Ferrari, Charles Leclerc in penalità a Spa e Austin per sostituzione della power unit

Era chiaro sin da questo inverno, all'interno della gestione sportiva Ferrari, che l'affidabilità sarebbe stata un punto debole del progetto F1-75.
Una questione spinosa da affrontare, emersa chiaramente durante le prove al banco, che i tecnici del Cavallino hanno dovuto inevitabilmente accettare in fase di delibera della monoposto 2022 pur di colmare il sostanzioso gap, in termini di potenza, della power unit Ferrari rispetto ai rivali, prima del congelamento regolamento fino al 2026.

Di fatto, a Maranello hanno compiuto una scelta logica, preferendo disporre di una monoposto performante ma inizialmente fragile, capace di riportare in alto la Rossa dopo anni difficili, per andare poi a recuperare affidabilità, nel corso del tempo, grazie alle deroghe concesse dal regolamento.
Scelta logica che implicava, già in fase di preparazione del campionato, un sacrificio di qualche gara in cui incassare penalità in griglia di partenza per la sostituzione completa dell'unità motrice.

Per i tecnici del Cavallino, purtroppo, quelli che erano i dubbi emersi al banco nei mesi invernali, si sono rivelati assai fondati. Di fatto, sono bastate poche gare per capire quanto la questione della vita degli elementi della PU sarebbe stata un difficile rompicapo, oltre che un importante fattore di perdita di punti iridati.
Non poche, oggettivamente, sono state le gare compromesse da problemi tecnici per la Rossa del riscatto e molti, come detto, sono stati i punti persi per le conseguenze dirette di questi problemi: i ritiri di Charles Leclerc a Barcellona e Baku, quelli di Carlos Sainz a Baku e a Spielberg.
Non solo, ma anche ragioni indirettamente legate all'affidabilità, come le penalità incassate e le conseguenti partenze dal fondo per la sostituzione della PU, hanno compromesso dei weekend di gara: il GP del Canada con Leclerc o il GP di Francia con Carlos Sainz.

Una stagione, quindi, che sinora è stata complicata dalla fragilità dei motori di Maranello e che, avendo il campionato appena superato la sua metà e avendo i piloti della scuderia superato il limite delle tre unità per 22 gare, potrebbe ulteriormente essere compromessa da quelli che gli inglesi definiscono "reliability issues".
Con tutta probabilità, secondo quanto appena esposto, per i piloti di Mattia Binotto si prospettano altri weekend con penalità.
Penalità, oggettivamente, necessarie per non rischiare rotture in gara ma anche per massimizzare la performance delle vetture.
Inoltre, il primo Settembre scatterà il definitivo freezing regolamentare delle PU, in particolare in materia di ibrido. Entro quella data, dunque, sarà necessario introdurre le ultime, desiderate, novità per poi omologarle in maniera definitiva.
Oltre quella data, nessuna miglioria potrà più essere apportata, e gli unici interventi premessi saranno quelli (dopo opportune verifiche della FIA) per migliorare l'affidabilità.

Per questo, e anche a causa di sviluppi pronti da tempo dell'MGU-K, gli ingegneri Ferrari vogliono far debuttare delle nuove power unit entro la deadline di Settembre e dunque, con tutta probabilità, Charles Leclerc andrà a scontare una penalità nel corso del weekend del gran premio del Belgio, a Spa-Francorshamps.
Non solo, ma stando alle indiscrezioni emerse nella giornata di oggi, sembra che il monegasco avrà un motore fresco, con conseguente arretramento in partenza, anche in occasione del GP degli Stati Uniti, ad Austin.
L'unico dubbio ancora non chiarito, è quello relativo all'entità delle penalizzazioni, con un range che varia da 5 a 20 caselle di arretramento in base alle componenti sostituite.

Insomma, a questo punto della stagione, sembra che tra le mura della GeS ci sia la voglia di privilegiare le prestazioni all'affidabilità sacrificando, come detto, un paio di gare su piste dove risulta agevole rimontare dal fondo, in cui incassare penalità.
Una strategia simile a quella attuata lo scorso anno da Mercedes con Lewis Hamilton quando era in lotta per il mondiale con Max Verstappen.



Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio del Belgio 2022


Tag
f1 | ferrari | 2022 | mattia binotto | carlos sainz | charles leclerc | maranello | f1-75 | power unit |


Commenti
-
Formula1.it

Dopo una difficile parte centrale di stagione, per Charles Leclerc la seconda metà di campionato non ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it