GP Turchia: le pagelle

GP Turchia: le pagelle

By:
2902

Dopo nove anni di assenza da Istanbul, in questa stranissima stagione, il Circus iridato è tornato a far tappa in Turchia.
Sulla pista nata dallo studio di Hermann Tilke nel 2005, è andato in scena il quattordicesimo round della stagione 2020. Una pista molto bella e a molti piloti sconosciuta che, a differenza di altre, dovrebbe essere confermata nel calendario iridato.
Un appuntamento inserito nel calendario in extremis che ha regalato un grandelissimo show grazie allla variabile dell'asfalto, che non pochi problemi ha causato, e soprattutto grazie alla pioggia che ha rimescolato le carte.
Non solo, ma la gara Turca resterà nella storia, poiché è stata la gara in cui Lewis Hamilton ha eguagliato il record di 7 titoli mondiali piloti detenuto da Michael Schumacher, andando a conquistare il settimo centro iridato della sua carriera, sesto in Mercedes.
In generale, la gara è stata estremamente movimentata e ricca di colpi di scena in termini di risultati, tranne per quanto riguarda il nome del vincitore: Lewis Hamilton.

A differenza del solito, da un quakche gara a questa parte, va segnalata la prestazione della scuderia Ferrari, pessima in qualifica ma davvero ottima in gara che, per la prima volta in stagione, ha messo entrambe le macchine in zona podio.
Un buon segale dopo un lungo calvario che, obbligatoriamente, dovrà essere un punto dal quale partire per costruire un finale di stagione, ma soprattutto un 2021 dignitoso.  Testimonianza, questa, che gli upgrade visti nelle scorse gare stanno funzionando e la strada imboccata è quella giusta.

Andiamo allora ad analizzare il rendimento di questo quattordicesimo round stagionale nel Gran Premio di Turchia di team e piloti, con le nostre pagelle.

Mercedes: 6
Nel weekend dove Lewis Hamilton diventa leggenda, forse fanno la peggior figura in termini di prestazione. Malissimo al Sabato dove incassano un distacco ciclistico dalla pole. In gara, a fare la differenza è il pilota e non la vettura, ma ormai quello che dovevano conquistare lo hanno conquistato.

Hamilton: 10
Non beme in qualifica, dove perde la pole a causa di una macchina non all'altezza. In gara è maestoso, dove lascia sfogare gli altri nella prima fase ma nel finale gestisce le gomme usate e va di forza a prendersi la vittoria ed il settimo titolo mondiale.

Bottas: 2
Senza infamia e senza lode in qualifica, inguardabile in gara dove naviga sempre nelle retrovie, girandosi svariate volte all'uscita di curva uno. Devastato e doppiato dal team mate a parità di macchina.

Red Bull: 9
Bene per tutto il fine settimana, con entrambe le macchine. Sprecano però il potenziale, sia perdendo la pole che una possibile vittoria in gara.

Verstappen: 5
Perde la pole per la troppa foga di fare bene, pattinando all'uscita dell'ultima curva.
In gara, per recuperare a questo errore vuole strafare e, con un paio di testacoda e una brutta partenza butta via una possibile, e molto probabile, vittoria.

Albon: 6.5
Non male in qualifica così come in gara.
A differenza del solito tiene bene il passo di Verstappen, anche se la sua gara non è perfetta. Fa un buon risultato proprio nel momento in cui è sotto esame.

Ferrari: 8
Buon fine settimana da parte team di Maranello. Malissimo in qualifica, ma davvero molto bene in gara dove arriva il terzo podio stagionale, il che conferma che la via di sviluppo imboccata è corretta.

Leclerc: 8
Soffre una pessima Ferrari al Sabato, così come Vettel, anzi di più. In gara è autore di una super rimonta fino al podio, ma butga tutto al vento con una staccata a vita persa all'ultimo giro nella speranza di arrivare secondo. Alla fine è però quanrto e assai deluso.

Vettel: 9.5
In qualifica è davanti a Leclerc ma eliminato dal Q3. In gara, però, è super, capace di lottare contro macchine più performanti. Alla fine sfutta ogni situazione ed è grandissimo terzo al traguardo. Bentornato Seb, ne avevi davvero bisogno.

McLaren: 8
Up e down sin dall'inizio della stagione, ma in questo fine settimana portano a casa punti pesanti, mettendo entrambe le macchine a punti, che li avvicinano a Racing Point nella classifica costruttori.

Norris: 7
Non benissimo in qualifica, dove è dietro a Sainz. In gara fa il suo, non sbaglia ed entra, ancora una volta, in top10, con una grandissima parte finale di gara, dopo un avvio in sordina.

Sainz: 8
In una gara pazza mette in mostra quella che è la sua dote migliore, la costanza e capacità di non fare errori. Fa una gara senza inquadrature, tutta passo e pochi lampi ma alla fine è gran quinto al traguardo, portando a casa punti pesantissimi per il team.

