Gp Azerbaijan - Le pagelle
By:
2572

Baku è sempre Baku, garanzia di gare piene di azione, ricche di colpi di scena, eventi inattesi ed esito non scontato fino alla bandiera a scacchi.
Anche l'edizione 2021 del GP dell'Azerbaijan, tornato in calendario dopo l'assenza causa pandemia, non ha disatteso le aspettative, regalando una gara di assoluto livello.

Anche grazie ai numerosi colpi di scena che lo hanno caratterizzato, il sesto round stagionale ci ha regalato un grande rimescolamento in termini prestazionali dei vari team, consegnandoci una Ferrari competitiva, in qualifica più che in gara, confermando una Red Bull davvero forte in ogni condizione ma mostrando, al contempo, una Mercedes opaca e in difficoltà.

Parlando della gara in senso stretto, l'azione in pista è stata molta e i fattori imprevedibili hanno colpito anche i piloti protagonisti del mondiale, specie Max Verstappen che è stato costretto al ritiro, e Lewis Hamilton che, causa errore, ha vanificato ogni possibilità di accorciare il distacco in classifica dal pilota della Red Bull.

Non solo, ma il sesto round stagionale, oltre ad evidenziare nette differenze nei confronti interni tra driver, ci ha regalato un vincitore diverso da quelli a cui siamo abituati, poiché a trionfare è stato Sergio Perez, giunto al secondo centro in carriera, il primo con Red Bull.

Svolta questa introduzione, andiamo ad analizzare il rendimento durante il Gran Premio dell'Azerbaijan, di team e piloti, con le nostre pagelle.


Mercedes: 5

Per tutto il fine settimana arrancano e fanno fatica, specie sul giro secco: siamo all'inizio di una crisi? Considerando le prime gare, i passi indietro sono notevoli. Se hanno ancora fame e potenziale da sprigionare devono reagire nell'immediato.

Hamilton: 5.5
Super fino a due giri dalla fine, poiché guida oltre i palesi limiti della macchina. Quando Verstappen è out ed ha una ghiotta occasione di fare punti pesanti, si fa ingolosire dalla possibilità di vittoria e butta tutto al vento con una staccata a vita persa su Perez.

Bottas: 2
Ok, se ha davvero ricevuto la notizia che sarà out da Mercedes a fine anno, la sua debacle è parzialmente giustificabile, ma non così tanto.
Fatica e arranca per tutto il fine settimana gareggiando in fondo al gruppo. Se andrà avanti così potrebbe anche restare senza una macchina per il 2022.

 


Red Bull: 9

Hanno, al momento, la macchina migliore e non perdono occasione per dimostrarlo, tanto che la doppietta non arriva solamente per pura sfortuna. Devono sfruttare il momento positivo e allungare nel mondiale su Mercedes che, prima o poi, tornerà.

Verstappen: 8.5
Davvero top per tutto il fine settimana, tranne nel momento clou in qualifica, dove è solamente terzo. Il gara è un martello ed avrebbe vinto agilmente, senza la foratura. Per sua fortuna anche Hamilton ha portato a casa uno zero e, di fatto, mantiene la leadership del mondiale.

Perez: 9.5
Manca ancora di prestazione in qualifica, dove è solo settimo. In gara è da standing ovation, poiché non perde tempo nel rimontare, sino a mettersi dopo pochi giri in seconda posizione. Da li in avanti gestisce alla grande il forcing di Hamilton e, quando arriva l'occasione, risponde presente.

 

Ferrari: 6.5

Weekend a due facce per il team di Maranello, che da una parte sembra aver ritrovato prestazione, specie in qualifica (seconda pole consecutiva), ma dall'altra si dimostra ancora vulnerabile sul passo gara. Di fatto, questa inferiorità rispetto ai rivali, fa risucchiare i due piloti dal gruppo. Malgrado tutto, ci sono importanti segnali di ripresa.

Leclerc: 8
Grande prestazione del Monegasco che, al Sabato, è ancora una volta al top. In gara fa quello che può con la Ferrari attuale, ma il passo è ancora lontano dai rivali e poco può se non chiudere al quarto posto, tentando di arpionare il podio.

Sainz: 5.5
Non un super fine settimana per il Madrileno che, in qualifica, è ancora una volta battuto da Leclerc, mentre in gara commette più di un errore che lo relega nelle retrovie, portando a casa solo pochi punti.

 

McLaren: 6

Le aspettative su questa pista erano ben diverse, mentre la prestazione della MCL35M sembra in leggero calo rispetto ad inizio anno. Alla fine fanno punti, ma subiscono il sorpasso da Ferrari nella classifica costruttori.

Norris: 6
Dopo il bel podio di Monaco, il giovane Lando paga la poca competitività della McLaren sulla pista Azera. Poco può, non fa errori e chiude a punti battendo, ancora una volta, Daniel Ricciardo.

Ricciardo: 5
Continua il suo periodo non positivo di adattamento a Woking, con un'altro fine settimana tutt'altro che esaltante. Va a muro in qualifica, e sia al Sabato che alla Domenica, è battuto da Lando Norris.

 

Aston Martin: 9

Probabilmente sono la sopresa del weekend, considerando il pessimo avvio di stagione. Da Monaco sembrano aver trovato la quadra della monoposto e si dimostrano davvero performanti, andando a cogliere il primo podio per il team Aston Martin.

