Gp Spagna - Ancora una grande vittoria di Hamilton
By:
2831

Lewis Hamilton non lascia nulla, e per vincere una gara difficile si affida anche ad una strategia molto coraggiosa, con oltre 20 giri finali su ritmo da qualifica, necessari per recuperare un bravissimo Verstappen che lo aveva superato al via ed aveva guidato la gara per oltre 60 giri.

Una gara non ricchissima di emozioni e con pochi sorpassi in pista. Ottimo spunto al via di Verstappen che riesce ad affrontare la prima curva affiancato a Lewis Hamilton ed a superarlo all'interno. Bene anche Leclerc che parte meglio di Bottas, ma non riesce a superarlo alla prima curva, dove deve anche difendersi da Ocon, ma ha una buona trazione all'esterno di curva 3 dove riesce ad affiancare e superare il finlandese guadagnando la momentanea terza posizione.
Meno buona la partenza di Sainz che al via perde due posizioni.

Passano pochi minuti e l'AlphaTauri di Tsunoda letteralmente si spegne rimanendo ferma al'esterno di curva 10, deve entrare la safety car.
Alfa Romeo ha la buona idea di richiamare subito ai box Giovinazzi per effettuare il cambio gomme in regime di SC, ma al momento di togliere le termocoperte i meccanici si accorgono che una delle gomme è sgonfia e sono costretti ad un pit lunghissimo necessario per cambiare tutto il treno di gomme. Purtroppo per lui la safety car lascerà la pista il giro successivo e non gli consentirà neanche di accodarsi al gruppo.


Il primo quarto di gara passa senza ulteriori emozioni, si segnala solo un bel sorpasso di Stroll su Fernando Alonso, che gli vale la momentanea decima posizione, e l'ottimo passo gara di Leclerc che in questi giri riesce a tenere dietro la Mercedes di Bottas.

Arriva intanto una penalità di 5 secondi per Pierre Gasly, che si era posizionato troppo avanti sulla griglia di partenza. Il pilota AlphaTauri sarà anche il primo a fermarsi per montare le gomme medie (secondo a dire il vero, dopo il disastroso pit di Giovinazzi)

Al giro 25 inizia il valzer dei pit-stop. Verstappen anticipa la sosta per evitare l'undercut di Hamilton, che decide quindi di proseguire per qualche giro. Similmente anche Bottas si ferma prima di Leclerc per tentare l'undercut, ed anche il ferrarista prosegue per qualche giro. Quando i due si fermeranno, Hamilton vedrà il suo distacco aumentato a 6 secondi, mentre Leclerc avrà perso la posizione ai danni di Bottas, ma mentre Hamilton sarà presto in grado di avvicinarsi ed attaccare Verstappen, Leclerc non sarà più in grado di insidiarte la posizione di Bottas.

Al giro 43 è Hamilton ad anticipare tutti ai box, quando tra l'altro era molto molto vicino a Verstappen, ma forse non in grado di superarlo a parità di gomma. Al campione del mondo vengono quindi chiesti 20 giri da qualifica per avvicinarsi ed infine superare Verstappen a sei giri dalla fine.
Nel frattempo si segnala un bellissimo sorpasso di Perez ai danni di Ricciardo all'esterno di curva 1, per conquistare la quinta posizione alle spalle di Leclerc.
Negli ultimi giri pit-stop anche per Bottas che prima di entrare ostacola anche un po' il recupero del compagno su Verstappen. Rientra in pista alle spalle di Leclerc, ma con gomme rosse nuove che gli consentono di attaccare e superare velocemente il pilota Ferrari e di conquistare la terza posizione finale. Alle sue spalle uno straordinario Leclerc che riesce a tenere agevolmente dietro Perez.

Buona gara finalmente per Ricciardo, sesto e sempre davanti al terribile e giovane compagno Norris, questa volta solo ottavo.
Dietro il pilota australiano troviamo l'altra rossa quella di Sainz, autore di una buona gara ma in cui perde una posizione rispetto alla griglia di partenza.
Segue l'Alpine di Ocon, che batte ancora una volta il compagno di squadra Alonso solo in P17 sul traguardo in grande crisi con le gomme nei giri finali.
Chiude la zona punti un solidissimo Pierre Gasly, che riesce a tenere dietro la Aston Martin di Stroll e l'Alfa Romeo di Raikkonen.
Gara sfortunata di Giovinazzi che avrebbe potuto lottare per la zona punti senza il problema al suo pit-stop, ma che alla fine chiude in P15 tra le due Williams.
Fanalino di coda ancora una volta le Haas, con Mazepin staccato di oltre 35 secondi dal compagno.

Barcellona è un circuito che viene considerato come la cartina tornasole delle reali prestazioni delle monoposto, perchè alterna curva lente e veloci e perchè richiede sia tanta potenza che tanta trazione.
I risultati di oggi valgono quindi come importanti conferme dello stato di salute dei vari team e i dati sono quelli che ci aspettavamo. La lotta per il campionato è una cosa a due tra Verstappen ed Hamilton. La Ferrari ha un Leclerc straordinario che gli consentirà di combattere con le seconde guide di Red Bull e Mercedes. Alpine e McLaren saranno le rivali dirette di Ferrari per il terzo posto nel mondiale costruttori. La zona punti sarà invece una lotta tra Aston Martin, AlphaTauri ed Alfa Romeo. Le ultime posizioni sono invece destinate a Williams ed Haas.  

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Spagna 2021


Tag
gp spagna | gp spagna gara | spanishgp |


Commenti
- Formula1.it
Lewis Hamilton non lascia nulla, e per vincere una gara difficile si affida anche ad una strategia molto ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it