GP Spagna, prove libere: il baluardo Verstappen contro il dominio Mercedes

Gp Spagna, prove libere: il baluardo Verstappen contro il dominio Mercedes

By:
3449

Il caldo tropicale spagnolo non scioglie il ghiaccio nelle vene dei piloti Mercedes. Sul circuito del Montmelò, Lewis Hamilton e Valtteri Bottas certificano il loro strapotere nonostante i problemi con le gomme negli ultimi due weekend britannici. Le sessioni di prove libere, però, ci forniscono anche altri spunti interessanti. In primo luogo la velocità di Max Verstappen che promette battaglia nelle qualifiche di domani. L’olandese ha raggiunto quella consapevolezza tale che può spingere la Red Bull ad una nuova strategia vincente in vista di domenica. La vera sorpresa della giornata è, però, Daniel Ricciardo molto costante a cavallo delle due sessioni. Per quanto riguarda le Ferrari, si è sviluppata una nuova giornata sulle montagne russe caratterizzata da continui alti e bassi. Dopo un’ottima e veloce sessione mattutina, Leclerc e Vettel hanno stentato nel pomeriggio. Ci si attende una reazione nelle qualifiche di domani.


Prove Libere – Prima sessione

Sesto weekend di questo mondiale 2020. La Formula 1 sbarca sul circuito di Montmelò per il Gran premio di Spagna. Il clima caliente della location fa da contorno ad una serie di “situazioni scottanti” sotto la lente della FIA. Oltre al ben noto caso Racing Point, l’attenzione è concentrata anche sulla possibile decisione di voler eliminare il party-mode (più cavalli durante le qualifiche). Secondo la FIA si potrebbe arrivare a questa decisione già dal prossimo gran premio in Belgio.

Tornando alla pista, la Ferrari scende subito sul circuito per la sessione mattutina. Dal box del cavallino trapelano notizie di possibili novità sulle monoposto, in particolare un nuovo telaio per la vettura di Vettel. Il pilota tedesco scende subito in pista per iniziare a prendere confidenza con i cambiamenti e fa segnare un tempi di 1’22”879. A dettare il passo, però, è la Mercedes di Bottas con gomma gialla in 1’18”573 davanti alla Red Bull di Verstappen con gomma bianca (+0.977). Ad un’ora dalla conclusione, l’attività in pista diventa frenetica con diversi dati interessanti sia dal punto di vista dei tempi sia per quanto riguarda le prestazioni delle gomme. Hamilton, con gomma bianca, gira più lento rispetto al compagno di squadra in gomma gialla. Ottimi tempi, invece, per Ricciardo ed il rientrante Perez (1’19”267) che si piazzano alle spalle di Bottas. Il messicano dimostra grande voglia e grinta migliorando i suoi tempi per una Racing Point che appare sempre competitiva. In casa Mercedes, nonostante il primo tempo di Bottas, l’attenzione è tutta rivolta alla questione gomme dopo gli ultimi due weekend difficoltosi a Silverstone. In questo senso particolarmente interessanti alcuni team radio di Hamilton sulle difficoltà nella gestione della gomma bianca. Il campione britannico, dopo diversi giri interlocutori, si prende il primo posto in 1’18”516. In casa Ferrari, Leclerc occupa l’undicesima posizione mentre Vettel è solo diciassettesimo. A mezzora dalla conclusione della sessione mattutina, prosegue la lotta in testa tra le Mercedes: Bottas si prende la vetta con un super tempo di 1’16”785 davanti ad Hamilton e ad un Leclerc in rimonta (1’17”9). Dietro il monegasco grande reazione di Vettel distaccato di appena 11 millesimi. Con i due ferraristi c’è il solito Verstappen a caccia delle due Mercedes. La sessione mattutina si conclude con delle prove di partenza e simulazioni passo gara. La classifica recita: Bottas, Hamilton, Verstappen.

Prove Libere – Seconda sessione

Sessione pomeridiana che si gioca su due tavoli: quello della pista e quello istituzionale sul tema “party – mode”. In attesa di conoscere le decisioni definitive della FIA e le reazioni dei team, si fa subito sul serio fin dall’inizio. E’ Norris a segnare il primo tempo da leader in 1’19”221 con gomma gialla, precedendo un redivivo Vettel in 1’19”332. Ma la pista è “calda” e le Mercedes vogliono subito rimettersi a dettare il ritmo. Hamilton si prende la prima posizione in 1’17”970 davanti a Bottas con gomma bianca (+0.620). In terza posizione, invece, si ritrovano sugli stessi tempi la coppia Ricciardo – Leclerc in attesa dei primi tentativi di Verstappen ai box per la prima mezzora. Dopo aver fatto smaltire un po’ di traffico in pista, si lancia l’olandese in Red Bull prendendosi subito il secondo posto (+0.427). In casa Mercedes, Bottas dimostra ancora una volta di essere un fulmine in fase prove libere: 1’17”170 è il tempo che, a meno di un’ora dalla conclusione, lo riporta al comando. Ma è una leadership che dura appena qualche minuto perché Hamilton si rimette a dettare il passo in 1’16”883. Chi cerca di tenere il passo delle Mercedes sono Verstappen (+0.821) e Ricciardo (+0.985). Più attardate, invece, le Ferrari con Leclerc in sesta posizione e Vettel in dodicesima. Nell’ultimo quarto d’ora si susseguono le prove sul passo gara: ottime conferme da Verstappen con gomma rossa mentre Hamilton dimostra sicurezza con gomma media. Il pilota dalla Red Bull si conferma anche con gomma gialla in 1’22”5. Segnali di vita anche da Charles Leclerc in 1’22”9 con gomma rossa. Alla bandiera a scacchi, la classifica finale recita: Hamilton, Bottas, Verstappen. Dietro il fantastico trio, si piazzano le sorprese Ricciardo e Grosjean. La Ferrari chiude con Leclerc in sesta posizione e Vettel in dodicesima.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Spagna 2020


Tag
gp spagna | prove libere |


Commenti
- Formula1.it
Il caldo tropicale spagnolo non scioglie il ghiaccio nelle vene dei piloti Mercedes. Sul circuito del ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it