Venerdì negli USA: Mercedes in testa nonostante abbia raccolto molti dati per il 2020

Venerdì negli USA: Mercedes in testa nonostante abbia raccolto molti dati per il 2020

By:
235

La Mercedes ha portato a termine un venerdì in cui ha lavorato davvero molto duramente. Dopo le prime libere i tempi erano molto distanti dai piloti Ferrari e Red Bull, ma questo solo perché (dato che la Pirelli aveva messo a disposizione pneumatici C4 sperimentali 2020) si è preferito lavorare allo sviluppo della vettura del prossimo anno. Una volta però iniziate le PL2 la squadra Campione del Mondo è tornata a pensare alle qualifiche e alla gara di domenica, chiudendo con Lewis in cima alla classifica dei tempi e mettendo in mostra un passo gara davvero impressionante, sopratutto con gomma Soft. Qualche lamentela in più, rispetto ai rivali, per quanto riguarda i dossi presenti in pista...


Lewis Hamilton (1° dopo le PL2, 1'33''232):
"Oggi faceva abbastanza freddo, ma quantomeno è uscito il sole. La prima sessione è stata interessante, abbiamo provato le gomme 2020, mentre le FP2 sono andate bene compiendo un lavoro nella norma. La pista è molto accidentata quest’anno, i dossi aggiungono un’altra caratteristica al circuito: non sono un fan delle piste lisce, ma i bump qui sono enormi! Il problema per i piloti è con le sospensioni, mi sento come se fossi seduto su un pavimento e la tua colonna vertebrale subisce una forte compressione. I dossi li ho sentiti di più nelle Libere 1, ma abbiamo apportato alcune modifiche nel pomeriggio per avvertirli meno. Adoro questa pista, la macchina mi è sembrata buona oggi, tuttavia abbiamo ancora molto da fare, quindi stasera analizzeremo i dati e speriamo di essere forti domani”.

Valtteri Bottas (5° dopo le PL2, 1'34''045):
"In mattinata abbiamo lavorato esclusivamente allo sviluppo per il prossimo anno, quindi i tempi sul giro non erano importanti. Ci stavamo concentrando sulla raccolta di dati delle gomme nuove, il che è stato interessante. Faceva molto freddo, ma in macchina fa sempre caldo e sudi lo stesso, però per via di questo clima le gomme faticavano a scaldarsi. La pista era molto accidentata in alcune zone, specialmente nelle curve 5 e 6, laddove si va ad alta velocità, quindi se il posteriore della vettura non è abbastanza stabile la situazione può diventare complicata con quei bump. Frenare in curva 1 su una pista combinata così non è facile, è necessario essere precisi in frenata! I top team sembrano piuttosto vicini, ma ho faticato un po’ nel pomeriggio, perdendo tempo sui rettilinei e la macchina non mi è sembrata al massimo, quindi stasera dovremo lavorare per migliorare”.

 

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio Stati Uniti 2019


Tag
Mercedes | Hamilton | Bottas |


Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it