Vettel, Siamo lenti e ci manca carico, in gara speriamo nel caldo

Vettel, Siamo lenti e ci manca downforce, in gara speriamo nel caldo

By:
820

Delusione nella delusione, questa è stata la qualifica del Gran Premio di Ungheria per Sebastian Vettel.

Delusione per la Ferrari in primis che, dopo un Gran Premio di Germania incoraggiante, su una pista non Ferrari, arrivava in terra Magiara pronta a sfatare un altro tabu, quello all'Hungaroring, che avrebbe dovuto certificare la crescita della SF90.

Così non è stato, visto che le due Rosse hanni accusato un grosso gap e da Mercedes e dalla Red Bull di Max Verstappen.

Ma per Vettel, la delusione nella delusione è stata relativa al fatto che è stato preceduto da Charles Leclerc.

Non è tanto questa la delusione per Seb, ma soprattutto quella di essere stato davanti a Charles per tutte le sessioni fino alla qualifica, tranne nel Q3, proprio quando conta.

Al quattro volte Campione del Mondo non è bastato il suo "Sebastian Vettel lap", come lo definisce il suo ingegnere di pista, Riccardo Adami.
Un duro colpo per il Tedesco che, di fatto, è stato battuto nel suo territorio favorito.

Al termine dell'ora di qualificazioni, il pilota di Heppenheim si è presentato al ring delle interviste per sottoporsi alle domande dei giornalisti:

Impossibile fare di più? Non è mai impossibile, ma difficile.
Non sono contento al 100% del mio giro alla fine. Penso che nel settore 2 ho perso un po’ di tempo, ma in conclusione non siamo abbastanza forti. Ci manca downforce, penso. Specialmente in un circuito come questo. Siamo più veloci nel settore 1 perché lì ci sono i rettilinei, ma nel 2 e nel 3 è molto difficile per noi con le gomme, perché non possiamo spingere come vogliamo“.

Giro non pefetto, per Vettel, che forse avrebbe potuto fare meglio, ma non di molto, a causa dei limiti della SF90.
Un giro perfetto, quello che avrebbe potuto e voluto fare Seb, che al massimo avrebbe potuto portarlo davanti al team mate Leclerc, ma non certo a ridosso dei primi tre.

Primi tre che hanno beneficiato di caratteristiche delle loro monoposto più congeniali alla pista Ungherese, cioè capaci di generare molta downforce e precisione di inserimento in curva.

Caratteristiche che non appartengono invece alla Rossa, che manca di tutto questo, e ciò non consente ne a Vettel ne a Leclerc di spingere come vorrebbero, anche a causa di una mancanza di feeling, dovuto al cronico sottosterzo.

Archiviata la qualifica, il focus del tedesco si è spostato sulla gara di domani:

Per noi domani penso che sarà difficile, ma vedremo: serve una buona partenza e poi la gara comincia. Vediamo. La macchina la sento bene, domani è importante vedere le gomme e poi spero che faremo tutti più di un pit-stop“.

Macchina che, stando ai feedback dei piloti, da buone sensazioni, e che potrebbe giocarsi le sue chance in gara.
Per avere più possibilità di fare bene, i due portacolori di Maranello sperano in una gara a più soste dovute al degrado gomme.
Il tutto per avere, almeno in modo teorico, la chance di insidiare le due Mercedes e portare a casa, magari, un doppio podio.

Infine, Seb Vettel, sfoderando la sua grande sportività, si è complimentato con Max Verstappen per la sua prima pole in carriera:

Non sono sorpreso, sono contento per lui, penso sia la prima pole in carriera“.



Tag
f1 | ferrari | 2019 | scuderia | vettel | leclerc | binotto | pu | maranello |


Commenti
- Formula1.it
Qualifica deludente per Sebastian Vettel e la Ferrari in Ungheria, che fa emergere tutte le difficoltà ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it