Vettel, in Giappone saremo forti, la macchina va bene e amo questa pista

Vettel, a Suzuka saremo forti, la macchina è veloce e amo questa pista

By:
1277

Giappone, terra sacra per la F1, piena di ricordi e episodi che hanno fatto la storia di questo sport, e dove sono passati e hanno lasciato il segno le più grandi leggende del Circus Iridato.

Tracciato, quello del Sol Levante dove si sono decisi molti campionati, tra i più famosi e memorabili, e dove senza dubbio, vivrà un'alta fase cruciale il Mondiale 2018, e la sfida Vettel-Hamilton.

Sfida che, ha vissuto e vivrà momenti più favorevole all'uno o all'altro pilota, a causa dell'adattamento delle rispettive vetture alle singole piste.

Su questo argomento è intervenuto Sebastian Vettel nel corso della tradizionale conferenza stampa del Giovedì:

"In una settimana può succedere di tutto. Sicuramente questo circuito è un po' più favorevole alla nostra macchina e speriamo di fare un weekend migliore rispetto a quello della Russia. Stiamo cercando di settare la vettura al meglio per riavvicinarci alla Mercedes"

Settimana dove, cambiando pista, potrebbero variare anche i valori in campo, con la Ferrari che potrebbe, anzi dovrebbe, tornare protagonista per reagire ad un periodo molto difficile, per mandare un chiaro segnale di mancata resa alla Mercedes e per provare fino a quando sarà possibile, tenere aperto il discorso mondiale.

Pista, quella di Suzuka che, almeno sulla carta, dovrebbe dare una mano alla Ferrari, visto che su questo tracciato saranno fondamentali la Power Unit, la trazione e la velocità in percorrenza di curva.

Il Tedesco ha poi commentato la situazione attuale della Rossa, e il trend in leggero calando delle ultime gare:

"Abbiamo una macchina forte e robusta, altri possono pensare di no. In qualifica non siamo stati davanti, in gara di più, in molte gare non siamo stati abbastanza vicini e non abbiamo avuto il ritmo che speravamo, ma in generale abbiamo sempre duellato con la Mercedes. Penso che anche qui sarà lo stesso, speriamo di fare bene in qualifica per giocarcela meglio in gara. Le gare non sono facili, perché se segui troppo la vettura che ti precede le gomme si degradano. Ma penso che qui abbiamo più possibilità di fare bene".

Gare, poche in questa stagione, dove la Rossa non è stata a livello Mercedes, come Spagna o Francia, ma dalle quali il team di Maranello si è semrpe rialzato e, di fatto, è lecito attendersi la stessa reazione anche in terra Giapponese.

Reazione che, arriverà se, Vettel e Raikkonen staranno davanti alle due W09 in qualifica, come avvenuto già svariate volte in questo 2018, nel quale la posizone di partenza si sta rilevando sempre più determinante, dato che fornisce un non piccolo aiuto nella gestione della gara e della strategia.

Non si è sottratto neppure a domande scomode, Seb, come quelle relative al team order in casa Mercedes a Sochi, anche facendo un riferimento alla tanto discussa partenza di Monza:

"A Monza non eravamo nella stessa posizione di gara di Bottas e Hamilton a Sochi, non penso che siano gare da comparare. Ma questa è una domanda da fare al team".

Domanda da fare al team, risposta che va a sottolineare questo a Maranello si lavori come team, e non a favore di un solo pilota, mentre la squadra di Toto Wolff vada maggiormente, quasi esclusivamente, nella direzione di Lewis Hamilton.

Immancabile anche, per il quattro volte Campione del Mondo, la domanda su quale sarà il suo approccio alla cinque rimanenti gare del campionato:

"Non mi piace l'approccio 'adesso o mai più'. So che ci sono ancora cinque gare. Dobbiamo cercare di attaccare ed arrivare primi, perché mi piace questa pista, che è la mia preferita al mondo. Non voglio fare questo tipo di congetture, voglio solo pensare a guidare al meglio".

Gare dove, Seb e la Ferrari, dovranno vincere, in primis per mantenere alto il morale e per non buttare al vento quanto di buono fatto fino a questo momento, e in secondo luogo per tenere aperta, fino a quanto la matematica non condannerà, la questione titolo, perché in F1, nulla può essere previsto con esattezza, e dunque molte cose, in cinque gare, potranno accadere.


Infine, il pilota di Heppenheim ha rivolto lo sguardo al duello che ha avuto nella scorsa gara con Lewis Hamilton che ha emozionato i fan:

"Devo dire che quando ci sfidiamo in pista è sempre molto divertente. Lewis forse si è divertito di più a Sochi, perché è riuscito ad infilarmi alla curva 4. E' sempre difficile, ma se si riesce è sempre molto divertente. Peccato solo che alla fine della gara non ho avuto la possibilità di stargli troppo vicino".


Tag
f1 | ferrari | scuderia | 2018 | pu | vettel | raikkonen | arrivabene |


Commenti
- Formula1.it
Sebastian Vettel si presenta a Suzuka convinto di poter fare bene grazie ad una Ferrari che sarà veloce ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it