La FIA vorrebbe eliminare il DRS, ma le vetture 2022 non lo permettono: il motivo
Tempo di lettura: 4 minuti

Nonostante il noiosissimo GP del Made in Italy e dell’Emilia Romagna, dal punto di vista dei sorpassi, che hanno a dir poco scarseggiato in assenza del DRS per tutta la prima metà della gara (qui la nostra opinione), all’interno della FIA sono convinti che si possa piano andare verso la riduzione dei vantaggi velocistici garantiti dall’uso di questo criticato dispositivo fino alla sua completa rimozione.

Questo almeno è il pensiero del responsabile dell’aerodinamica della Federazione, Jason Someville (uno degli artefici dei nuovi regolamenti) che in un’intervista riportata da ‘RaceFans.net’ ha affermato: “Andando a ridurre il carico aerodinamico delle vetture, sapevamo che saremmo andati a ridurre anche l’effetto scia. Per questo abbiamo poi scelto di non eliminare il DRS dai regolamenti 2022”.


Serve tempo per eliminare il dispositivo mobile dalle vetture

"I nostri piani sono quelli di rimuovere il DRS. Molti di noi ne sarebbero entusiasti. Ma serve tempo e bisogna vedere se sarà effettivamente possibile. Non lo abbiamo fatto quest’anno perché non sapevamo se si sarebbe rilevata la giusta decisione" ha spiegato.

La Formula1 ha intenzione nel 2026 di affrontare un’altra profonda revisione dei regolamenti lato motore e per l’occasione sta valutando “diverse soluzioni” ha proseguito il tecnico FIA. Può darsi che il DRS non giocherà più un ruolo così importanti sui concetti di quelle auto. In tal senso è stato interessante anche vedere il comportamento di quest’auto durante la prima metà dello scorso GP a Imola. Alcune auto sono riuscite a superarsi anche senza DRS, poi si sono venuti a creare dei trenini e gli effetti si sono annullati.”

Leclerc supera agevolmente Magnussen grazie al vantaggio garantito dalle gomme e dal DRS, GP Imola 2022

Leclerc supera agevolmente Magnussen grazie al vantaggio di gomma e di DRS (foto: Twitter, F1)

Ecco perché non si può fare ancora a meno del DRS

A concludere, Jason Someville è andato ad esporre la ragione per cui la F1 non è ancora pronta a rinunciare al dispositivo mobile: “In queste prime gare abbiamo visto quanto le auto siano in grado di seguirsi da vicino. Gli effetti benefici del DRS sono variati molto anche in funzione del tracciato. Alcuni piloti hanno giocato al ‘gatto e al topo’ per trarne vantaggio e siamo abbastanza soddisfatti del carico aerodinamico che le vetture riescono a generare."

"Dobbiamo solo stare attenti a non ignorare il fatto che l’effetto scia sia nettamente diminuito rispetto al passato e questo sarà un fattore di cui avremo bisogno se vogliamo pensare davvero di eliminare il DRS in futuro ha chiosato.


Foto: Twitter, Formula1

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio dell'Emilia Romagna 2022


Tag
DRS | f1 | effetto scia | stagione 2022 | formula1 | imolagp | jason someville |


Commenti
-
Formula1.it

Nonostante il noiosissimo GP del Made in Italy e dell’Emilia Romagna, dal punto di vista dei sorpassi ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it