Vettel, qui può accadere di tutto, siamo ottimisti per il futuro

Vettel, qui può accadere di tutto, siamo ottimisti per il futuro

By:
661

Obiettivo riscossa, questo è il target per Sebastian Vettel nel Gran Premio d'Austria, ovvero dimostrare che il vero Sebastian è quello brillante, chirurgico del Canada, e non quello opaco e in affanno del Castellet.

Per fare ciò Seb è pronto ad avvalersi di una Ferrari che sul Red Bull Ring, pista stop and go stile Canada, dovrebbe tornare nelle prime posizioni.

Il tutto sarebbe utilissimo a ridare morale al team e al pilota di Heppenheim, dopo un fine settimana deludente, e per il verdetto della pista, e per io verdetto dei giudici per la questione Canada.

Ma, il Paul Ricard è solamente un ricordo, e a sottolineare questo concetto ci ha tenuto il quattro volte campione del mondo:

Non dobbiamo guardare indietro, ma avanti. Pensando all’ultima gara sicuramente notiamo che non eravamo molto competitivi, non avevamo il passo, mancava questo e quello, ma non è questo il modo in cui mi piace lavorare. Io guardo al futuro e so che il team è forte e ci sono molte buone idee da sviluppare”.

Idee, molte, che devono essere realizzate per far si che la SF90 riesca, almeno per la fine della stagione a ripristinare i valori in campo del 2018, ovvero scendere in pista sempre con una vettura capace di giocarsela ad armi pari con la Mercedes, sperando intanto di ottenere qualche vittoria di tappa, che sarebbe non poco utile anche al morale del team.

Un lavoro duro, faticoso, che a Maranello sono pronti ad affrontare, per risolvere la situazione attuale dove le performance della monoposto è influenzata pesantemente dall'effetto pista.

Proprio sulle novità necessarie alla Rossa e ai relativi tempi di realizzazione, Seb ha commentato:

Non sono uno stupido, so che il tempo stringe e non è dalla nostra parte, ma come detto sono un ottimista e so che alla domenica tutto può succedere. Vediamo dove saremo questo weekend e durante le prossime gare”.

Ottimismo, che da sempre in questo 2019 fa capolino nel box Rosso, sia in ottica gara, quella di Spielberg, dove Vettel e Leclerc sono pronti a sfruttare la pista favorevole alla SF90 per ben figurare e ottenere la prima vittoria stagionale.

Ottimismo che, di fatto, non manca neppure per un futuro a medio-lungo termine, ovvero nella possibilità di ribaltare entro la gara di Abu Dhabi del primo di Dicembre, gli attuali valori in campo.

Il pilota numero cinque della Rossa ha poi risposto alle domande riguardanti il suo diretto coinvolgimento nel miglioramento della monoposto:

Non guardo al passato. Non voglio comparare quello che faccio oggi con quello che facevo nel passato. Non voglio stare qua a fare la tara rispetto al lavoro che svolgevo un anno fa, tre anni fa, dieci anni fa. Ci sono delle cose che vanno fatte, cose di mia competenza, che provo a gestire nella maniera migliore per il team, considerandomi parte del team e ben conscio del mio ruolo. Crediamo in noi stessi e speriamo di poter dare una svolta alla stagione, sia per noi che per voi giornalisti. Qualcuno di voi sarebbe felice se ce la facessimo”.

Seb Vettel ha, in seguito, espresso la sua opinione sulla possibilità, paventata nella giornata di oggi, di tornare alle gomme 2018, da quasi tutti i team viste come la soluzione di ogni problema:

Dovremmo provarle per poter rispondere. Credo che in questo momento è facile dire che Mercedes ha fatto un grande lavoro e spetta agli altri raggiungerli. Questo sarebbe un elemento capace di rimescolare le carte. Per quanto ci riguarda noi fatichiamo molto più dello scorso anno a portare le gomme in temperatura e a farle lavorare adeguatamente sia in gara che in qualifica”.

Velatamente dunque il tedesco, in rappresentanza di Maranello, ha espresso il parere favorevole di tornare alle coperture 2018, molto più facile da far entrare nelle finestra di utilizzo.
E proprio questo sembra essere il guaio principale del porgetto SF90, pensato esattamente sulle gomme della passata stagione.


Sempre sulle questione gomme, Vettel ha voluto terminare la sua conferenza stampa, parlando della gestione quasi ottimale di Mercedes delle Pirelli in versione 2019:

Mercedes e Lewis hanno fatto il passo ma ho visto che Bottas aveva qualche problema, non conosco la differenza tra le loro macchine. Qui l’asfalto è più chiaro rispetto alla Francia e le temperature potrebbero essere più basse”.


Tag
f1 | ferrari | 2019 | scuderia | vettel | leclerc | binotto | pu | maranello |


Commenti
- Formula1.it
Sebastian Vettel si presenta in Austria pronto a sfruttare ogni occasione che si presenterà, e non ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it