Toro Rosso e Williams si mostrano, la F1 è tornata

Toro Rosso e Williams si svelano, la F1 è tornata

By:
762

Toro Rosso e Williams, sono state loro le protagoniste di giornata, essendo le prime due squadre a far cadere i veli sulle nuove monoposto 2019.

A dire il vero, a mostrare a tutti gli effetti la vettura 2019, è stata la squadra di Faenza, che ha aperto le danze, mostrando al mondo le forme della nuova STR14, con la quale il team Italiano punta a ben figurare a centro gruppo, nel 2019, dopo un 2018 travagliato.

Buone prestazioni del team, che senza dubbio passeranno dall'ormai consolidata partnership con Honda, che secondo voci accreditate dovrebbe fornire al team di Franz Tost (e a Red Bull) una Power Unit affidabile e discretamente potente, capace quantomeno di non sfigurare rispetto a quelle dei rivali.

Un'altro elemento a favore di Daniil Kvyat e Alexander Albon (nuovi piloti del team), è quello di una stabile organizzazione tecnica, in grado, da anni, di sfornare forme interessanti, passata nel 2018 ad una struttura orizzontale dopo l'addio di James Key, il cui addio non dovrebbe comparare grossi problemi all'ufficio tecnico.

Soluzioni interessanti che, anche questo 2019, a Faenza hanno deciso di adottare, andando a copiare la soluzione Ferrari nella zona dei sidepods, utilizzando il cono antintrusione come deviatore di flusso, miniaturizzando e atterrando le bocche di raffreddamento, sulla STR14 di forma rettangolare, con annessi i deviatori verticali.

Sempre nella zona centrale, interessante il posizionamento degli specchietti retrovisori (soluzione old-style) proprio sul convogliatore aerodinamico, in una zona nevralgica per indirizzare i flussi all'ala posteriore.

Da annoverare ci sono poi quelle novità frutto dei cambi regolamentari, come i bargeboards più piccoli e indirizzati verso l'asse anteriore, corredate da ali anteriori prive di upper-flap e con endplate semplificati, e un'ala posteriore leggermente più larga e alta, finalizzata a massimizzare l'uso del DRS.

Ma proprio sul posteriore si notano fattori non sottovalutabili, come la pesante sciancratuta nella zona della coca-cola, a sottolineare una grande compattezza del gruppo motore-cambio, frutto probabilmente della partnership con Red Bull, fornitrice proprio di tutto il retrotreno, e termometro del grande lavoro a quattro mani con Honda per minimizzare gli ingombri e le masse radianti.
Sempre in questa parte, si nota il molto interessante "binario" sul fondo piatto della vettura, estremizzato, ma già visto su varie vetture nel 2018, come McLaren e Ferrari.

Nessuna novità dal punto di vista della livrea della vettura, che si è confermata blu acceso con delle righe rosse, e i loghi Toro Rosso in grigio acceso, senza il neppur minimo cambiamento dal 2018.

Cambiamento, e grosso, invece in casa Williams, che poco dopo la Toro Rosso ha svelato la nuova colorazione della macchina, che si mantiene su delle tonalità di bianco e celeste, con il bianco nella parte centrale della monoposto e del celeste sfumato nella parte periferica, disposti dunque diversamente rispetto al periodo 2014-2018 della sponsorizzazione Martini.

Nulla da dichiarare sotto la voce "forme", che non sono state mostrate, visto che quella delle immagini era la vettura 2018 semplicemente aggiornata ai regolamenti 2019.
La vera FW42 infatti, sarà svelata solo nei test di Barcellona che scatteranno la prossima settimana, poiché i team vorranno massimizzare i tempi per sviluppare le auto (specie il team di Grove che si dice sia in ritardo sullo sviluppo), e mostrare il meno possibile delle loro creature per la stagione ormai alle porte.

La prossima vettura a mostrarsi ai media sarà la Renault, la prima di Daniel Ricciardo, che ci farà immergere ancor di più nella nuova stagione, anche se ormai, dopo la giornata di oggi, possiamo dire ufficialmente: "La F1 è tornata!"



Tag
f1 | 2019 | red bull | toro rosso | kvyat | albon | honda | power unit |


Commenti
- Formula1.it
Giorno di presentazione in casa Williams e Toro Rosso, con Toro Rosso che mostra forme molto interessanti, ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it