Gp del Giappone: gara rovinata in partenza per la Ferrari, secondo Vettel

Gp del Giappone: gara rovinata in partenza per la Ferrari, secondo Vettel

By:
1733

Gara sostanzialmente decisa alla partenza con le Ferrari che scattano malissimo, Bottas si infila e guadagna subito la prima posizione. Verstappen affianca Leclerc alla prima curva, i due vanno al contatto danneggiando così le loro gare (Leclerc comparirà tra poco di fronte ai commissari per spiegare il suo punto di vista). Max si dovrà ritirare dopo circa 15 giri, mentre Leclerc sostituisce l'ala rotta, perde lo specchietto retrovisore sinistro, ma non si ferma e recupera fino alla sesta posizione. Il distacco finale dalla vetta sarebbe potuto essere minore, visto che il Team ha deciso di fargli fare un terzo pit stop per cercare di ottenere un giro veloce che poi non è arrivato. Vettel termina secondo impostando una gara su due soste. C'è stato solo un brivido iniziale per una possibile falsa partenza da parte del tedesco che comunque i commissari hanno valutato regolare. Apparte l'errore in partenza, quella di Seb è stata assolutamente una buona prestazione.


Sebastian Vettel (2°):
“In partenza le luci sono rimaste accese tanto tempo e io ho perso l’attimo giusto, perdendo tanto tempo. È stata poi difficile perché le Mercedes erano davvero molto veloci e avevano un passo migliore del nostro. Valtteri volava letteralmente tra metà e la fine del primo stint, così come Lewis che ha provato prima una strategia a una sosta. Sapevo che alla fine mi avrebbe raggiunto, ma io ho cercato di trovare il passo giusto contenendolo nei posti in cui poteva cercare il sorpasso. Anche senza l'errore in partenza, non so se saremmo comunque riusciti a lottare per la vittoria. La Mercedes aveva comunque delle carte strategiche da giocare e noi avevamo un passo un po’ più lento del loro”.

Charles Leclerc (6°, ancora sotto investigazione per il contatto con Verstappen):
"Nel complesso mi sono divertito, anche se il sesto posto non è quello che volevamo oggi e non è quello che meritava la squadra. Per me è stato tutto difficile dopo la partenza. Nell’incidente in curva 2 con Verstappen onestamente non c’era la possibilità di fare molto di più. È un peccato, ma è così. Non posso dire nulla sull’investigazione, ho vissuto la situazione dall’abitacolo e non mi è sembrato nulla di eccessivo. Ero all’interno, le due macchine davanti erano all’interno, ho avuto tanto sottosterzo e poi c’è stato il contatto. Restiamo positivi, perché negli ultimi cinque weekend abbiamo trovato la performance in qualifica, che comunque a inizio anno non c’era. Dopo, in gara, abbiamo sicuramente del lavoro da fare, anche io come pilota. Vado abbastanza forte al sabato, ma sulla lunga distanza sembro fare più fatica. Devo lavorare da parte mia e sulla macchina per provare a migliorare”.

Mattia Binotto (Team Principal):
"C’è rammarico, certamente. Non abbiamo raccolto quanto seminato. La partenza ha compromesso il resto della gara. Oggi il ritmo in gara, come degrado gomme, non era all’altezza di Mercedes. Ma credo che se fossimo restati davanti ci saremmo potuti difendere. Sebastian stava anticipando la partenza, poi per fortuna non è stato penalizzato, il che vuol dire che nei numeri stava nei tempi del sensore. Lo scatto poco felice di Leclerc è stata una conseguenza del movimento di Sebastian immagino. Non ho parlato ancora con lui, ma penso che abbia visto Seb e si sia distratto un attimo perdendo il tempo di reazione. Quello che avviene in curva 2, quando ti trovi nella mischia non è facile, gli episodi sono tirati. Bottas è partito bene, dovevamo partire altrettanto bene noi. Come bilancio della macchina dobbiamo ancora migliorare, perché abbiamo avuto troppo degrado. Però quando parti davanti, anche con quella poca differenza, poi riesci a rimanerci. Oggi dobbiamo cogliere l’aspetto positivo che è la prima fila in qualifica. Poi la partenza ha compromesso tutto il resto. Hamilton? Già dai primi giri avevamo intuito che la gara era da due soste. Arrivare in fondo con quelle gomme era improbabile, ci aspettavamo la seconda sosta di Hamilton e sapevamo che sarebbe uscito dietro di noi con delle Soft usate. Dovevamo difenderci sul rettilineo e l’abbiamo fatto. È stato bravo Seb, ha fatto una bella gara da quel punto di vista, partenza a parte. Credo che abbia guidato bene oggi”.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio del Giappone 2019


Tag
Ferrari | Lelcerc | Vettel | Binotto |


Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it