Il Gp di Russia Ferrari: dalla possibile doppietta al terzo posto di Leclerc è un attimo

Il Gp di Russia Ferrari: dalla possibile doppietta al terzo posto di Leclerc è un attimo

By:
726

La Mercedes torna alla vittoria e lo fa con una splendida doppietta. Peccato per la Ferrari perché oltre al danno c'è stata anche la beffa. Subito dopo le soste della Rossa, Vettel ha un problema al motore (MGU-K) ed è così costretto al ritiro. A quel punto viene introdotto il regime di VSC e la Mercedes ne approfitta per fare la sosta. L'ordine in pista diventa 1) Hamilton, 2) Leclerc e 3) Bottas, ma Charles decide di andare ai box per mettere le Soft come i rivali (in quel momento aveva le Medie). Il resto è storia. La gara termina come è ripartita dopo la Safety Car: 1) Hamilton, 2) Bottas e 3) Leclerc. Charles ha fatto bene a rientrare e mettere le Soft. Ha rischiato ed ha perso una posizione, è vero, ma sicuramente restare in pista con le Medie avrebbe significato soffrire e proteggere la seconda posizione da Botttas, invece il ragazzo ci ha creduto e ci ha provato... Di sicuro non avrebbe potuto vincere restando in pista con gomma Media, quindi è giusto così.
Altro tema: alla partenza del Gp, Leclerc ha dato tutta la scia a Vettel facendolo passare agevolmente con il risultato di avere due Ferrari al comando. Dai Team Radio che ci sono stati, a quel punto Vettel avrebbe dovuto far passare Charles per ridargli la posizione, cosa che non ha fatto in gara e forse è stata anche la scelta corretta visto che c'era Hamilton proprio alle spalle in agguato. La Ferrari ha agito di conseguenza fermando prima Leclerc e successivamente Vettel ristabilendo con i pit stop le gerarchie: davanti Leclerc, dietro Vettel. Peccato però che Seb abbia perso il supporto dalla propria Power Unit non appena uscito dai box.  Oggi alla Ferrari ha detto male (il problema d'affidabilità non è sfortuna, queste sono cose che non devono accadere, la sfortuna risiede nel momento, l'unico momento in cui non doveva succedere è successo) perché tralasciando il problema della gestione dei piloti si poteva tranquillamente chiudere primo e secondo.


Charles Leclerc (3°):
"Il nostro passo è stato abbastanza positivo. Tornare sul podio è positivo, peccato per il team che la seconda macchina non sia arrivata al traguardo. Da parte nostra la gara è stata positiva, la Mercedes è veloce sul passo gara, molto più veloce che in qualifica. Dobbiamo migliorare in questo. I team radio e i primi giri? Dobbiamo parlare con il team, ma la strategia era quella di dare la scia a Vettel ed essere primo e secondo sul rettilineo, cosa che poi si è verificata. Poi dovrò parlare meglio con il team per chiarire la situazione. Abbiamo comunque lavorato molto bene. Mi aspettavo quel gap da Sebastian nella prima parte di gara. Ho fatto due giri spingendo tanto vicino a lui e dopo le gomme si sono riscaldate. Di conseguenza, dopo ho perso un po’ di tempo. Penso, però, che il team abbia capito la situazione e mi hanno permesso di passare davanti con il pit stop. Quello che è successo dopo è solo un peccato, il problema al motore di Seb ha permesso alla Mercedes di fare una sosta molto più veloce della nostra con la Virtual Safety Car e da lì in poi è stato difficile per noi. Avevamo il passo per battere Valtteri, ma quando mi sono avvicinato si surriscaldava tutto. A questo punto la posizione dopo la Safety Car era la migliore che potessimo ottenere. Sulla strategia, credo che abbiamo fatto la scelta giusta, ma non potevamo sapere che ci sarebbe stata la Virtual Safety Car pochi giri dopo. La performance della macchina è stata positiva e questo è sempre buono. Peccato solo per il risultato, però secondo me in questi weekend abbiamo mostrato che la squadra sta facendo un ottimo lavoro e dobbiamo andar fieri di questo. Sicuramente oggi non è andata nella nostra direzione, ma a volte succede e non potevamo prevedere nulla".

Sebastian Vettel (Ritirato per un problema con l'MGU-K):
"Certamente non siamo contenti perché volevamo la doppietta in questa gara, ma non è andata così. Personalmente, penso che ho avuto una buona partenza e poi il primo stint è stato abbastanza veloce per aprire un grande gap. Dopo il pit stop non so perché la squadra ha chiesto di fermare la macchina. Nell’out lap non avevo la MGU-K, la batteria era senza energia e ho dovuto fermarmi in pista. Spero almeno che il motore non abbia subito dei danni in vista delle prossime gare. Team order ignorato? Non so esattamente cosa sia successo, ad essere onesto. Avevamo un accordo, ho parlato con Charles in particolare prima della gara e mi sembrava piuttosto chiaro. Non so, forse mi sono perso qualcosa. Di certo ne parleremo. Come detto, oggi siamo molto amareggiati perché volevamo fare doppietta con le nostre macchine e questo non è il risultato che volevamo”.

Mattia Binotto (Team Principal Ferrari):
"Abbiamo detto prima della gara che per vincere bisogna essere perfetti e non lo siamo stati, su più di un fronte. Oggi l’abbiamo lasciata lì quindi l'amarezza è tanta e c’è dispiacere. Dobbiamo però essere incoraggiati da questo weekend per prestazione vettura. Bisogna guardare avanti e ci saranno altre gare in cui rifarsi. Per vincere bisogna essere affidabili, è il punto di partenza. Non lo siamo stati quest’anno e nemmeno oggi. Oggi Vettel ha avuto un problema alla Power Unit, parte ibrida. Abbiamo chiesto al pilota di fermarsi il prima possibile per questione di sicurezza. Per pensare alla sicurezza bisogna fermarla lì. Poi chiaro eravamo a 100 metri da pit lane, sono tutte considerazioni che uno può fare ma la sicurezza viene sempre per prima”.

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Russia 2019


Tag
Ferrari | Lelcerc | Vettel | Binotto |


Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it