Marko: «Monaco penalizza la RB19, la Ferrari sarà forte». Poi indica un altro rivale
Tempo di lettura: 4 minuti

Non poteva iniziare in modo migliore la stagione 2023 per la Red Bull. Dopo un 2022 dominato in modo relativamente agevole, con entrambi i titoli mondiali conquistat con discreto anticipo, il team di Milton Keynes ha mostrato al mondo quanto non sia ancora sazio, sfornando una vettura, la RB19, ancor migliore della sua progenitrice.
Come era lecito attendersi, la nuova vettura del team anglo-austriaco ha ripreso la striscia di vittorie interrotta ad Abu Dhabi lo scorso anno visto che, nelle prime cinque uscite dell'anno, ha mostrato uno stato di forma impressionante centrando ben cinque vittorie su cinque gare disputate.

Un avvio di stagione che, dati alla mano, certifica il gran lavoro svolto dagli uomini del team di Milton Keynes, capaci di realizzare una vettura "all-round", perfetta in ogni scenario. Un lavoro che, considerando anche l'handicap della limitazione delle ore da spendere per lo sviluppo in galleria del vento che grava sul team (come conseguenza delle sanzioni imposte dalla FIA per la violazione del budget cap nel 2021) assume rilevanza ancor maggiore.

Una striscia di successi che, almeno ascoltando esponenti del team, potrebbe essere interrotta proprio questo weekend, in occasione del GP di Monaco, tracciato le cui caratteristiche esaltano le vetture rivali e non vanno a favorire i punti forti della RB19. La monoposto di Adrian Newey, di fatto, si esalta su piste veloci, con elevato degrado gomma e dove il DRS ha rilevanza primaria. Insomma, tutto il contrario di Monaco.

Proprio di questo, come riportato da 'Crash.Net', ha parlato Helmut Marko alla vigilia della gara nel Principato.

"Non possiamo giocare con i nostri punti di forza a Monaco. Chi è davanti fa il passo. Il degrado gomma non sarà decisivo. Non ci sono rettilinei dove entra in gioco il nostro vantaggio in velocità".

Il consigliere del team inglese ha trovato poi nella Ferrari una possibile sfidante, specie considerando la velocità spesso espressa dalla rossa sul giro da qualifica, elemento fondamentale nel toboga monegasco.

"Da quello che abbiamo visto finora, la Ferrari a volte è più veloce della Red Bull nelle curve lente. Sarà emozionante, vedremo".

Oltre alla Ferrari, secondo l'ex pilota austriaco, anche Fernando Alonso e l'Aston Martin potrebbero essere dei seri sfidanti per il successo di tappa, sia grazie alle ottime abilità dello spagnolo sia grazie ad una AMR23 davvero affine ai tracciati cittadini.

"Il maggior vantaggio di Aston Martin è il riscaldamento delle gomme, penso che possa essere decisivo in qualifica. Alonso è sempre bravo. Se hanno un buon weekend dove sono davanti in qualifica, lui è sicuramente un candidato alla vittoria".

Leggi anche: Adrenalina, spiagge e... ricordi legati al leggendario Ayrton Senna: Leclerc parla della 'sua' Monaco

Leggi anche: Newey rivela l'organizzazione del lavoro in casa Red Bull e il piano per il 2026

Foto copertina www.redbullcontentpool.com


Tag
ferrari | red bull | aston martin | marko | alonso |


Commenti
-
Formula1.it

Dopo uno straordinario avvio di stagione, ed una serie di cinque successi su cinque gare, la Red Bull ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it