Tutte le novità del regolamento F1 2020

Tutte le novità del regolamento F1 2020

By:
4345

Evoluzione, non rivoluzione: questa è la parola chiave per la F1 nel 2020 (la rivoluzione arriverà nel 2021). Ma nonostante la grande stabilità delle regole in questa stagione, ci sono stati ancora alcuni piccoli aggiustamenti al regolamento durante l'inverno. Ecco a cosa fare attenzione nel 2020.

Il ritorno della bandiera a scacchi

Il regolamento 2019 aveva visto la bandiera a scacchi andare "in pensione", sostituita da un pannello luminoso a scacchi come segnale ufficiale di fine gara, ma un guasto al sistema elettronico nel Gran Premio del Giappone ha portato il pannello luminoso a mostrare la bandiera a scacchi un giro prima della fine della gara, facendo sì che i risultati ufficiali venissero contati da lì - da qui il ritorno alla buona vecchia bandiera come segnale di fine gara ufficiale per il 2020.

Meno test

Per il 2020, i test pre-campionato sono stati ridotti da otto giorni a sei, con due prove di tre giorni che si svolgeranno al Circuit de Barcelona-Catalunya in Spagna dal 19 al 21 e dal 26 al 28 febbraio.


I test di metà stagione sono completamente aboliti, anche se quest'anno dovrebbe essere meno problematico per le squadre, dato che le monoposto saranno probabilmente evoluzioni di quelle del 2019

Ci sono però buone notizie per i giovani piloti. Il regolamento sportivo prevede che le squadre debbano utilizzare uno di loro (cioè un pilota con due o meno partenze nei Gp) in almeno un giorno dei test post-stagione di Abu Dhabi.

Ci sono buone notizie anche per i meccanici nel regolamento 2020, che potranno godere di un'ora (teorica) in più a letto il giovedì e il venerdì dei fine settimana di gara, grazie al coprifuoco obbligatorio - durante il quale ai meccanici delle squadre è vietato lavorare sulle loro monoposto, o addirittura rimanere entro i confini del circuito - che viene esteso da otto ore a nove. Le squadre possono infrangere il coprifuoco due volte in una stagione senza ricevere alcuna penalità.

Pinne di squalo

Con lo sguardo rivolto ad una caratteristica di design che sarà presente sulle vetture del 2021, per il 2020, tutte le squadre dovranno creare una piccola estensione sulla copertura del motore delle monoposto - simile a quella presente sulla McLaren MCL34 all'inizio del 2019 - una "pinna di squalo" pensata per ospitare i numeri dei piloti al fine di rendere più facile per i tifosi distinguere tra le due macchine di ogni squadra. L'impatto aerodinamico sulle vetture sarà minimo (tranne che in curva).

Meno penalità per i jump start e per chi salta i controlli del peso

Quando Pierre Gasly non ha notato i segnali luminosi che lo chiamavano alla pesa durante le Prove Libere 2 del Gran Premio dell'Azerbaigian 2019, i Commissari Sportivi hanno dovuto punire il francese con una partenza ai box. Queste regole sono state ammorbidite per il 2020, consentendo ai Commissari Sportivi una maggiore discrezione e dando loro la possibilità di infliggere sanzioni meno severe se lo riterranno opportuno.

Anche le jump start sono state penalizzate con un drive-through o in una penalità di 10 secondi di stop-go. Il regolamento del 2020 offre ai commissari di gara la possibilità di infliggere penalità meno severe di 5 e 10 secondi.

Vietati i pannelli oscuranti nei test

Tradizionalmente questi pannelli vengono utilizzati dalle squadre durante i test per non mostrare le varie soluzioni adottate, per il 2020 saranno vietati nei test pre-campionato quando l'evento è in diretta (dalle 09:00 alle 18:00) per migliorare lo spettacolo per i tifosi. Le squadre potranno, tuttavia, utilizzarli quando il fondo della loro monoposto non è montato, o se la monoposto è stata recuperata dopo essersi fermata in pista.

Vincoli all'uso del metallo nell'ala anteriore

Le forature ed i ritiri causati da piccole collisioni tra l'ala anteriore di una monoposto e le ruote di un'altra monoposto sono stati episodi frustranti in più occasioni negli ultimi anni, quindi per cercare di limitare questo rischio le regole ora impongono che i primi 50mm delle piastre terminali dell'ala anteriore debbano essere realizzate esclusivamente in fibra di carbonio. Qualsiasi elemento metallico - come gli elementi di fissaggio o gli inserti usati per fissare l'ala anteriore - sono ammessi solo 30 mm più indietro rispetto al bordo d'attacco della piastra terminale.

I condotti dei freni sono ora "Listed Parts"

I condotti dell'aria utilizzati per raffreddare i freni sono ora classificati come "Listed Parts" (parti di proprietà), il che significa che dovranno essere progettati dai team stessi, piuttosto che essere acquistati da un'altra azienda o da un altro team. Altre parti di proprietà sono: la carrozzeria dell'auto, le protezioni anti schiacciamento, le protezioni per impatto frontale e la cellula di sopravvivenza.

Meno elettronica nelle partenze

Nel 2020 i piloti avranno ancora più controllo sulle partenze, con il 90% della coppia del motore controllato direttamente dal comando del pilota sulla paletta della frizione o sulle palette della frizione (che le regole ora prevedono anche che siano palette "a trazione").
I piloti avranno ancora a disposizione le funzioni di prevenzione dello stallo e di ricerca del punto di stacco, ma la bravura manuale sarà ancora più importante per garantire un'ottima partenza.

Un MGU-K extra da poter utilizzare

Le scuderie adesso potranno utilizzare tre Unità Moto Generatrici-Kinetic MHU-K nel corso della stagione piuttosto che due, allineando l'assegnazione al numero di elementi consentiti all'anno di Motori a Combustione Interna (ICE), Turbo Charger (TC) e Unità Moto Generatrici-Calore (MGU-H). Questo dovrebbe portare a meno penalità nel 2020, dato che nove dei 20 piloti hanno superato questo limite di MGU-K nel 2019. Rimangono due le Batterie e le Centraline Elettroniche ammesse durante l'anno

Meno carburante fuori dal serbatoio

Il Regolamento Tecnico 2020 limita la quantità di carburante che può essere presente al di fuori del serbatoio a soli 250 ml (due litri nel 2019) e tutti da utilizzare per "il normale funzionamento del motore". Questo per dissuadere le squadre dal cercare qualsiasi potenziale beneficio derivante dal tenere grandi quantità di carburante al di fuori del serbatoio.


Tag
regolamento f1 2020 | regolamento formula 1 | f1 novita regolamento f1 |


Commenti
- Formula1.it
Evoluzione, non rivoluzione: questa è la parola chiave per la F1 nel 2020 (la rivoluzione arriverà ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it