Vettel: 9.5
Dopo il GP di Monaco il nostro giudizio su di lui si era chiuso con un "Bentornato Seb?". Ebbene si, bentornato Seb che, dopo la bella gara nel Principato, si rende autore di una gara da applausi a Baku, andando a cogliere il primo podio per la Aston Martin e il suo primo podio per il team. Sembra tornato il biondino dei tempi d'oro.

Stroll: 7.5
Continua la sua crescita, che lo porta dar vita ad una bella gara, dopo una qualifica non certo esaltante. Fa una super rimonta, anche grazie ad una diversa strategia. Peccato che quando era saldamente in top10 l'esplosione di una gomma lo porta al ritiro.

 

Alpine: 6.5

Continua il loro percorso fatto di alti e bassi. In apparenza il risultato è buono, tanto che mettono una macchina a punti, ma il realtà la performance non è super. Devono trovare la quadra di una vettura che, se nelle giuste condizioni, sembra non essere poi così male.

Alonso: 8
Ebbene, dopo una prima parte di stagione non alla sua altezza, a Baku, cosi come Vettel, si esalta e torna a mostrare al mondo di cosa è capace. Davvero al top per tutto il weekend nel quale chiude ottimo sesto e in qualifica regola Esteban Ocon.

Ocon: 5.5
Non un super fine settimana per il pilota Francese che, dopo un avvio di stagione davvero buono, questa volta incappa in una tre giorni di poca competitività oltre che di molta sfortuna. La sua gara, di fatto, si chiude dopo pochissimi giri, precludendogli ogni chace di fare bene.

 

Alpha Tauri: 8.5

Fine settimana estremamente buono per il team di Faenza, che sembra aver ritrovato lo smalto delle prime gare e dei test. Mettono entrambe le macchine in Q3, oltre che entrambi i piloti a punti, di cui uno a podio. Davvero bravi, ma ora serve costanza, perché la macchina è buona.

Gasly: 9
Non perde mai occasione di dimostrare quanto veloce sia, disputando un fine settimana da vero top driver, mettendo la sua Alpha Tauri in seconda fila al Sabato e a podio la Domenica. Ormai una cosa è certa: non sbaglia e, quando ha occasione di cogliere un super risultato, lo coglie.

Tsunoda: 8
Dopo il difficile avvio di campionato, il giovane Giapponese sembra essersi calamato ed i risultati si vedono. Mette la macchina in Q3 e a punti in gara, mettendo a tacere le molte critiche che già iniziavano a piovere sul suo capo.

 

Alfa Romeo Racing: 6.5

Continuano con la loro stagione tutta alti e bassi, portando a casa punti per la seconda gara consecutiva. Dopo una brutta qualifica, i due piloti tentano la rimonta facendo il massimo delle loro possibilità su una pista di motore.

Raikkonen: 7
Con ciò che ha a disposizione non sfigura, tanto che in qualifica batte Giovinazzi, non compiendo errori come il compagno di squadra. In gara naviga a margine della zona punti e, nel caos finale, piazza la zampata chiudendo decimo.

Giovinazzi: 5.5
Non un super weekend per Antonio che, al Sabato si rende autore di una qualifica tutt'altro che buona, chiusa contro il muro e costretto a partire ultimo. In gara lotta e rimonta, ma alla fine resta a fondo gruppo, chiudendo fuori dai punti e dopo varie sportellate alla ripartenza dea gara.

 

Haas: 5

Cosa possono fare con la stessa vettura della passata stagione se non navigare nelle retrovie e chiudere in ultima e penultima posizione?
Poco valutabile un team che punta a sopravvivere, con la speranza di voltare pagina nel 2022.

Schumacher: 6
Date le premesse del team con cui gareggia poco può fare. Autore di un buon fine settimana, dato che non fa errori e chiude, ancora una volta, davanti a Mazepin, malgrado l'errore del team al pit stop.

Mazepin: 5.5
Continua la stagione confermandosi sui livelli finora mostrati, non compiendo clamorosi errori nel corso del fine settimana, e chiedendo ancora una volta, alle spalle di Mick Schumacher.

 

Williams: 5.5

La crescita rispetto al 2020 è visibile soprattutto in qualifica, dove sono performanti. In gara non sono altrettanto veloci, e non di rado commettono errori nella gestione gara. Malgrado tutto, fanno il massimo, ma poco possono se non mettersi alle spalle le due Haas.

Russell: 6.5
Non soprende più, visto che ormai ci ha abituato a portare la Williams in Q2 e dare il suo meglio, sempre.
Fa quel che può, ma la Williams in gara non è affato veloce. Come se non bastasse, il suo weekend è caratterizzato dalla mancanza di affidabilità della sua monoposto, che alla fine, lo porta al ritiro.

Latifi: 5.5
Rispetto al team mate Russell non è allo stesso livello ma, rispetto alla scorsa stagione mostra passi in avanti importanti. In gara e qualifica tiene botta, ma paga il grossolano errore del suo team sotto Safety Car. Non un fenomeno ma quantomeno non manca di umiltà e dedizione nel lavoro. 

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Azerbaijan 2021


Tag
gp azerbaijan | pagelle baku | gara gp azerbaijan |


Commenti
- Formula1.it
Come sempre l'Azerbaijan ha regalato una gara bella, ricca di colpi di scena e dall'esito tutt'altro ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it