Gp Singapore: Vettel vince davanti a Leclerc, festa inattesa per la Ferrari

Gp Singapore: Vettel vince davanti a Leclerc, festa inattesa per la Ferrari

By:
692

Oggi la Ferrari ha messo in campo una strategia magnifica, dove non ha lasciato nulla al caso. Dopo che la squadra ha teleguidato Charles nel corso del primo stint, ha fatto le giuste chiamate per garantire una fantastica doppietta. Vettel rientrando un giro prima rispetto al compagno di squadra è riuscito non solo a preservare la posizione su Max, ma a scavalcare anche Hamilton e Leclerc.Charles non ha potuto fare altro che accodarsi al Tedesco a quel punto, ma oggi quello che conta è che la Ferrari sia riuscita a portare a casa una doppietta che mancava da Ungheria 2017 e che Vettel sia tornato alla vittoria dopo Belgio 2018. Non solo, gli aggiornamenti hanno funzionato, e ora si può guardare al proseguo del campionato con un altro spirito, un'altra grinta e sopratutto con la voglia di vincere ancora.


 

Sebastian Vettel (1°):
“Mi sento bene. Penso che oggi abbia vinto la squadra e sono molto contento per loro ai box, ma anche a Maranello. Perché qui, in questa pista, anche per noi è stata una sorpresa. Bella vittoria, bella doppietta. Certamente sono contento per me dopo le settimane scorse, ma come ho detto sono felice per tutti noi e per la squadra. Gli aggiornamenti? Senza upgrade niente vittoria. È così. E’ stata una bella sorpresa ieri in qualifica. Non ero contento al 100% con il mio giro alla fine, ma oggi sapevo che quando mi hanno detto ‘box box’ dovevo spingere al massimo. Ho fatto così e per questo sono molto contento. Dopo è stato difficile con tre Safety Car, ma la macchina è stata forte anche con le gomme Hard. Alla fine ho controllato la gara e sì, sono contento“.

Charles Leclerc (2°):
"La cosa di cui sono sicuro è che tutta questa decisione non è contro di me, ma è per il bene del team e questo lo capisco completamente, è quello che dovrebbe essere sempre in queste gare. Alla fine siamo primo e secondo oggi, è quello che volevamo ed è quello che merita tutto il team in fabbrica. Sicuramente dentro la macchina è difficile da accettare. Se c’è qualcosa che non capisco? Per adesso non lo so. Non so se sarebbe stato possibile che io mi fermassi prima e fare comunque primi e secondi nell’ordine in cui abbiamo iniziato la gara. Penso non fosse possibile perché sennò l’avrebbero fatto. Capisco di più adesso, a mente fredda, ma devo comunque avere tempo per capire questa decisione. Sicuramente è stato molto difficile capirla in macchina. Sono contento soprattutto per il team. Se lo merita pienamente. Siamo arrivati qua sperando di avere almeno una macchina a podio e usciamo da questo weekend, forse il migliore dell’anno, primo e secondo. È incredibile. Sono molto contento per il team e anche per Sebastian. Una prima vittoria e mezza dopo quella del Canada è buono per lui e speriamo che nella prossima gara andrà meglio per me“.

Mattia Binotto (Team Principal):
"Il desiderio di Charles è fondamentale. Giusto che sia così, giusto che lo voglia. Però a volte ci sono delle condizioni in cui al muretto non si può avere una visione d’insieme completa. Gestiremo e capiremo il perché delle scelte con lui, ma credo che siano abbastanza scontate. Abbiamo sentito più di una volta Charles in radio sorpreso dal sorpasso di Sebastian, però credo che sia stata una scelta giusta. In quel momento sapevamo che Verstappen era pronto a fermarsi e dovevamo proteggere la posizione di Seb. Non solo, quella per Vettel era l’unica opportunità di superare Hamilton. In più, se non lo fermavamo in quel momento, poi forse il giro dopo la squadra non sarebbe stata pronta per accogliere lo stesso Leclerc. Vettel è stato bravissimo nel suo giro di uscita, ma le gare sono anche questo. Al di là di ciò è stata una bella doppietta su una pista non facile. Oggi probabilmente non eravamo neanche i più veloci, ma con la strategia però siamo riusciti a mettere in difficoltà gli altri e a rimanere davanti. Le difficoltà non sono mancate, anche se in TV non si sono viste tutte. La gestione dell’intera gara non è stata facile, ma siamo molto contenti perché questa è una vittoria di tutta la squadra, dei piloti e del muretto, bravo nel tenere tutti calmi anche se non era semplice. La velocità della nostra macchina si è vista ieri in qualifica. Ci ha permesso di fare la Pole e partire davanti a Singapore, dove è un grossissimo vantaggio. All’inizio era importante andare piano per impedire agli altri di fermarsi, per via del traffico. In questo modo si può gestire tutte le vetture per non lasciare spazio di pit stop per poi provare ad aprire il gap. È stato così anche gli anni scorsi, noi non abbiamo inventato nulla quest’anno. Sviluppo? È un lavoro iniziato da tanto. Credo che all’inizio dell’anno non abbiamo raccolto quanto dovevamo e ora stiamo raccogliendo anche oltre le aspettative. Nel bilancio sono convinto che siamo ancora in debito per quello che è il valore della vettura e della squadra. Però sono tre gare che stiamo lavorando bene, non commettiamo errori e quando le cose vanno per il verso giusto arrivano questi bellissimi risultati. Gestire la pressione vuol dire gestire noi stessi perché siamo i primi a volerlo fare. Sappiamo che non tutte le piste sono uguali, non si può vincere sempre. Festeggiare quando si vince è importante, ma da domani si pensa alla Russia. Abbiamo già visto il meteo, ci aspettiamo della pioggia, ma siamo già focalizzati”.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Singapore 2019


Tag
Ferrari | Lelcerc | Vettel | Binotto |


Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it