Racing Point: 6.5
Per una volta che hanno la chance di fare un risultato superlativo per il team, mettono in atto strategie estremamente discutibili.
Qualifica da urlo per il team e per i piloti, ma con Stroll buttano al vento un potenziale doppio podio causa una sosta di troppo.
Fanno punti, pesanti, ma non quanti potevano,.

Perez: 9.5
Non benissimo in qualifica dove è battuto dal team mate Stroll. In gara è super, e fa il massimo con ciò che ha tra le mani, un podio superlativo. Peccato perché tutto ciò non sembra servire a molto, poiché la sua permanenza in F1 è a serio rischio.

Stroll: 8
Continua il periodo no dopo aver contratto il Covid-19.
Si, è vero, conquista una super pole e fa gara di testa fino ad una ventina di giri dalla fine.
A quel punto però una tattica discutibile del team lo relega fuori dal podio, ma le sue gomme invece che migliorare la sua performance la peggiorano e alla fine è solo, miseramente e immeritatamente, nono.

Renault: 6
Dopo le ottime prestazioni degli scorsi fine settimana, il team di Estone fa un passo indietro, non confermandosi sugli stessi livelli, arrivando ai margini della zona punti.
La speranza è che sia solo una battuta di aresto e non un'inversione di tendenza.

Ricciardo: 6.5
Bene in qualifica, dove entra in Q3, non allo stesso modo in gara.
Autore di una gara senza acuti, salva almeno parzialmente la giornata con la conquista di un punto.

Ocon: 6
Torna dietro a Daniel Ricciardo sia in qualifica che in gara. Naviga a centro gruppo per tutti i 58 giri, senza riuscire ad entrare in top10.
Non una grandissima stagione,.finora, la sua.

Alpha Tauri: 5
Dopo il weekend davvero positivo di Imola, arriva un brusco passo indietro per il team di FranzTost, in un fine settimana nel quale non portano a casa punti. Peccato, perché la conquista della sesta piazza tra i costruttori non era così tanto utopica

Gasly: 6.5
Soffre un fine settimana nel quale la sua Alpha Tauri è irriconoscibile e fuori dai punti.
Peccato, poiché arriva il secondo zero dopo il ritiro di Imola, che potebbe minare un bel momento positivo.

Kvyat: 6
Stesse considerazioni effettuate per Gasly, poiché il Russo è vittima di un weekend dove la AT01 è irriconoscibile. Peccato, poiché avrebbe potuto proseguire il momento positivo iniziato ad Imola.

Alfa Romeo Racing: 5.5
Segnali di risveglio rispetto alla score gare, almeno in qualifica, dove sono strepitosi.
Malissimo in gara dove naufragano sulla pista allagata. Scompaiono già dai primi giri senza avvicinarsi mai alla zona punti.

Raikkonen: 6.5
Chapeau per la sua qualifica, da urlo, con cui, grazie alla sua classe, guadagna il Q3 e la terza fila. In gara arranca per 58 giri arrivando in fondo al gruppo.

Giovinazzi: 5
Davvero una bella qualifica per Antonio. La sua Domenica parte male, con un contatto contro le barriere nel giro out per andare in griglia. Riesce comunque a partire ma, dopo pochi giri è costretto al ritiro. Una giornata no per lui.

Haas: 4
Stagione davvero da dimenticare per il team di Gene Haas. Bene in qualifica, orribili in gara dove, oltre a non avere prestazioni, commettono grossolani errori ai box che compromettono oltremodo la gara dei loro driver.

Grosjean: 5.5
Dopo aver appreso del suo licenziamento, e di essere fuori dalla F1, poco ci si può aspettare da lui. Naviga, con una Haas assai deludente nel fondo dello schieramento.

Magnussen: 7
Stesse considerazioni di Grosjean. Sa di essere fuori dal team e dalla F1. Tenta di lottare,  riuscendoci almeno in qualifica, centrando la Q3. In gara lotta ka è costretto al ritiro per una gomma non fissata in un pit stop. Come di dice, Piove sul baganto.

Williams: 4
Malissimo in qualifica, così come in gara.
Non sfruttano minimamente le varie situazioni, in una gara pazza che, come non mai li avrebbe potuti avvicinare alla zona punti. Altra stagione da archiviare. Meglio pensare al 2021.

Russell: 3
Continua il monento no dopo il crash di Imola.
Ad Istanbul, addirittura sbatte all'ingresso box nel giro di ricognizione.
Dovrà resettarsi e, a questo punto, pensare già al 2021.

Latifi: 5
È, a dire il vero un oggetto misterioso.
In gara, come normale sia, naviga sempre a in ultima posizione, e compie una lunga serie di errori, testacoda nello specifico.
Diciamo che, alle volte, fa interrogare e non poco, sul perché sia in F1, se non per meriti che esulano da ciò che si vedeba visiera abbassata.



Tag
f1 | ferrari | red bull | mercedes | mclaren | vettel | leclerc | norris | hamilton | bottas | norris | verstappen |


Commenti
- Formula1.it
Giornata storica per la Formula Uno e per Lewis Hamilton, quella del GP di Turchia, poiché il pilota ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it