Alonso, addio alla Formula Uno a fine anno?

Alonso, addio alla Formula Uno?

By:
2417

Nel corso del Gran Premio del Canada, Fernando Alonso ha festeggiato i suoi 300 gran premi in Formula Uno.

Un traguardo importante, che lo colloca tra i piloti con più presenze in F1, preceduto solamente da Jenson Button, Rubens Barrichello e Michael Schumacher.

Stando però alle voci del paddock, Fernando non sembra deciso ad allungare oltremodo la sua striscia di gare nel Circus Iridato, terminando a 314 apparizioni, ovvero al GP di Abu Dhabi 2018, l'ultimo di questa stagione.

Infatti, lo Spagnolo, è visibilmente stanco della situazione che dal 2015 sta vivendo in McLaren, un team che è caduto in una profonda crisi tecnica ed economica, dalla quale difficilmente si potrà risollevarsi a breve termine.

Nei primi anni dell'Austuriano in Mclaren, si pensava che tutti i guai dipendessero dalla Power Unit Honda, che causava un grosso deficit di potenza e scarsa affidabilità, e così alla fine dello scorso anno, i vertici di Woking hanno deciso (anche su forti pressioni dello stesso Alonso) di abbandonare la casa Nipponica, per passare alla motorizzazione Renault.

Motorizzazione Renault, che in Mclaren pensavano fosse la soluzione a tutti i problemi, in quanto i tecnici Inglesi erano convinti di avere il miglior telaio del paddock, ma in questo 2018, con la nuova PU, la situazione è ben diversa da quella preventivata, poiché tra tutti i motorizzati Renault il team fondato da Bruce Mclaren, è quello meno performante.

Infatti in Mclaren, hanno realizzato che il vero problema non era solo la PU, ma anche il telaio, e le parti meccaniche progettate e realizzate a Woking, come cambio, scarichi.

La MCL33 infatti, a parità di motore con Red Bull e Renault, paga un grosso gap, dovuto di fatto al telaio, il quale non genera la downforce necessaria e genera troppo drag (resistenza all'avanzamento), che fa pagare svariati Km/h di velocità di punta sui rettilinei ai due piloti.
Non solo, oltre alle scarse performance, la vettura Ingelse ha anche probelmi di affidabilità, come il cambio e gli scarichi, che sono di progettazione interna.
Probelmi che lo staff tecnico, non è stato in grado di risolvere in 5 mesi, da quando si sono manifestati per la prima volta nei test invernali.

Probelmi tecnici, da cui scaturiscono anche probelmi economici, poiché il team Inglese, è uno dei team con meno sponsor, che di fatto non garantiscono un budget elevatissimo, e quindi meno fondi da destinare alla ricerca e sviluppo delle monoposto.

Una situazione disastrosa, che Fernando Alonso ha compreso molto bene, e sta iniziando a realizzare che forse in F1 non potrà più disporre di una vettura vincente, e di fatto, da un paio di anni a questa parte sta creando nuove sfide e nuove possibilità di vittoria fuori dalla F1, per rilanciare la sua immagine e la sua carriera.

Lo scorso anno infatti, il due volte Campione del Mondo ha tentato l'avventura alla 500 miglia di Indianapolis, ma è stato tradito dalla rottura del motore Honda, quando era leader sul catino Statunitense, mentre in questo 2018 tenterà di vincere la 24 Ore di Le Mans, gareggiando con Toyota (che è l'unico team competitivo in LMP1, con due vetture, avendo il 50% di possibilità di vittoria)

Il prossimo fine settimana, si correrà appunto la 24 Ore di Le Mans, durante la quale si potrebbe decidere il futuro dell'ex pilota Ferrari e Renault, poiché se Fer vincesse in terra Francese, potrebbe decidere di abbandonare la F1 a fine anno per approdare in Indycar per prepararsi al meglio per provare a vincere la Indy500, e centrare così la Tripla Corona.

Nel 2019, si parla infatti di uno sbarco della Mclaren nella serie Americana con un team ufficiale, (grazie anche agli investimenti di Latifi Sr.), e questo potrebbe propiziare lo sbarco del pilota di Oviedo oltreoceano per ambientarsi al meglio alla Indycar, (dove tutti hanno stesse possibilità di vittoria grazie a telai monomarca e motori con stessa potenza) e provare l'impresa di centrare la Triple Crown, entrando direttamente nella storia.


La Tripla Corona (Mondiale di F1, Indy500, 24 Ore di Le Mans), è riuscita nella storia solamente a Graham Hill, e sarebbe una ghiotta occasione per Alonso di dare un senso alla sua carriera, iniziata con i migliori auspici, con una prima parte in costante acesa, ma che a causa di scelte sbagliate e un carattere non proprio impeccabile dello stesso Fernando, rischia di terminare in maniera poco consona al talento e alla bravura dello Spagnolo.
 


Tag
f1 | alonso | 2018 | mclaren | vandoorne | pu | renault | honda |


Commenti
- Formula1.it
Un Fernando Alonso semrpe più stanco dalla deludente situazione della Mclaren, sembra intenzionato ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it