Mercedes, Wolff: «Le penalizzazioni in galleria del vento avranno effetto su Redd Bul»
Tempo di lettura: 5 minuti

Come probabilmente ben noto ad ogni appassionato di F1, la punizione della FIA nei confronti di Red Bull per aver violato il tetto dei costi dello scorso anno, consiste in una multa di 7 milioni di dollari e una riduzione del 10 per cento del tempo utilizzabile per i test aerodinamici in galleria del vento.

Inoltre il Regolamento sportivo della F1, nell'intento di bilanciare le performance, prevede che la Red Bull, in quanto campione del campionato costruttori, avrà a disposizione il 70% del totale delle ore in  galleria del vento, ovvero 224 ore.

La Ferrari, seconda classificata, avrà il 75% ovvero 240 ore, mentre la Mercedes l'80% e 256 ore.


Ma a seguito dell'accordo con la FIA la Red Bull otterrà solo il 63% del tempo assegnato e quindi 202 ore.

L'ulteriore penalizzazione dovuta alla sanzione per il caso budget cap, comporta quindi che la Red Bull sarà fortemente compromessa rispetto alla Mercedes, che sommando le penalizzazioni otterrà circa il 27% in più di prove in galleria del vento.

Mercedes, Wolff: «Le penalizzazioni in galleria del vento avranno effetto su Redd Bul»

Parlando delle sfide da affrontare per colmare il divario con la Red Bull quest'inverno, il boss della Mercedes Toto Wolff ritiene che il deficit di test aerodinamici potrebbe avere un impatto importante, anche perché il budget cap rende più difficile recuperare terreno

"Penso che sia più difficile perché non si può investire di più per ottenere un risultato più rapido. Ma credo che il modo in cui sono stati progettati i regolamenti aerodinamici e la penalizzazione che hanno ottenuto, il 25% in meno di galleria del vento, possano avere un effetto."

Parlando del sistema di bilanciamento delle performance tramite handicap progressivi imposti dall'ATR (Aerodynamic Testing Regulation), Wolff pensa che in futuro avremo campionati molto più combattuti.

"Il modo in cui sono stati stabiliti i regolamenti, le restrizioni ATR, significa che ci sono squadre più indietro che possono davvero fare un grande salto rispetto ai primi classificati. Questo è anche il motivo per cui in futuro assisteremo a campionati molto più ravvicinati, perché chi arriva ultimo avrà il 40% in più. Quindi, è chiaro che si tratta di un vantaggio da sfruttare. È scontato che riusciremo a sfruttarlo? Chi lo sa? Loro sono una squadra da corsa brillante"


Quest'anno la Mercedes è stata fortemente rallentata negli sviluppi dalla necessità di risolvere i problemi di porpoising accusati dalla vettura all'inizio della stagione. Ma una volta risolti i problemi principali, è stata in grado di apportare rapidi miglioramenti ed è riuscita a dominare il weekend del Gran Premio del Brasile, con George Russell che ha vinto sia la gara sprint che il gran premio principale.

Wolff però ha ancora molti dubbi in merito al reale stato di forma della Mercedes.

"Non sono mai fiducioso. Sono un tipo da bicchiere mezzo vuoto e non credo mai che il lavoro che stiamo facendo sia abbastanza buono. Non sono affatto sicuro che riusciremo a tornare a competere per il campionato, perché bisogna riconoscere che la concorrenza è forte. Ma faremo tutto ciò che è in nostro potere, tutto, per fissare i nostri obiettivi in alto e cercare di raggiungerli".

Leggi anche: Ferrari, Sainz punta la svolta: «Due le aree su cui concentrarci»

Leggi anche: Test post stagione - Sainz guida la tripletta Ferrari ad Abu Dhabi

Fonte www.motorsport.com


Tag
wolff | mercedes | red bull | test |


Commenti
-
Formula1.it

La Mercedes ritiene che il 25% in meno di ore in galleria del vento, tra penalità e BoP, a disposizione ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it