedesco, dove la SF90 dovrà farsi trovare pronta per portare almeno uno dei due alfieri del Cavallino sul podio.



Tag
f1 | ferrari | 2019 | scuderia | vettel | leclerc | binotto | pu | maranello |


Commenti
- Formula1.it
Dopo una deludente qualifica, Sebastian Vettel analizza la sua giornata, ma non si perde d'animo in ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it