Red Bull: a Monaco per la vittoria
By:
2623

Storicamente Montecarlo è un circuito favorevole alla Red Bull, ma anche Honda ha più volte scritto il suo nome nell'albo d'oro di questo evento.
Il motorista giapponese può vantare sei precedenti vittorie nel GP di Monaco, tutte arrivate in stagioni consecutive dal 1987-1992 grazie ad Ayrton Senna (cinque vittorie) e Alain Prost (una vittoria). Inoltre, auto con motore Honda hanno condotto ogni giro di cinque consecutivi GP di Monaco dal 1987-1991.

Caratteristiche del tracciato

Montecarlo è il circuito con velocità media più bassa di tutta la stagione. Non ci sono curve ad alta velocità ed anche le velocità di punta sono le più basse del calendario.

Dal punto di vista ingegneristico la sfida è importante. Tutti gli sforzi sono dedicati a mettere deportanza sulla macchina, di solito utilizzando grandi ali posteriori. Dobbiamo anche considerare l'impatto sulle temperature dei freni a causa delle basse velocità e dell'aria calda. Inoltre, poiché si lavora maggiormente ai bassi regimi e si usano tanto le marce, dobbiamo considerare la capacità del motore di erogare la potenza in modo fluido e prevedibile... è fondamentale per il pilota su questa pista.


Il circuito è più irregolare rispetto alla maggior parte dei circuiti su cui si corre, quindi è necessario un assetto che supporti la bassa velocità, anche per favorire le gomme ad aderire al terreno quando si viaggia sui dossi.

Le qualifiche sono fondamentali a Monaco perché il circuito è tortuoso e stretto, la capacità di sorpasso è molto limitata. Se fai un errore e usi i cordoli un po' troppo non hai spazio per recuperare.


Vediamo adesso come i piloti Red Bull si stanno preparando a questo importante evento.

Max Verstappen

Nel 2018 qui abbiamo assistito al punto più "basso" dell'iniziale approccio alle corse del pilota olandese, spesso troppo audace, spesso autore di errori importanti, come appunto le FP3 del 2018 qui a Monaco in cui andò a danneggiare seriamente la sua monoposto contro le barriere impedendogli anche di partecipare alle qualifiche. Ma dopo quell'errore qualcosa è cambiato, e Max è riuscito a limitare gli eccessi valorizzando il suo talento.
Il pilota olandese è stato leader della corsa per 144 giri in questa stagione, più di chiunque altro sulla griglia, e dopo soli 4 Gp è già a 25 giri dal suo record stagionale, registrato nel 2018

Il Gran Premio di Spagna è stato difficile, come ti senti pensandoci?
Mi sento bene, ma come squadra non è stato il fine settimana più tranquillo, ci è sicuramente mancato il ritmo per tutta la gara. È quello che è e abbiamo comunque ottenuto il secondo posto e buoni punti per la squadra. Siamo ancora all'inizio della stagione, quindi dobbiamo solo fare in modo di continuare a spingere e iniziare a vincere qualche altra gara. Stiamo sempre analizzando e spingendo noi stessi al massimo.

Dove pensi che si debba migliorare per sfidare la Mercedes?
Penso che il nostro degrado delle gomme, ma anche il ritmo generale della macchina non era abbastanza buono per sfidare davvero la Mercedes a Barcellona. Sono arrivato davanti a Lewis alla curva 1, ma se non l'avessi fatto, sarebbe semplicemente andato via, condurre la gara per così tanto tempo ha reso più difficile accettare la sconfitta. Dobbiamo solo continuare a migliorare.

Guardando a Monaco, quanto sei eccitato nel correre di nuovo lì?
Il Gran Premio di Monaco è sempre molto speciale, è molto diverso dalle altre piste, il circuito è molto stretto, ma anche incredibile da guidare su un giro in qualifica. Puoi davvero sentire quando hai dato tutto e il giro sarà buono - questo ti fa sorridere. Non sono mai salito sul podio a Monaco, quindi mi piacerebbe farlo! Abbiamo solo bisogno di avere un fine settimana pulito, penso che sia molto importante. Vedremo se saremo veloci o no, ma finora in qualifica siamo stati abbastanza vicini, quindi spero solo che sarà lo stesso a Monaco.

Non c'è margine di errore a Monaco, quindi quanto è importante la qualifica?
So molto bene che non c'è margine di errore a Monaco (ride), dobbiamo solo assicurarci di fare bene al sabato. Naturalmente poi la domenica è difficile sorpassare, ma un sacco di cose possono accadere. Abbiamo bisogno di essere al nostro meglio sabato e domenica per essere sicuri di essere sul gradino più alto del podio".


Sergio Perez

Sergio Perez è l'unico pilota messicano ad essere finito sul podio nel GP di Monaco, avendo chiuso in terza posizione nella gara del 2016
Perez non ha in generale un buon feeling con Montecarlo, si è qualificato 7° in quattro occasioni precedenti e non è mai partito in posizione migliore.

La Spagna si è rivelata un fine settimana impegnativo, ma il quinto posto di domenica ha fornito punti solidi per il team. Come lo consideri?

È stato un fine settimana difficile ed è stato compromesso dalla cattiva prestazione di sabato in qualifica, non ero al cento per cento fisicamente, quindi ho fatto fatica, ma ora sono tornato in piena forma. Guardando avanti, mi sto sentendo più a mio agio con la macchina, quindi spero di essere in grado di mostrarlo a Monaco e di fare una buona prestazione sabato. Sono entusiasta di correre lì, soprattutto perché non siamo stati in grado di farlo l'anno scorso.

Hai detto che hai trascorso gran parte della gara dietro Daniel pensando a come superarlo. Parlaci di questo.
Si trattava di puntare al sorpasso in curva 1, la McLaren era molto veloce in rettilineo, quindi questo ovviamente ha reso le cose un po' più difficili per noi. Alla fine sono riuscito a superarlo, ma era troppo tardi in gara.

Guardando avanti a Monaco, hai finito sul podio lì nel 2016. Qual è l'obiettivo di questo fine settimana?
Storicamente la Red Bull è stata forte a Monaco, quindi spero che saremo in grado di lottare per la vittoria. Hai bisogno di molta fiducia con la macchina lì perché il margine di errore è così piccolo. Mi sento più fiducioso con la macchina, quindi spero di essere in grado di mostrarlo durante il fine settimana. Sono anche impaziente di vedere i fan, l'atmosfera è così diversa senza di loro.

Con una battaglia di campionato quest'anno, quanto è importante lo sviluppo e continuare a spingere sulla vettura 2021 da parte di tutti in fabbrica?
È molto importante massimizzare weekend dopo weekend. Ci sono grandi sfide davanti e la stagione è molto lunga, quindi è necessario che tutti siano al cento per cento per portare a casa il campionato.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Monaco 2021


Tag
dichiarazioni red bull | dichiarazioni verstappen | dichiarazioni perez |


Commenti
- Formula1.it
Dopo la delusione in Spagna arriva un circuito storicamente favorevole alla Red Bull, ma che non lascia ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it