Qualifiche Gp d'Italia: Pole Position per Leclerc, Vettel deluso da Charles parte quarto

Qualifiche Gp d'Italia: Pole Position per Leclerc, Vettel deluso da Charles parte quarto

By:
759

La Ferrari conquista la Pole Position del Gp d'Italia con Charles Leclerc, ma questa sera non si festeggerà molto all'interno del box Rosso. Vettel è rimasto molto deluso dal comportamento del proprio compagno di squadra che 'si è dimenticato' di cedergli la scia nel secondo tentativo in Q3. Il problema è nato dal fatto che prima Hulkenberg, poi Sainz sono andati a rallentare molto nel corso dell'out lap, il gruppo si è completamente compattato con nessuno che voleva cedere la propria scia agli altri e sul traguardo, senza prendere bandiera a scacchi, sono transitati i soli Sainz e Leclerc (che ha superato Vettel alla parabolica). Di seguito le dichiarazioni a caldo.


Charles Leclerc (1°, 1'19''307):
È davvero incredibile vedere così tante persone, sin da mercoledì all’evento di Milano, è fantastico, sono felice per la Pole, ma è stato un vero peccato che nel finale ci sia stata tutta questa confusione. Domani sarà una giornata importante. La sensazione è magnifica. È un peccato per il team perché avremmo potuto fare una prima fila. Tutta la qualifica è stata complicata dal problema delle scie. Il passo gara che ho è meglio rispetto a Spa nei confronti delle Mercedes. Ma la partenza sarà importante e anche il lavoro di Seb sarà fondamentale per il risultato del team domani. Accordi interni con Vettel? Ad essere onesti nel primo run Seb doveva darmi la scia e poi avrei dovuto rifarlo io. Ma poi le Renault si sono piantate in mezzo alla pista e io sono rimasto dietro a Seb. Sono riuscito a superarlo ma non è stato abbastanza. Incidente di Peroni in F3? Non aveva senso mettere il dosso in quel posto. Era meglio quando c’era la ghiaia in quella via di fuga”.

Sebastian Vettel (4°, 1'19''457):
"Qualcosa non ha funzionato nel finale? Probabilmente sì, perché è stato inutile sorpassarmi così tardi, Charles doveva essere davanti a me fin da subito. Ad ogni modo sono contento della macchina, la qualifica è andata bene, la macchina era ottima, ho fatto un ottimo giro ma non avevo la scia. Questa è la differenza tra fare la Pole e non fare la Pole oggi. Con Charles credo che non abbiamo eseguito quello che avevamo pensato oggi. Ad ogni modo per il team è un buon risultato e vedremo cosa riusciremo a fare domani. La gara? Sarebbe stato più semplice partire più avanti, ma la situazione è questa. Ho avuto una buona sensazione oggi, ho fatto un ottimo giro credo però nessuno mi ha dato la scia, oggi sono stato un po’ solitario. Non sono pienamente felice perché credevo fosse chiaro quello che ci eravamo detti prima... Io ero quello che diceva a tutti di levarsi, la gente rallentava, Charles rallentava e alla fine io non ho passato il traguardo“.

Mattia Binotto (Team Principal):
"Peccato per Sebastian. Il secondo tentativo è quello in cui avrebbe dovuto sfruttare al meglio la scia. Le cose non hanno girato come le avevamo previste, poi è successo quello che è successo. Oggi Seb era molto veloce, credo che avrebbe potuto fare un’ottima qualifica. Lui lo sentiva, era convinto di poter fare molto bene. Trovarsi in questa posizione non è quel che sperava. Capisco la sua frustrazione. Finite le cose da fare dopo la qualifica parleremo insieme a lui e cercheremo di capire cosa si poteva fare di diverso. Sono situazioni che nascono, non dico imprevedibili perché sapevamo che tutti sarebbero usciti all’ultimo e avrebbero cercato di stare davanti. La scia conta molto, lo abbiamo visto stamattina provando la qualifica, sono almeno quattro decimi ed era determinante per fare un bel tempo. Dobbiamo riguardare tutto onestamente, per noi ora è tutto in diretta. Riguarderemo i dati e alcune situazioni, anche nel primo run, ce ne sono da chiarire, poi valuteremo. Una Pole è sempre una Pole, resta un bellissimo risultato. Dispiace tanto per Sebastian. Detto questo, essere davanti a tutti a Monza è la prima gioia, si è sentito il boato dei tifosi. Sono scenari che uno prepara prima, non è che si improvvisano. È chiaro che uno in Pole al primo tentativo si trova lì davanti alla fine si chiede ‘chi me lo fa fare di tirare’. Vogliamo una doppietta domani, e la qualifica di oggi non complica i piani. Sarà gara lunga, combattuta. Partendo primi e quarti, la partenza è chiave. Si può far bene fino alla prima chicane, il tratto è lungo, poi ci saranno opportunità al pit stop e con la nostra velocità magari anche chance in pista. Intanto ci sarà certamente qualcosa da chiarire nel debriefing di questa sera”.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio d'Italia 2019


Tag
Ferrari | Lelcerc | Vettel | Binotto |


Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it