Ricciardo, Red Bull sarà forte qui, il contratto? forse andrò in MotoGP

Ricciardo, Red Bull sarà forte qui, il contratto? Forse andrò in MotoGP

By:
1229

Vincere, è questo l'obiettivo dichiarato della Red Bull per il Gran Premio d'Ungheria.
Un gara nella quale sia Riccardo che Verstappen sono convinti di poter fare molto molto bene, sfruttando al massimo le doti della loro vettura che si sposano molto bene con le caratteristiche della pista.

Una vittoria che se arrivasse, potrebbe ancora, almeno formalmente mantenere i due tori Red Bull in lotta per il mondiale, e dimostrerebbe ancora una volta le straordinarie doti telaistiche della RB14.

Alla vigilia della gara in Ungheria, Daniel Ricciardo ha fatto il punto della situazione rispondendo alle domande dei giornalisti sulle aspettative Red Bull per questa gara e analizzando anche la gara passata.

Per iniziare l'australiano ha parlato del problema che ha accusato durante il Gran Premio di Germania, e se quel problema potrà avere su questo fine settimana:

Non dovrebbe, intendo come penalità, perché abbiamo ancora il motore numero 1, quello utilizzato fino a Monaco. Utilizzeremo quella power unit, visto che il chilometraggio è ancora nei limiti programmati, e se non ci saranno imprevisti credo che possa andare bene”.

Power Unit che verrà riutilizzata malgrado un deficit di potenza già messi in mostra nelle gare passate, ma che su questa pista non dovrebbe penalizzare molto la Red Bull numero 3, in quanto l'Hungaroring non è una pista di motore, e la mancanza di cavalli non ha lo stesso effetto delle altre piste.

Il team Red Bull, come detto, aspetta da molto tempo la pista Magiara, utile nel mettere in mostra le doti telaistiche della RB14, ed è convinta di poter avere molte chances di vittoria.
Proprio su questo argomento è stato stuzzicato il pilota di Pearth:

Non sono sicuro che ci sia un favorito in assoluto alla vigilia di questo fine settimana, ma penso davvero che sarà una lotta serrata, e spero di far parte del gruppo. Sono convinto che lotteremo per un decimo o forse meno, mi aspetto un gruppo molto ravvicinato, soprattutto in qualifica”.

Dichiarazioni di pretattica poiché, salvo guai affidabilistici, sarà protagonista assoluta in Ungheria, e se riuscirà a fare bene in qualifica, avrà moltissime possibilità di vincere su una pista che, insieme a Singapore, si sposa al meglio con la vettura di Milton Keynes.

A Daniel è stato anche chiesto un parere sulla decisone dei giudici di gara di non penalizzare Lewis Hamilton dopo la sua infrazione all'ingresso della pit lane:

Non ci ho pensato troppo, a dire il vero. Mi sono ritirato, ed anche il mio ritmo non era veloce. Entrare in pit-lane dopo il dissuasore credo sia una violazione, ma non sta a me giudicare. Di sicuro Lewis ha fatto una gran gara, soprattutto considerando da dove ha preso il via. Quindi ha meritato la vittoria, e credo che alla fine la decisione sia giusta”.

Decisione giusta, secondo il "bibitaro" in virtù della strepitosa gara di Lewis a Hockenheim, che con una penalità sarebbe stata distrutta, ma tra le righe fa capire bene la sua posizone, a favore di una pena, quando parla di violazione dell'ingresso ai box dopo il dissuasore, che dovrebbe comporatre una penalità.

Sempre parlando della gara passata, conclusasi con un ritiro per Daniel, gli viene chiesto se è dispiaciuto per l'occasione persa di portare a casa un bel bottino di punti:

Il ritmo non era granché, ma la strategia era buona, e credo che avrei potuto superare molti avversari che sono stati costretti a cambiare le gomme in anticipo rispetto alla mia strategia. Sono convinto che nella seconda parte di gara mi sarei trovato in una buona posizione”.

Prima parte di gara "rovinata" dalle gomme medie montate sulla sua vettura, che lo hanno costretto a perdere molto tempo in ogni sorpasso, visito che chi lo prevedeva aveva gomme più performanti delle sue.
La strategia si sarebbe rivelata giusta nella seconda parte di gara, quando a Daniel avrebbero dovuto montare delle gomme Ultrasoft, ma il ritiro, e anche la successiva pioggia, non ha permesso tutto ciò.


Riccardo non si è poi voluto sbilanciare quanto gli è stato chiesto se qui potrà avere pe stesse chance che ha avuto a Monaco:

Potrebbe essere, si. Monaco è sicuramente il circuito migliore per la nostra monoposto, e poi c’è anche Singapore. Il resto delle gare per noi è più dura”.

Potrebbe essere, visto che le caratteristiche della pista Ungherese sono motlo simili a quelle della pista del Principato, dunque la Red Bull può guardare con fiducia alla dodicesima tappa del Mondiale 2018.

Il compagno di squadra di Max Verstappen ha commentato anche i vari problemi che il team di Chris Horner sta avendo con la Power Unit Renault:

Quando hai diversi imprevisti finisci col perdere un po' di fiducia, e credo che sia un po' il sentimento di tutta la squadra. Alla base della decisione di cambiare power unit nel 2019 credo abbia influito anche questo aspetto, una frustrazione cresciuta negli anni. Penso che la squadra voglia avere un po' più di controllo, e penso che con la Honda ci sarà un rapporto molto aperto, una relazione che è stata un po' difficile da avere con Renault. Funzionerà? Lo sapremo l’anno prossimo, ma era necessario voltare pagina”.

Power Unit che mette, da ormai quattro anni, il team in uno stato di frustrazione dovuto ai cronici problemi di affidabilità e alla cronica carenza di potenza, che di fatto preclude al team ogni possibilità di successo ancor prima dell'avvio del Mondiale.

Per uscire da questa situazione, il team RB ha deciso di scommettere sulla Power Unit Honda, che è si una scommessa, ma è l'unico modo che può permettere alla squadra di uscire da questa scomoda situazione.

Per finire, Daniel Ricciardo ha parlato della situazione relativa al rinnovo del suo contratto, che è in standby da qualche tempo, e sembra che i ritardi siano legati alla durata di questo accordo, con Red Bull che vorrebbe rinnovare due anni, mentre Daniel solamente uno:

Il prossimo anno in effetti ho intenzione di essere libero per una nuova grande chance, sai, voglio passare in MotoGP, e non voglio essere vincolato!”.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Ungheria 2018


Tag
f1 | red bull | renault | pu | 2018 | verstappen | ricciardo | honda |


Commenti
- Formula1.it
Daniel Ricciardo analizza le ottime chances di vittoria della Red bull sulla pista Ungherese, e poi ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it