Marko: «Max come Senna. Perez? Non cerca di batterlo, è il compagno perfetto»

Che la Red Bull avesse un debole per Verstappen lo sapevamo. Lo si è capito subito. Sin dal suo esordio in F1 nel 2015, quando fu strappato dalla Formula3 per essere messo al volante della Toro Rosso a fianco di Carlos Sainz.

La stagione 2016 era iniziata con la medesima formazione di piloti dell'anno precedente, ma visto l’andamento delle prime gare di Kvyat, il team austriaco, in Spagna, decise di promuovere Max in prima squadra e di far tornare a lavorare Daniil assieme al team faentino per il resto del campionato.

Sainz trascurato? No, sfortunato...

Una scelta criticata da molti, nonostante Verstappen sia riuscito a vincere a Barcellona la sua prima gara in carriera proprio nella circostanza, proprio come ha ricordato il consulente Helmut Marko in un’intervista riportata da 'RaceFans.net’: “Alcuni credono che Sainz sia stato trascurato. I suoi progressi erano buoni e la differenza tra lui e Max era spesso davvero poca. Decidemmo di promuovere Max perché nonostante avesse meno esperienza è stato il più veloce dei due. Riesce ad essere veloce su ogni vettura. La sfortuna di Carlos è stata ritrovarsi con Max come compagno di squadra”.


Max come Ayrton

Concentrandosi poi sul pupillo di casa Red Bull, il DR. Marko ha aggiunto: “Dopo che Max è riuscito ad entrare in F1 all’età di 17 anni, la FIA ha aggiunto una norma che impone ai piloti di aver compiuto almeno 18 anni per correre all’interno della categoria. Credo che questo sia sbagliato. Con la giusta preparazione e talento si potrebbe arrivare in Formula 1 anche a 16 anni. In termini di carattere, fiducia in sé e carisma, lo paragonerei ad Ayrton Senna”.

GP Gran Bretagna 2022, Verstappen, Red Bull

Ora ognuno può avere la sua opinione, somiglianze con il campione brasiliano o no, è indubbio che Verstappen sia un pilota di grande talento e capacità. L’olandese riesce sempre ad andare al limite e a ottenere sempre grandi risultati.

Perez, il compagno perfetto

Traguardi che ora, secondo l’austriaco, riesce a raggiungere anche grazie all’aiuto della spalla Sergio Perez: Checo è il compagno di squadra perfetto per lui. Non cerca di battere Max, ma fa tutto il possibile e questo, come accaduto a Baku 2021, può portare alla vittoria. Lavorano molto bene assieme, ha concluso Marko. Una coppia perfetta, che se da un lato giova all’olandese, riesce a soddisfare in pieno anche e soprattutto le richieste del team, che dopo aver sfiorato il titolo costruttori nel 2021 adesso si trova in testa alla classifica con 63 punti di vantaggio sulla Ferrari.


La Red Bull non potrebbe chiedere di meglio.

Anteprima GP Austria 2022 - Pirelli - Scelta la C5 per favorire maggior degrado e spettacolarità

Foto: Red Bull Racing

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Gran Bretagna 2022


Tag
red bull | marko | verstappen | perez | sainz | toro rosso | ayrton senna | f1 | formula1 | stagione 2022 |


Commenti
-
Formula1.it

Che la Red Bull avesse un debole per Verstappen lo sapevamo. Lo si è capito subito. Sin dal suo esordio ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it