Mercedes-Red Bull, doppia figuraccia. Neanche il rispetto del galateo della corsia...
2495

In Qatar le tensioni tra Mercedes e Red Bull sono andate ben oltre le battute al vetriolo tra i due team principal, ma hanno coinvolto anche i meccanici dei team.

Generalmente secondo le norme "deontologiche" (norme più che altro legate al "saper vivere") della formula 1 in corsia box, quando una vettura sta rientrando o ripartendo, il meccanico che team che precede quella in arrivo deve spostare l'attrezzatura della propria squadra per favorire la manovra dell'auto ferma. Eppure, durante l'ultimo GP non pochi tifosi e appassionati hanno notato che nelle soste delle due contendenti i meccanici non abbiano fatto nulla per rispettare "il galateo" della corsia. Non è stato dunque facilitato l'ingresso o l'uscita delle vetture dalla piazzola, così da arrecare un danno all'avversario diretto.


Un comportamento la dice lunga sullo spettacolo e sul livello di competitività offerto dai due piloti e dalle due scuderie. Già in passato comunque questi tentativi di "disturbo" sono stati messi in atto da altri grandi protagonisti allo scopo di far perdere qualche centesimo importante. Ricordiamo nei primi anni 2000 come anche Ferrari e Mclaren, impegnate nella lotta tra Schumacher e Hakkinen, spesso lasciassero i meccanici al limite della loro area box allo scopo di rendere più lenta l'uscita dalla piazzola dell'avversario.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio del Qatar 2021


Tag
mercedes | red bull | qatar |


Commenti
-
Formula1.it

In Qatar le tensioni tra Mercedes e Red Bull sono andate ben oltre le battute al vetriolo tra i due ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it